Resistenza agli antibiotici, sarà la prima causa di morte al mondo: “la nuova emergenza sanitaria”

Contro l’avanzare dei “superbatteri”, una rete di centri infettivologi in 30 città per un progetto contro la resistenza agli antibiotici

Nel 2050, che non è poi tanto lontano, la prima causa di morte al mondo sarà la resistenza agli antibiotici, l’aver distrutto quel gioiello della medicina che ci fu portato sulla punta delle armi dei “liberatori” anglosassoni nel 1945. Allora fu la penicillina, sono seguiti tanti antibiotici capaci di guarire infezioni che mietevano vittime a schiere. Nel 2050 i decessi causati da questo guasto sanitario saranno dieci milioni, secondo le previsioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità.

Microbi multiresistenti in tutta Europa

Il fatto è che di queste preziose terapie non si è avuta la cura necessaria: usandole fuori dai corretti principi, abbiamo alimentato la resistenza agli antibiotici (che di per sè è un fenomeno naturale di adattamento), facilitando la creazione di superbatteri non più eliminabili. «È la nuova emergenza sanitaria», dicono dalla Simit, la Società italiana di Malattie infettive e tropicali. E per reagire all’ondata di microbi multiresistenti agli antibiotici, che ha invaso tutta Europa e purtroppo vede l’Italia al primo posto, hanno creato il progetto “Resistimit”. Si tratta di una rete, partita a fine 2022 con 10 centri pilota dislocati in tutto il paese, che collega ora 30 centri infettivologi a livello nazionale. Questi svolgeranno un’azione di sorveglianza e condivideranno dati continuamente attualizzati sulle tendenze epidemiologiche, le caratteristiche delle infezioni, la mortalità associata.

Un’alleanza in difesa degli antibiotici

Spiega il professor Marco Falcone, segretario della Simit: «Si tratta di un registro dinamico e di una piattaforma software che permetterà di determinare un sistema di analisi dei dati tramite l’intelligenza artificiale con analisi predittive. Ciò significa che avremo la possibilità di anticipare le diagnosi, identificare il miglior trattamento, individuare i casi più complessi, fino a migliorare la gestione delle infezioni e ridurre la mortalità. Questo trasforma la ricerca da statica a dinamica».

Ogni anno 15.000 morti in Italia

Colpisce scoprire dai dati generali che nel trend peggiorativo dei germi multiresistenti non compaiano più solo i paesi mediterranei come in passato, ma pure i paesi anglosassoni e scandinavi. Nel progetto Resistimit verranno incorporati i risultati raccolti fino a settembre 2023 in 17 ospedali dalla rete “Alarico” che attestano come le infezioni da microrganismi multiresistenti ai carbapenemi (antibiotici di ultima linea), i più difficili da trattare, causano, rispetto ai microrganismi sensibili a questi antibiotici, un eccesso di mortalità che può arrivare fino al 35 per cento. In Italia, ricorda Falcone, sono 15.000 i decessi ogni anno causati dalla resistenza agli antibiotici.

I tre errori contro i farmaci salvavita

Ma come si crea questa resistenza nel singolo e come si propaga alla collettività? «Questo tipo di medicine hanno regole precise – è la risposta. – Spesso non rispettate, anche da parte dei medici di medicina generale. Si favorisce la resistenza contro quell’antibiotico sostanzialmente se:

  • la durata della cura è troppo breve
  • il dosaggio è troppo basso
  • quell’antibiotico non è adatto a quell’infezione.

Questa resistenza diventa collettiva perché, se entro di noi si sono creati batteri resistenti, i cosiddetti superbatteri, poi noi li abbiamo nel respiro, nella cute, nelle mani con cui tocchiamo e interagiamo con le altre persone. Così si diffonde il “contagio”, diciamo, di questi microrganismi». – Fonte Fondazione Umberto Veronesi.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

FOCUS – Inquinamento killer, così altera la pressione arteriosa dei pendolari: lo studio

Nel traffico l'inquinamento provoca un aumento della pressione, anche in chi viaggia nei mezzi chiusi. Filtri adeguati fanno la differenza

“Solo un uovo sodo nel piatto”. Così una mamma racconta l’anoressia nervosa della figlia adolescente

La storia è comune a quella di tante famiglie alle prese con i disturbi del comportamento alimentare: come cogliere i segnali d'allarme?

Giornata europea della Logopedia, filo diretto con gli esperti dal 4 all’8 marzo

In occasione della Giornata europea della Logopedia del 6 Marzo, l'impegno nella promozione dell’empatia, del sostegno e della flessibilità

Cassino – L’Avis ringrazia gli oltre 1000 donatori annui e guarda al futuro

Cassino - La diciannovesima assemblea dell'associazione si è svolta domenica nella sala Restagno del Comune

Fegato grasso NASH, arriva il primo farmaco efficace per la steatoepatite non alcolica

Positivi i risultati nell'utilizzo di resmetirom per la NASH. Dopo anni di insuccessi potrebbe essere il primo farmaco utile approvato

Paola e la diagnosi di tumore: “Il cancro non mi ha tolto il sogno di diventare mamma”

Il racconto alla Fondazione Veronesi: "Sono diventata Pink Ambassador e ciò mi ha permesso di riscattarmi dalla malattia e superare i limiti"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -