Da “La storia infinita” all’omicidio Palleschi: intervista al magistrato Maria Beatrice Siravo

Cassino - Il pm che per oltre due decenni ha lavorato alacremente per la sicurezza dei cittadini lascia la Procura e va a Napoli

“La ‘storia infinita’ è stata un’indagine che ha fatto da spartiacque tra la città onesta e laboriosa e quella vissuta in maniera occulta e illecita. Da un episodio grave inerente un tentato omicidio, grazie all’acume investigativo dei carabinieri da me coordinati, siamo riusciti a ricostruire un mondo parallelo con al centro lo spaccio di droga, le ritorsioni, l’estorsione stile Gomorra. Un impianto accusatorio che ha trovato conferma in tutti i gradi di giudizio e questo ha certificato la bontà delle indagini“. A parlare è il magistrato Maria Beatrice Siravo che, dopo aver prestato servizio per due decenni presso la Procura di Cassino, tra qualche settimana approderà presso la Procura Generale di Napoli. Un incarico di prestigio che va ad arricchire una carriera costellata di successi.

Tra le tante inchieste portate avanti a Cassino, spicca su tutte quella sull’omicidio della diciottenne di Arce, Serena Mollicone: “non abbiamo tralasciato nessun aspetto per cercare di fare piena luce su quanto accaduto alla giovane. È stato fatto il possibile perché simili episodi non dovrebbero mai accadere e soprattutto quando accadono non devono mai essere sottovalutati”. Un pm sensibile ma nello stesso tempo di polso, la dottoressa Siravo ricorda anche l’avvio della carriera: “ai miei tempi in magistratura eravamo poche donne, veramente poche e tutte costrette a combattere quotidianamente contro una schiera di colleghi. Per questo abbiamo dovuto faticare il doppio. Sono stati anni difficili, di grandi sacrifici e di grandi rinunce ma non ho mai avuto esitazione o pentimento per la strada intrapresa. Anche se ci sono stati momenti bui e dolorosi”.

Tornando all’esperienza a Cassino e facendo un bilancio delle vicende dolorose, il giudice ricorda soprattutto “una storia di violenza fra le mura domestiche, dove la vittima era una ragazzina. Ricordo il dolore nel suo racconto e la paura di non essere creduta. Perché le violenze arrivavano dal padre. Abbiamo avviato un’attività investigativa discreta, silente fatta di intercettazioni ambientali e telecamere. Dinanzi a una amara verità la madre finalmente ha creduto alle parole della figlia e l’uomo è stato condannato al massimo della pena prevista per quel tipo di reato. E il ringraziamento da entrambe è stato la mia più grande soddisfazione“.

L’omicidio Palleschi

Inevitabile a questo punto un passaggio su uno degli omicidi più efferati avvenuti nel frusinate negli ultimi anni, quello della professoressa Gilberta Palleschi trovata senza vita in un bosco di Campoli Appennino dopo una sparizione durata 40 giorni. “È triste dover pensare che il nostro lavoro, parlo dei magistrati, arrivi solo quando ormai è oramai accaduto l’irreparabile. La morte di Gilberta poteva essere evitata se ci fosse stata rete, unione fra enti. Perché Antonio Palleschi si era già macchiato di un tentativo di stupro e per quel reato era stato condannato e aveva trascorso un periodo in carcere. Una volta rimesso in libertà tutti gli enti preposti avrebbero dovuto sorvegliare sul suo percorso di recupero. Qualcosa non ha funzionato ed è accaduto l’irreparabile. Per questo è necessario cambiare la mentalità quando si affrontano delle determinate tematiche. Centri di violenza, comuni, enti dovrebbero interagire quotidianamente con la magistratura anche solo per segnalare un fatto banale perché dai piccoli episodi, spesso sottovalutati, scaturiscono delle grandi tragedie”.

- Pubblicità -
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti, giornalista professionista iscritta all’albo dal 1998 si occupa di cronaca e giudiziaria sia in provincia di Frosinone che a livello nazionale. Ha collaborato e collabora con le prestigiose testate: Il Mattino di Napoli e Il Tempo. Dal 2001 è la referente per il basso Lazio dell’agenzia giornalistica AGI. Le sue inchieste giornalistiche sono sfociate anche in delicate indagini della magistratura. Nel 2018 è stata insignita del premio letterario e giornalistico dedicato a Piersanti Mattarella con un reportage sui beni confiscati alla criminalità organizzata

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Incendio divora un terreno, fiamme alimentate dal vento: sul posto la macchina dei soccorsi

Il rogo è divampato nella serata di oggi tra Broccostella e Posta Fibreno. Impegnati Vigili del Fuoco e volontari della Protezione civile

Regione – Incidente sulla Migliara, si scontra con un’altra auto e si ribalta: muore Cesare Abbate

L'uomo era al volante della sua auto mentre accompagnava il nipote a scuola. Tristezza e incredulità nella comunità di Sezze

Aggredito il sindaco Roberto Angelosanto, l’avvocato preso a calci e pugni in strada

Cassino - Il gravissimo episodio è avvenuto all'esterno di un bar: il professionista ha riportato un trauma facciale e due costole rotte

Sora – La beffa dei lavori Acea, un quartiere in “ostaggio” da mesi: residenti sulle barricate

Un divieto di sosta con rimozione spuntato il giorno stesso dell'avvio dei lavori. Neppure per la Locale è lecito. Esplode la protesta

Balaustra pericolante in piazza, studenti rischiano di cadere: occorre intervenire subito

Sora - L'episodio nella giornata di ieri. La balaustra è completamente sganciata dal basamento: serve un intervento urgente

Accattonaggio molesto e traffici illeciti, pugno duro della Polizia: un Daspo urbano e Fogli di via

Frosinone - Queste azioni rappresentano un intervento diretto e concreto per rafforzare la sicurezza e l'ordine pubblico
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -