Iran, giustiziato per impiccagione un attivista coinvolto nelle proteste contro il regime

L'attivista era un giovane, poco più che 20enne. Si tratta dell'ottava esecuzione in Iran dal settembre 2022, dopo la morte di Mahsa Amini

Iran – Un uomo è stato giustiziato poiché ritenuto colpevole dell’omicidio di un membro delle forze di sicurezza durante le proteste contro il regime degli scorsi mesi.

A renderlo noto, secondo quanto riportato dalla stampa nazionale, è stata l’organizzazione Hengaw, gruppo che lotta per i diritti umani con sede in Norvegia. Milad Zohrevand, questo il nome dell’attivista poco più che ventenne, è stato impiccato in una prigione di Hamadan. Si tratta dell’ottava esecuzione in Iran dal settembre 2022, dopo la morte di Mahsa Amini.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Maxi incidente in Tanzania, camion perde il controllo e si scontra con 3 veicoli: 25 morti

Tra le vittime ci sono 3 stranieri. Il bilancio del tragico sinistro è pesantissimo: si contano anche 21 feriti

Burkina Faso, attacco terroristico durante la messa: massacrati almeno 15 cristiani

La comunità cattolica di Essakane è stata presa di mira dagli islamici. Nel bilancio si conterebbero anche due feriti

Olanda, crolla un ponte in costruzione: due operai muoiono schiacciati

I cavi che sostenevano una delle arcate del ponte si sono spezzati e l'arco è crollato al suolo. Feriti altri due operai

Usa, scavano una buca in spiaggia ma la sabbia cede e li inghiotte: bimba muore, grave il fratello

Florida - Nonostante i primi soccorsi dei presenti e poi l'arrivo del personale sanitario, la piccola di 7 anni non ce l'ha fatta

Egitto, camion di migranti si ribalta e prende fuoco: 11 morti e 6 feriti

Il ribaltamento del mezzo, sul quale c'era anche un egiziano, è avvenuto mentre i migranti fuggivano dopo il loro ingresso illegale nel Paese

Usa, pestato a scuola perché non si sentiva né maschio né femmina: 16enne muore il giorno dopo

Oklahoma - Il giovane era da tempo vittima di bullismo. Ancora è comunque da chiarire se ci sia un effettivo legame tra la rissa e il decesso
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -