Afghanistan, torna la piena applicazione della sharia

Il leader dei Talebani, Haibatullah Akhundzada, mai apparso in pubblico dalla presa del potere a Kabul nel 2021, ha sentenziato l'ordine

Afghanistan, il leader dei Talebani, Haibatullah Akhundzada, mai apparso in pubblico dalla presa del potere a Kabul lo scorso anno, ha ordinato la piena applicazione della sharia, ossia la legge islamica che prevede esecuzioni pubbliche, lapidazioni, fustigazioni e mutilazioni per “ladri, rapitori e sovversivi”.

Lo riporta la stampa nazionale secondo quanto reso noto dal portavoce dell’Emirato islamico, Zabihullah Mujahid, all’indomani dell’incontro del leader talebano con una serie di giudici. “In quei casi in cui ricorrano le condizioni della legge questa va applicata, è la sharia e il mio comando, che è obbligatorio”, ha detto Akhundzada citato dal portavoce. 

Il governo ha già avviato nuovi ‘ordini’ contro le donne in Afghanistan: oltre a non consentire l’istruzione a donne e bambine, i talebani hanno deciso di vietare loro anche l’accesso alle palestre e agli hammam, i bagni pubblici. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Iraq, l’appello dei giovani: “Sostenete la nostra rivolta, dal 2019 non si è mai spenta”

Sahar Salam denuncia che tre anni fa il mondo ignorò le proteste contro il governo, accusato di corruzione e malagestione

Il ‘giallo’ del cartellino giallo a Qatar 2022: cosa ha minacciato davvero la Fifa ai Mondiali?

Secondo la stampa internazionale l'Inghilterra temeva che ai giocatori potesse essere impedito di scendere in campo

Kiev, 10 civili uccisi dai missili russi nel Paese: il triste bilancio

La guerra continua a mietere vittime. Lo ha dichiarato alla Tv nazionale Andriy Kostin, procuratore generale dell'Ucraina

Gerusalemme, esplodono due ordigni alle fermate dei bus: un 16enne morto e 30 feriti

Il sospetto è che siano stati utilizzati ordigni piedi di chiodi, secondo quanto riportato da The Times of Israel

Usa, sparatoria in un supermercato: il direttore ammazza 6 persone e poi si suicida

"La polizia conferma 7 vittime, compreso il responsabile della sparatoria al Walmart di Sam's Circle", ha scritto il Comune di Chesapeake

Colorado, sparatoria in un locale gay: 5 morti e 18 feriti

Secondo quanto ricostruito, un giovane sarebbe entrato nel locale e avrebbe iniziato a sparare con un'arma lunga
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -