Acquista una tuta on line ma il sito è ‘farlocco’. Ciociaro truffato: il racconto della vittima

Cosa fare? Inviare la segnalazione all'Antitrust su consiglio del Presidente di Consumerismo No Profit Luigi Gabriele

Ennesima truffa on line. Vittima un pensionato della provincia di Frosinone. Lo sfortunato signore, un nostro lettore, ci ha inviato la propria segnalazione e il racconto della disavventura in cui è incappato. Voleva semplicemente acquistare una tuta, un capo comodo ad un prezzo accettabile, ed invece accedendo ad uno dei tanti ‘siti vetrina’ inaffidabili e poco raccomandabili presenti sull’etere, ha solo sborsato la somma richiesta senza mai ricevere nulla a casa.

La vicenda inizia lo scorso 10 gennaio, quando l’ignaro utente si imbatte nella pubblicità del sito www.lxxxit.com (nome occultato ma segnalato ad AGCM) “Proprio qui – scrive Giovanni (nome di fantasia n.d.r. per il nostro lettore che preferisce restare anonimo) – ho trovato il set giacca e pantalone sportivo che tanto mi piaceva. Ho proceduto normalmente all’acquisto e pagato il venditore tramite Poste Pay. Peccato che dopo una settimana, la tuta ordinata e pagata non sia mai arrivata a casa. Allarmato dal passare dei giorni, ho deciso semplicemente di rivolgermi al servizio clienti. L’unico modo per mettersi in contatto con i ‘fantomatici’ venditori è un indirizzo di posta elettronica che campeggia sul sito in bella mostra. “Hai bisogno di aiuto? Contattaci: customer.lxxxxt@gmail.com”, recita il sito. Peccato che scrivendo a tale indirizzo…il messaggio torni indietro!”.

Il signore raggirato, però, non demorde e prova a cercare un numero di telefono o un contatto sui social. Ma il sito ‘farlocco’ Lxxxxt.com non ha né l’uno né gli altri. Non gli resta che compilare, sebbene con pochissime speranze, il form on line in cui richiede aiuto. Anche in questo caso, zero risposte. E in verità la risposta c’è ed è una sola. Che il pacco non gli arriverà mai e che quel sito è in realtà soltanto una trappola.

I consigli dell’esperto

Fatto verificare anche all’occhio attento del Presidente dell’Associazione Consumerismo No Profit Luigi Gabriele, tutto appare abbastanza chiaro. “Il sito non è indicizzato, non presenta Partita Iva né riferimenti di contatti e ubicazione – spiega l’esperto -. Purtroppo non rappresenta il primo caso del genere e non sarà l’ultimo. Sarebbero necessarie più comunicazione e conoscenze sulla materia per evitare che i delinquenti possano continuare ad utilizzare questi mezzi. Anche la stessa mail fornita ha il dominio ‘gmail’ e non quello di primo livello che dovrebbe avere un e-commerce serio. Tutte caratteristiche poco ‘ortodosse’ e che devono indurci a diffidare dal procedere agli acquisti. Insomma, quando si compra on line bisogna prestare molta attenzione e verificare questi semplici passaggi che possono renderci la situazione molto più trasparente. Il sito in questione, inoltre, non risulta in nessuna altra ricerca sul web, non ha recensioni, non possiede pagine social. A questo punto, bisogna solo segnalare alle autorità competenti”.

Consiglio seguito proprio dalla vittima che, grazie anche all’aiuto di chi ne sa qualcosa in più, ha provveduto a raccontare l’episodio non solo al nostro giornale ma anche a segnalarlo all’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato). Probabilmente, ‘Giovanni’ non rivedrà più i suoi soldi ma spera “Che questa testimonianza possa aiutare altri a non cadere in simili imbrogli”, queste le sue parole, piccate d’amarezza.

- Pubblicità -
Cristina Lucarelli
Cristina Lucarelli
Cristina Lucarelli, giornalista sportiva con una passione per musica, cinema, teatro ed arti. Ha collaborato per diversi anni con il quotidiano Ciociaria Oggi, sia per l'edizione cartacea che per il web nonché con il magazine di arti sceniche scenecontemporanee.it. Ha lavorato anche come speaker prima per Nuova Rete e poi per Radio Day. Ha altresì curato gli uffici stampa della Argos Volley in serie A1 e A2 e del Sora Calcio.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Padre maltratta e vessa la figlia, la giovane lo denuncia: ora la fine dell’incubo

Atina - Il 60enne continuava a perseguitare la figlia nonostante fosse già destinatario di un provvedimento di ammonimento

Frosinone – Completato il murale “antismog” sulla Monti Lepini: così assorbe le polveri sottili

Il progetto “L’aria che respiriamo” ha coinvolto gli allievi dell’Accademia di Belle Arti. Un modo per sensibilizzare le nuove generazioni

#WeAllCare, Stellantis chiama a raccolta il Gotha dell’industria per parlare di sicurezza

Oltre 100 esperti tra manager e Ceo delle più grandi multinazionali a confronto nello stabilimento di Piedimonte San Germano

Eleonora Certelli, l’addio alla 20enne morta in un tragico incidente sull’A1 mentre tornava da una festa

Mercoledì a Roma i funerali della giovane promessa dello sport che tornava a casa con la famiglia dopo una festa di laurea a Cassino

Si presenta dalla ex nonostante i divieti e minaccia di dare fuoco alla sua abitazione: 33enne in manette

Sant’Elia Fiumerapido - L’uomo è stato sottoposto ai domiciliari dopo il rito direttissimo presso il Tribunale di Cassino

Delitto Mollicone: “Serena piangeva e veniva strattonata da un ragazzo davanti al bar delle Chioppetelle”

Processo Mollicone: in aula la nipote di Carmine Belli che ha ricostruito l'avvistamento della diciottenne nel giorno della scomparsa
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -