Edilizia popolare, accordo storico tra Ministero e Regione: 54 milioni per l’emergenza abitativa

L'obiettivo principale è sostenere le famiglie con limitate capacità economiche che non possono permettersi né un mutuo né un affitto

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Lazio hanno sottoscritto ieri al Mit, alla presenza del vicepremier e ministro Matteo Salvini e del presidente Francesco Rocca, un Accordo di Programma per la realizzazione di iniziative innovative per la rigenerazione urbana, il recupero e la riqualificazione del patrimonio abitativo sociale di Roma e dell’intera regione.

Quasi 54 i milioni messi a disposizione, di cui 43,9 provenienti da fondi Mit e oltre 10 della Regione, tra risparmi e risorse inutilizzate in passato. Serviranno a finanziare interventi di rigenerazione urbana su immobili di edilizia residenziale pubblica, per promuovere la qualità sociale e ripristinare il tessuto urbano, alla manutenzione straordinaria di edifici pubblici, nonché al recupero del patrimonio immobiliare pubblico e privato attualmente non utilizzato o sottoutilizzato. Sono previsti, inoltre, nuovi interventi di edilizia sociale, tramite l’acquisto o la costruzione di nuovi immobili, al fine di aumentare l’offerta abitativa pubblica e sociale. Obiettivo principale sostenere quelle famiglie che, a causa di limitate capacità economiche, non possono sostenere né un mutuo né un canone di locazione per una casa.

«Abbiamo consegnato alla Regione Lazio quasi 54 milioni di euro per l’edilizia popolare. – Ha commentato Matteo Salvini, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, in occasione dell’Assemblea dell’Associazione nazionale costruttori edili (Ance). Sono soldi che erano stati stanziati dal 2001 e per 23 anni non sono stati spesi da diversi governi».

Rocca: “Edilizia sociale risorsa fondamentale per un futuro equo e solidale”

«L’edilizia sociale rappresenta una fondamentale risorsa per le fasce più deboli della società, garantendo loro accesso a un alloggio dignitoso e sicuro. Questo tipo di iniziativa non solo fornisce una soluzione abitativa, ma contribuisce anche a promuovere l’inclusione sociale, la coesione comunitaria e la riduzione delle disuguaglianze. Investire nell’edilizia sociale significa investire nel benessere e nella stabilità delle persone e delle famiglie che ne beneficiano, contribuendo così a costruire una società più equa e solidale. L’accordo siglato con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti rappresenta, inoltre, un passo significativo verso la creazione di un ambiente abitativo più inclusivo e sostenibile nel territorio del Lazio, migliorando la qualità della vita per i suoi cittadini e promuovendo lo sviluppo sociale ed economico della regione. L’iniziativa, per la quale ringrazio il ministro Salvini, mira a fornire soluzioni rapide e decisive al fabbisogno abitativo primario dei nuclei familiari con risorse economiche limitate», lo ha evidenziato il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca in merito alla firma dell’Accordo di Programma.

Ciacciarelli: “Accordo storico”

«La sottoscrizione dell’Accordo di Programma tra la Regione Lazio e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per avviare programmi innovativi di rigenerazione urbana, recupero e riqualificazione del patrimonio abitativo pubblico e sociale costituisce un importante traguardo, frutto della costante interlocuzione istituzionale intrapresa nel corso di questi mesi tra la Direzione Urbanistica della Regione Lazio ed il MIT, con l’obiettivo di dare una pronta e risolutiva soluzione al fabbisogno abitativo primario dei nuclei familiari con capacità economica insufficiente a sostenere un mutuo o un canone di locazione sul mercato abitativo», ha affermato Pasquale Ciacciarelli, assessore all’Urbanistica, alle Politiche abitative, alle Case popolari e alle Politiche del Mare. «Il presente Accordo conferma la sensibilità del Governo del Lazio e del Ministero delle Infrastrutture Matteo Salvini sul tema dell’emergenza abitativa, questione fortemente presente e sentita nell’attuale contesto economico sociale e che, per tale ragione, necessita di essere affrontata dalle istituzioni preposte con particolare attenzione», ha concluso l’Assessore.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Incendi dolosi, fine settimana devastante in Ciociaria: la Fontana deposita un’interrogazione

L'on. Ilaria Fontana ha depositato un'interrogazione al Min. Dell'interno, al Min. Della Protezione civile e alla Presidenza dei Ministri

Frosinone – Mobilità sostenibile e BRT, il consiglio comunale convocato in adunanza aperta

Il consiglio, sul tema citato, è stato quindi convocato per mercoledì 31 luglio alle 10.30 nell’aula consiliare

Sanità, l’Asl inaugura il servizio di Oncologia ad Anagni: tutte le novità per i pazienti

Nella mattinata, Francesco Rocca e Sabrina Pulvirenti hanno inaugurato il servizio di Oncologia nel presidio sanitario di Anagni

Atto aziendale Asl, esplode il caso. Campoli grida allo scandalo: “Copiato dalla Regione Campania”

Il sindaco di Fumone attacca: “In più punti, a partire da pagina 83 ultimo rigo, si fa riferimento alla Campania. Non vi vergognate?”

Anagni – Approvazione atto aziendale Asl, Santovincenzo: “Il sindaco riferisca ai cittadini”

Il consigliere afferma: “Deve riferire come si è espresso nei confronti dell'atto aziendale Asl. E deve spiegare cosa intende fare”

Torture e violenze sui pazienti del Cem, la Savo chiede un confronto comune per studiare misure preventive

“Sono disponibile a convocare una seduta della Commissione Sanità, che presiedo, per affrontare il fenomeno in tutti i suoi aspetti”
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -