Trasporti, proclamato un nuovo sciopero: venerdì nero in arrivo per i pendolari

Il prossimo16 dicembre sciopero regionale di 4 ore, con astensione dalle prestazioni lavorative dalle 20 alle 24

Altro venerdì nero in arrivo per i pendolari. Per il prossimo 16 dicembre è in programma un nuovo sciopero indetto a livello regionale dai sindacati Cgil e Uil.

Per quanto riguarda i trasporti e nello specifico Atac e Roma Tpl, la protesta sarà serale, di quattro ore, con possibili disagi dalle 20 alle 24. Saranno quindi garantite le corse previste sino alle 19,59 e poi quelle in programma dopo la mezzanotte e un minuto. Possibili disagi dalle 20 alle 24. Non saranno poi garantite le corse delle linee bus notturne (quelle con la lettera “n”) previste prima della mezzanotte e un minuto. Regolari quelle successive.

Da dopo le 20, e sino alle 23,59, protesta anche in Cotral. Possibili ripercussioni anche nelle attività al pubblico di Roma Servizi per la Mobilità: box informazioni alla stazione Termini (dalle 11 alle 13.30 e dalle 17 alle 20) e check point bus turistici di Aurelia (dalle 11 alle 14). Potrebbero inoltre non essere garantiti, dalle 13, i servizi dello sportello permessi di piazzale degli Archivi; dalle 15 quelli del contact center 0657003.

Sciopero anche per il personale Fs del Lazio. Le segreterie regionali dei sindacati Filt-Cgil e UilTrasporti hanno proclamato lo sciopero del personale del Gruppo FS Italiane con sede nella regione Lazio dalle 09:01 alle 16:59.

Le motivazioni alla base della vertenza delle Organizzazioni sindacali

Per aumentare i salari detassando gli aumenti dei contratti nazionali. Per conferire tutele a tutte le forme di lavoro, assegnando ai CCNL un valore generale, sancendo così anche un salario minimo e diritti normativi universali. Per eliminare le forme di lavoro precario per un unico contratto di inserimento al lavoro con contenuto formativo. Per una riforma fiscale che rispetti il principio della progressività. Per la tassazione degli extraprofitti e per la rivalutazione delle pensioni. Per il diritto all’istruzione e per la sanità. Per cancellare la Legge Fornero e introdurre: l’uscita flessibile dal lavoro a partire dai 62 anni, il riconoscimento della diversa gravosità dei lavori, la pensione di garanzia per i giovani e per chi ha carriere discontinue e “povere”, il riconoscimento del lavoro di cura, il riconoscimento delle differenze di genere, l’uscita con 41 anni di contributi.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Fiamme da “Orizzonte”, brucia un capannone: fuoco e paura sulla Casilina

Ferentino - Momenti di caos e panico sulla Casilina. Vigili del fuoco in azione per domare le fiamme. La strada è completamente bloccata

Accoltellato durante una lite, muore un uomo di 42 anni

Villa Latina - Il dramma si è consumato in pochi istanti. Sul posto si sono portati i soccorritori. Indagini serrate

Ritrovato Stefano Paniccia, dopo ore di ricerche il lieto fine

Frosinone - Dell’uomo si erano perse le tracce da ore, la sorella aveva lanciato un appello sui social per ritrovarlo

Esce di casa e scompare nel nulla, scattano le ricerche: l’appello per riportare Stefano a casa

L’auto dell’uomo, di Alatri ma residente a Frosinone, sarebbe stata ritrovata ma di lui nessuna traccia. Ricerche serrate

Tribunale al collasso, mancano i giudici e si teme la paralisi: Sezione Famiglia a rischio

A lanciare l'allarme è l'avvocato Clino Pompei, Responsabile Territoriale dell'Ami Avvocati Matrimonialisti Italiani per il Foro di Cassino

Pestaggio a colpi di spranga, operato il giovane ferito: Samuele fa chiarezza

Piedimonte - Samuele Caldarelli in un post sui social ricostruisce i fatti non senza una nota di rammarico
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -