Annarita Nobili a Sanremo, la Lady Chef di casa nostra porta la sua arte al Festival

La talentuosa chef titolare dell'Osteria Nobili di Ripi sarà alla kermesse della canzone italiana per il secondo anno: "Una grande emozione"

Annarita Nobili non ha bisogno di presentazioni. Con il suo ristorante di Ripi, ‘Osteria Nobili’, è conosciuta ed apprezzata dagli amanti della buona tavola, non solo in provincia di Frosinone. Nella sua cucina Annarita usa solo materie prime di qualità ma il suo ingrediente segreto è la passione. L’amore per quello che fa. Un’arte, la sua, che l’ha portata ad essere consacrata anche a Sanremo. Quest’anno, per la seconda volta, sarà al Festival della Canzone Italiana, insieme ad un nutrito gruppo di chef provenienti da tutto lo stivale.

Nella kermesse nazional popolare per eccellenza, Annarita Nobili rappresenterà il nostro territorio e si cimenterà nel suo regno allietando i palati di ospiti e cantanti. Un traguardo che si aggiunge ad una già prestigiosa carriera nell’universo della gastronomia che l’ha vista ottenere diversi riconoscimenti sia a livello regionale che nazionale. “Sono al settimo cielo. Felice, emozionata – dice- per il secondo anno sarò a Sanremo come Lady Chef della Federazione Italiana Cuochi, nel dipartimento associazione provinciale Cuochi Frosinone. Questa per me è una grande conferma professionale. Un’esperienza emozionante, unica nel suo genere, perché ci permette di vivere per qualche giorno in un mondo che solitamente non ci appartiene”.

Dal 7 al 10 febbraio Annarita sarà al Palafiori. Una bella vetrina anche per il suo storico ristorante nel cuore della Ciociaria. Il coronamento di un lungo percorso fatto di studio, formazione e sacrifici ma anche il giusto riconoscimento ad una carriera fatta da ore passate ai fornelli a sperimentare. Annarita Nobili ha nel sangue la testardaggine, la ‘testa dura’ tipica di chi è nato e cresciuto in questa terra. E, forse, è stata proprio questa la sua carta vincente che l’ha spinta a crederci sempre. A non mollare mai. Fino al traguardo. Anche se, come dice lei stessa: “Non mi sento ancora arrivata, tutto quello che ho conquistato in questi anni mi rende fiera ed orgogliosa ma io ho ancora tantissima voglia di fare, di sperimentare, di assaporare”.

La sua mentalità aperta, la sua curiosità, la sua voglia di creare e rivisitare l’hanno portata lontano, pur restando in Ciociaria, nella sua Ripi. Con le mani in pasta ed il cuore sempre a casa, nella sua terra. Quella che rappresenta al meglio e per la quale è motivo di orgoglio. Annarita Nobili è un talento italiano. In quel di Sanremo ormai lo avranno ben capito, tanto che, anche per questa edizione, la Lady Chef di casa nostra porterà in alto la Ciociaria. Pardon, in tavola.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Il 5 febbraio torna la ‘Domenica al museo’: ecco quali visitare gratis in provincia

L’iniziativa del ministero della Cultura consente l’ingresso gratis, la prima domenica del mese, nei musei e nei parchi archeologici statali

Veroli DOC, domenica appuntamento con ‘street food gourmet’

Domenica 5 Febbraio quarto appuntamento con Veroli Doc, un vero viaggio esperienziale che ospiterà diversi food truck pieni di prelibatezze

Perché i ‘giorni della merla’ sono considerati i giorni più freddi dell’anno? Ecco la spiegazione

La tradizione si pensa abbia origine da una leggenda popolare. Inoltre, se i ‘giorni della merla’ sono freddi, la primavera sarà bella

Giornata nazionale della scrittura a mano, centinaia di studenti a lezione di creatività: le immagini

Sora - Un successo gli appuntamenti organizzati dall’Associazione culturale no profit 'Iniziativa Donne' in città

ColaPhone, Coca-Cola lancia uno smartphone? I rumors

Sono comparse in rete alcune immagini di quello che potrebbe essere il primo smartphone Coca-Cola: non ci sono conferme né smentite

Arte, al MACA la mostra permanente del Maestro Antonio Caruso

Anagni - Il Museo d'Arte Contemporanea MACA è orgoglioso di presentare l’opera del talentuoso artista napoletano