L’omaggio del Procuratore d’Emmanuele al monumento delle vittime di Auschwitz

San Donato Valcomino - Una visita istituzionale alla stazione dei Carabinieri si è conclusa con il ricordo delle vittime delle leggi razziali

Una visita Istituzionale che è divenuta un momento di commozione e raccoglimento dinanzi alla stele che ricorda i sedici ebrei arrestati e deportati ad Auschwitz. Il procuratore capo di Cassino, Luciano d’Emmanuele, ha fatto visita ai Carabinieri della Stazione di San Donato Val di Comino dove è stato accolto dal comandante del reparto, il luogotenente Valerio Di Santo, unitamente ai suoi collaboratori e alla presenza dei suoi diretti superiori, il capitano Domenico Cavallo e il tenente Davide Marcucci, rispettivamente Comandante della Compagnia Carabinieri di Sora e del Nucleo Operativo e Radiomobile.

Il magistrato dopo aver visitato i locali della Caserma, intrattenendosi in colloqui cordiali con i militari del Reparto, ha espresso la propria gratitudine “per l’attenta e costante attività di prevenzione e repressione dei reati in genere, special modo quelli predatori e con particolare attenzione nei confronti delle fasce deboli e di quelli relativi allo smercio di sostanze stupefacenti, che diuturnamente infaticabili svolgono in favore della comunità sandonatese, realtà cittadina inserita nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e crocevia per il passaggio dal versante laziale a quello abruzzese tramite il rinomato valico Forca d’Acero”.

Il Capo della Procura ha poi affrontato alcune questioni tra cui quello relativo al tema della riforma Cartabia, non sottacendo neanche in merito alla stretta collaborazione che insiste tra la magistratura inquirente e la polizia giudiziaria. Successivamente il Procuratore d’Emmanuele ha fatto visita anche al complesso architettonico di San Donato Val di Comino, apprezzandone il valore e la bellezza storica, accompagnato da alcuni componenti della pro-loco e dal sindaco, Enrico Pittiglio, che ha voluto rivolgere il suo personale saluto di benvenuto e portare quello dei suoi concittadini, il quale anch’egli ha pronunciato espressioni lodevoli circa l’impegno che profondono i Carabinieri di San Donato Val di Comino.

In particolare il dottor D’Emmanuele ha visitato il Museo della Shoah e del Novecento, un viaggio nel passato, tra battaglie e libertà negate, tra dopoguerra e primi passi della Repubblica, attraverso un itinerario suggestivo: dalla vita quotidiana a San Donato già agli inizi del Novecento passando per la Shoah sul fronte di Cassino. Al termine dell’incontro il Procuratore nei confronti dei Carabinieri ha manifestato il personale “ringraziamento” per il servizio svolto, l’eccellente collaborazione offerta agli uffici giudiziari nonché per l’apprezzabile attività di indagine compiuta sotto la direzione dei Sostituti Procuratori, a nome dei quali ha espresso il proprio “compiacimento”.

- Pubblicità -
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti, giornalista professionista iscritta all’albo dal 1998 si occupa di cronaca e giudiziaria sia in provincia di Frosinone che a livello nazionale. Ha collaborato e collabora con le prestigiose testate: Il Mattino di Napoli e Il Tempo. Dal 2001 è la referente per il basso Lazio dell’agenzia giornalistica AGI. Le sue inchieste giornalistiche sono sfociate anche in delicate indagini della magistratura. Nel 2018 è stata insignita del premio letterario e giornalistico dedicato a Piersanti Mattarella con un reportage sui beni confiscati alla criminalità organizzata

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Fiamme da “Orizzonte”, brucia un capannone: fuoco e paura sulla Casilina

Ferentino - Momenti di caos e panico sulla Casilina. Vigili del fuoco in azione per domare le fiamme. La strada è completamente bloccata

Accoltellato durante una lite, muore un uomo di 42 anni

Villa Latina - Il dramma si è consumato in pochi istanti. Sul posto si sono portati i soccorritori. Indagini serrate

Ritrovato Stefano Paniccia, dopo ore di ricerche il lieto fine

Frosinone - Dell’uomo si erano perse le tracce da ore, la sorella aveva lanciato un appello sui social per ritrovarlo

Esce di casa e scompare nel nulla, scattano le ricerche: l’appello per riportare Stefano a casa

L’auto dell’uomo, di Alatri ma residente a Frosinone, sarebbe stata ritrovata ma di lui nessuna traccia. Ricerche serrate

Tribunale al collasso, mancano i giudici e si teme la paralisi: Sezione Famiglia a rischio

A lanciare l'allarme è l'avvocato Clino Pompei, Responsabile Territoriale dell'Ami Avvocati Matrimonialisti Italiani per il Foro di Cassino

Pestaggio a colpi di spranga, operato il giovane ferito: Samuele fa chiarezza

Piedimonte - Samuele Caldarelli in un post sui social ricostruisce i fatti non senza una nota di rammarico
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -