FOTO – Amatrice sepolta dalla neve: i volontari della Protezione Civile di Pescosolido in aiuto alla popolazione

Un gruppo di volontari ha raggiunto le frazioni del comune reatino paralizzate dall'intensa nevicata per liberare le strade

Un’intensa nevicata ha interessato nella notte tra domenica e lunedì Amatrice, il comune in provincia di Rieti distrutto dal terremoto del 2016. La neve ha mandato in tilt viabilità e servizi alla cittadinanza. Il sindaco di Amatrice, Giorgio Cortellesi, ha definito la situazione “disastrosa” ed ha allertato la Protezione Civile che si è attivata con una colonna mobile per dare una mano alla popolazione.

Intere frazioni sono rimaste isolate, come ha spiegato lo stesso primo cittadino: “C’è una media di 100 cm di neve sul territorio, con punte di 150 cm nelle frazioni più alte. Abbiamo poche turbine e, quando è così tanta, è difficile da togliere dalla strada”. Un appello al quale hanno risposto i volontari della Protezione Civile di Pescosolido che, nella serata di lunedì, hanno raggiunto il comune del reatino per liberare le frazioni dalla neve. Un impegno senza sosta andato avanti per tutta la giornata di ieri, martedì 24 gennaio.

“Su richiesta del nostro Coordinamento, siamo stati attivati dalla SOUP per emergenza neve ad Amatrice con il nostro Daily 4×4 dotato di lama neve. Partiti ieri sera, con il supporto del fuoristrada Mitsubishi su cui avevamo caricato la turbina neve, questa mattina presto abbiamo iniziato, insieme ad altri numerosi colleghi, a raggiungere e liberare dalla neve tutte le frazioni. – Hanno fatto sapere nella serata di ieri i volontari della Protezione Civile di Pescosolido – Non era facile operare visto che in alcuni casi le strade erano ostruite da rami ed alberi caduti. Inoltre la presenza di ghiaccio, dovuta a temperature di -10° avute nella notte, ha reso le strade particolarmente pericolose. Grazie a tutti per l’ottimo lavoro di squadra. Noi ci siamo!”. La situazione ad Amatrice, grazie all’impegno delle forze messe in campo, sta lentamente tornando alla normalità.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Sparatoria ad Alatri, indagini serrate. Gli amici di Thomas Bricca: “Ora abbiamo paura”

Gli inquirenti stanno stringendo il cerchio introno a mandante ed esecutori dell'agguato. E intanto c'è chi annuncia vendetta

Regione – Tenta di uccidersi con un fucile rubato: i carabinieri lo salvano in extremis. Ma poi lo arrestano

Terracina - L'uomo ha chiamato sul 112 manifestando intenti suicidi. I militari sono entrati in azione in quei minuti concitati

Sparatoria ad Alatri, il padre di Thomas Bricca: “Mi avete spezzato il cuore. Dio perdona io no”

Duro lo sfogo di Paolo Bricca sui social. Il 18enne è stato dichiarato clinicamente morto. In città il clima è teso

Processo Mollicone, trascorsi 106 giorni dalla sentenza: cresce l’attesa

Le motivazioni sull'assoluzione degli imputati dovrebbero arrivare entro la fine della settimana dopo due proroghe

La Procura sale in cattedra per illustrare la riforma Cartabia: le immagini della convention

Cassino - Oltre 300 tutori dell'ordine hanno raccolto l'invito del procuratore capo d'Emmanuele. Gremita la sala conferenze dell'80° Rav

Alatri – Agguato mortale, i killer di Thomas Bricca hanno le ore contate

Il giovane diciottenne è stato dichiarato clinicamente morto. Gli inquirenti sono sulle tracce di mandanti ed esecutori