Voli low cost davvero? Con gli extra il prezzo aumenta anche del 363%

Il prezzo iniziale, quello da cui si viene attratti, rileva Altroconsumo, è molto inferiore a quello che si pagherà effettivamente dopo

Con l’arrivo del primo caldo è già tempo di pensare alle vacanze estive. E se non l’avete già fatto, sicuramente sarete ingarbugliati tra mille siti di comparazione per cercare l’offerta più allettante. Anche quest’anno Altroconsumo ha monitorato gli aumenti relativi ai voli ‘low cost‘. Il tema non è di poco conto perché non avere chiarezza e trasparenza, fin dall’inizio, di quanto si pagherà un biglietto aereo non permette ai viaggiatori di fare confronti in modo semplice e, quindi, di cercare la soluzione più conveniente. Quello che è certo è che il prezzo iniziale, quello da cui si viene attratti, è molto inferiore a quello che si pagherà effettivamente dopo, aggiungendo altri servizi extra, spesso necessari e non così accessori.

L’organizzazione dei consumatori ha, quindi, selezionato sei voli andata e ritorno per ogni compagnia considerata quando possibile per un totale di 58 voli (è stato escluso dall’analisi un viaggio a/r di Volotea perché operato da un’altra compagnia che applicava condizioni diverse dalle low cost). I voli selezionati prevedevano partenza da Milano e Roma per destinazioni turistiche e di vacanza nazionali ed europee (Atene, Lisbona, Praga, Palermo, Lampedusa ecc.). Le compagnie aeree low cost valutate sono state: easyJetRyanairVoloteaVueling e Wizz Air. Le rilevazioni sono state fatte a maggio 2024. Per ogni tratta è stato cercato un volo andata e ritorno al prezzo più economico possibile tra il 21 giugno e il 7 luglio 2024. Per ogni volo è stato seguito il processo di acquisto fino al pagamento per rilevare i costi oggetto dell’indagine, senza poi procedere all’acquisto del biglietto. Il primo risultato è che, in media, i prezzi dei costi extra siano un po’ più elevati rispetto a un anno fa.

Di quanto aumentano i prezzi dei biglietti

Altroconsumo scrive: “Abbiamo simulato il caso di una persona che va in ferie e che – oltre alla borsa piccola inclusa nel prezzo – vuole portare con sé un bagaglio a mano tipo trolley e un bagaglio da stiva; inoltre, come spesso accade, vuole scegliere il posto, in modo da viaggiare accanto alla persona con cui va in vacanza. In questa tabella indichiamo la somma dei costi extra che incidevano di meno e di più sul prezzo del biglietto. Nell’ultima riga “Incidenza” trovate quanto valgono questi costi rispetto al prezzo iniziale: se il prezzo iniziale è 10 euro, ad esempio, e il costo extra è 2, l’incidenza del costo extra è 20%. In pratica, la percentuale indica quanto è aumentato il prezzo del biglietto, una volta aggiunte le tre voci per i servizi extra.

I costi dei servizi aggiuntivi possono dunque essere pari a quasi quattro volte il prezzo iniziale del biglietto, come nel caso peggiore di Wizz Air. In questo caso il prezzo iniziale del volo Roma-Budapest solo andata era di 24,99 euro, quello finale di 115,69 euro: la spesa è aumentata del 363%, come anticipavamo. Anche per easyJet e Vueling, nelle nostre prove, i costi extra arrivano a rappresentare oltre il 300% del costo inizialmente proposto: più del triplo. Andando nello specifico, per easyJet, siamo passati nel peggiore dei casi da un prezzo iniziale per un volo Milano-Praga di 22,99 euro a un prezzo complessivo di 92,71 euroil 303% in più. Per Vueling siamo passati per Roma-Londra da 22,99 euro a 96,99 euro: la spesa è aumentato del 322%. Anche per Ryanair i costi massimi dei servizi aggiuntivi sono molto consistenti: valgono più di tre volte il prezzo iniziale. Siamo passati dunque, per un volo Palermo-Milano, da un prezzo iniziale di 14,99 euro a un prezzo finale, comprensivo delle tre voci aggiunte, pari a 54,33 euro, la spesa è aumentata del 262%. Più contenuta l’incidenza massima dei costi extra per Volotea, pari comunque a quasi tre volte il costo del biglietto inizialmente proposto. Per un volo Pantelleria-Milano siamo passati da 51,39 euro a un prezzo finale di 145,39 euro, il 183% in più”.

Quali sono i costi extra delle singole compagnie

Prosegue Altroconsumo: “Il costo iniziale dei biglietti aerei non include anche altre voci (oltre a bagaglio a mano, in stiva e la scelta del posto); ad esempio il check-in in aeroporto, le cifre da sborsare per avere un rimborso in caso non si possa più partire, per la modifica del volo o il cambio nominativo. E anche le penali per i bagagli a mano fuori misura (cioè più grandi e più pesanti di quanto concesso dalla compagnia) sono da considerare tra i costi extra più insidiosi ed elevati. Ogni compagnia applica tariffe diverse per ogni voce, e in alcuni casi fisse e in molti altri variabili a seconda del volo: quindi non sono spese preventivabili, a meno che non si esegua tutto il processo di acquisto o a meno che non ci si trovi, ad esempio, nella necessità di dover modificare il volo o il nome del passeggero (in queste evenienze, le condizioni di diverse compagnie indicano infatti un range di spesa, senza dare la possibilità di sapere con certezza quanto si potrebbe spendere). E tutto ciò non fa che rendere sempre più difficile la comparazione dei prezzi tra più compagnie. Vi riassumiamo però in questa tabella i costi minimi e massimi rilevati per ogni singola voce perché possono darvi un’idea utile delle cifre, in vista dei vostri viaggi. 

I costi di ogni servizio cambiano, anche con la stessa compagnia, a seconda del volo dicevamo e – in alcuni casi – cambiano di molto, partendo da cifre più o meno contenute ma arrivando anche a cifre molto elevate. Ecco un resoconto di alcuni dei costi extra più “degni di nota”, in modo da evitare brutte sorprese.

  • easyJet: la penale per il bagaglio a mano fuori misura è di ben 58 euro (a volo), per cui se temete di “sforare” meglio acquistare direttamente un bagaglio in più, anche in un momento successivo all’acquisto del volo, ma prima della partenza. Cambiare il nome del passeggero? Può arrivare a costare quasi 70 euro.
  • Ryanair: molto salata anche in questo caso la penale per il bagaglio fuori misura all’imbarco, che è di 70 euro; per la scelta del posto più comodo si può arrivare a spendere ben 30 euro; anche il costo del check-in in aeroporto è molto elevato, di 55 euro (in caso meglio scegliere il pacchetto di servizi extra “Plus” che include scelta del posto, bagaglio da stiva da 20 kg e check-in gratuito in aeroporto). La modifica del nome a cui è intestato il biglietto arriva a ben 160 euro. Attenzione anche perché Ryanair non prevede rimborsi per i biglietti che si è costretti a cancellare.
  • Volotea: molto cara anche in questo caso la penale per il bagaglio fuori misura all’imbarco che è di 65 euro. Per aggiungere un bagaglio a mano da cappelliera il range di prezzo è molto variabile, si va dai 18 euro ai ben 48 euro. Come per Ryanair non sono previsti rimborsi per i biglietti cancellati se acquistati con tariffa standard.
  • Vueling: i costi dei servizi extra di Vueling hanno i range di variazione più alti rispetto alle altre compagnie, per fare solo un esempio il costo per il bagaglio da stiva piccolo va da 32 a 82 euro. Bene il check-in in aeroporto gratuito e l’assenza di penale in caso di cancellazione, anche se il rimborso viene effettuato come credito per l’acquisto di un nuovo volo e non in euro.
  • Wizz Air: anche in questo caso occhio alla variabilità dei costi, la scelta del posto può arrivare a ben 28 euro e il costo per il bagaglio da stiva piccolo a 57 euro, quello grande a ben 92 euro”.

Conviene il pacchetto per i servizi extra?

I servizi extra, dice Altrocunsumo, “possono essere acquistati singolarmente, oppure all’interno di pacchetti che vengono proposti subito dopo aver selezionato il volo (come prima opzione: saltatela se volete poi procedere alla selezione dei servizi singoli senza pacchetto). Anche i costi dei pacchetti non sono sempre gli stessi, ma variano in base al volo. Abbiamo cercato di capire, però, se convengono davvero rispetto all’acquisto dei singoli servizi extra: in alcuni casi sono effettivamente risultati più economici, in altri no. Quindi, di sicuro possono far risparmiare un po’ di tempo, perché si seleziona tutto insieme all’inizio, ma non è detto che garantiscano un risparmio anche economico.

EasyJet

Subito dopo aver scelto i voli, sono proposti pacchetti con combinazioni di servizi aggiuntivi, come un bagaglio a mano in più e un bagaglio da stiva, con l’indicazione del costo complessivo del pacchetto per persona per volo. 

Valutando la convenienza di questi pacchetti sul volo di sola andata abbiamo verificato che i prezzi sono allineati a quelli dei singoli servizi acquistabili, e in alcuni casi si può anche risparmiare. Acquistate questi pacchetti, però, solo se interessati a tutti i servizi inclusi, altrimenti meglio scegliere la tariffa standard e aggiungere solo ciò che serve.

Criticabile, comunque, la mancanza di trasparenza sul costo del pacchetto per il volo di ritorno che è visibile non da subito, ma solo nella schermata successiva alla selezione del pacchetto.

Ryanair

In questo caso abbiamo potuto valutare la convenienza di questi pacchetti sia sul volo di andata che sul volo di ritorno, perché è indicato chiaramente che è lo stesso costo per ogni volo. 

L’offerta Regular con scelta del posto, imbarco prioritario e bagaglio a mano da 10 kg, oltre al bagaglio piccolo, è leggermente più cara dell’acquisto del posto e del bagaglio a mano, per cui se avete bisogno solo di questi due servizi conviene acquistarli singolarmente. Se invece avete bisogno anche del servizio di imbarco prioritario, non è possibile acquistarlo singolarmente: dovrete acquistare per forza un pacchetto che lo include.

Volotea

Per Volotea non abbiamo potuto fare un’analisi della convenienza dei pacchetti di servizi perché a differenza delle altre compagnie per usufruirne bisogna pagare anche un fisso all’anno (oltre a una parte variabile che cambia a seconda del volo): quindi il pacchetto è più o meno conveniente in base a quanto si viaggia con questa compagnia.

Vueling

In questo caso si può valutare la convenienza di questi pacchetti sia sul volo di andata che sul volo di ritorno, perché il prezzo indicato si riferisce al costo aggiuntivo su tutti i biglietti.

L’offerta Fly con la scelta del posto e con bagaglio in stiva da 25 kg (aggiungendo 15 euro  oltre al prezzo del pacchetto) non risultava conveniente rispetto all’acquisto dei singoli servizi su nessuno dei voli analizzati. Con il pacchetto Fly Grande si acquista un bagaglio a mano grande, un bagaglio in stiva da 25 kg, la scelta del posto, cambi e cancellazione e priorità in aeroporto: rispetto all’acquisto degli stessi singoli servizi conviene, ma bisogna sempre valutare se è tutto davvero necessario.

Wizzair

I costi dei pacchetti sono indicati in modo piuttosto chiaro e trasparente. Le offerte “Flessibilità  tutto in uno – Wizz Plus” e “Fai le valigie e risparmia – Wizz Go” sono risultate convenienti su tutti i voli rispetto all’acquisto dei singoli servizi inclusi in questi pacchetti. L’offerta “Viaggio Veloce – Wizz Smart” su alcuni voli, invece, è risultata più cara rispetto alla somma dei costi dei singoli servizi inclusi”. – Fonte Agenzia Dire www.dire.it –

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Estate, sale la passione per la lettura: 10 libri da portare in vacanza

Un romanzo, un giallo, una storia d’amore o una biografia? Qualsiasi siano i vostri gusti ecco 10 libri consigliati

Vacanze, estate da bollino rosso per i voli: come tutelarsi in caso di ritardi e cancellazioni

A fine giugno gli aerei hanno accumulato 1,9 milioni di minuti di ritardo, con un incremento del 153% rispetto allo stesso periodo del 2023

L’imprenditoria giovanile riparte dal ‘made in Italy’: la spinta del gelato artigianale

Tra i gusti dell'estate 2024: pesche al vino, amaretto e mandarino, fiano con lime e pinoli e crema con la curcuma

Frosinone – Trasporto scolastico di alunni diversamente abili, domande fino al 31 luglio

L’avviso regionale, diffuso mediante l’assessorato all’istruzione coordinato da Valentina Sementilli, è disponibile sul sito del Comune

‘Sentinelle del mare’, Confcommercio Lazio Sud presenta il progetto

Il Presidente Giovanni Acampora ha commentato: “Il mare ha bisogno di noi, prima di qualunque riflessione economica”

Telelavoro con vista mare? Il nuovo trend della workation. Sempre più aziende con la settimana corta

D'estate è sempre più comune lavorare nella modalità smart da località di mare. Ma come fare per concentrarsi ed essere efficienti?
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -