Freestyle, i 510 palleggi di Leo incantano anche Candela e Di Biagio: un ciociaro tra le leggende del calcio

Il giovane Leonardo Ludovici ha vinto la prestigiosa challenge ed ha partecipato a 'Cur in campo', realizzando il sogno di incontrare Totti

Ha appena 20 anni eppure la sua ‘stellina’ già brilla nel firmamento stravagante del calciofreestyle. Lui è Leonardo Ludovici, ciociaro doc, nato ad Alatri nel 2003 ma residente a Ferentino. Sui social è noto come ‘Leo il freestyler’. I suoi strabilianti ‘numeri da circo’ sono noti e popolarissimi non solo tra gli appassionati di freestyle ma anche tra tanti ‘calciofili’ del territorio che da tempo seguono le prodezze di un concittadino giovanissimo ma spesso sotto i riflettori nazionali. Ed anche stavolta Leo ne ha fatte vedere delle belle davanti ad un parterre d’eccezione e realizzando un piccolo sogno. Tutto parte dallo scorso 9 maggio, quando presso l’Heaven Sporting Club di Morena (Roma) è andata in scena la palleggi challenge organizzata da CUR (Calcio – Ultimi Romantici) in campo e da TvPlay per dare la possibilità ai primi 3 classificati di incontrare e sfidare le leggende che poi hanno partecipato, nella data del 31 maggio nell’arena del ‘Benito Stirpe’ di Frosinone alla gara di beneficenza organizzata appunto da CUR. A questa competizione di palleggi hanno assistito tre vere e proprie leggende del calcio: Candela, Di Biagio e Moscardelli. A questo ‘trio delle meraviglie’, il 31 maggio si sono aggiunti altri sette nomi iconici il 31: Totti, Amelia, Sorrentino, Brocchi, Tiribocchi, Cosmi e Colantuono. Ovviamente all’appuntamento con la sfida non poteva mancare Leonardo Ludovici, armato di estro e talento.

Il racconto di Leo il freestyler

La sfida consisteva nel provare a fare il maggior numero di palleggi con 2 tentativi a disposizione e con il vincolo di non colpire mai il pallone al di sopra della vita. Nel momento in cui sono sceso in campo, ho visto Di Biagio a pochi metri da me…Volevo avvicinarmi per stringergli la mano, ma non ce n’è stato bisogno, poiché l’ex centrocampista di Roma e Inter è venuto verso di me e ha preso lui la mia mano, scherzando con alcune delle sue classiche battute. Se in Tv ho avuto la possibilità di vedere la sua passione, la sua resilienza, dal vivo ho avuto modo di conoscere la sua simpatia e il suo fantastico lato umano. Dopo un po’ di riscaldamento sono stato il primo ad iniziare ed ero concentratissimo, perché durante i palleggi c’è sempre qualche commento divertente per intrattenere, pertanto è bene estraniarsi mentalmente da ciò che si dice nell’ambiente circostante. Basta una risata per perdere l’attenzione…e di conseguenza il pallone! Arrivato ai 300 palleggi, Sofia Oranges, direttore di TvPlay, consultandosi con Gigi Di Biagio, ha stabilito che il limite sarebbe stato di 500 palleggi. La curiosità è che durante il mio tentativo gli organizzatori dell’evento hanno invitato Candela a palleggiare contemporaneamente e ciò ha reso ancora più magico e avvincente il momento. Ho raggiunto i 500 palleggi e dopo alcuni tocchi di assestamento ho chiuso con un crossover perché Di Biagio, nel corso della prova, mi ha chiesto più volte di inserire qualche skill. Poco dopo è arrivato Davide Moscardelli, il quale ci ha deliziati con la sua tecnica sopraffina, con alcuni numeri e tiri in porta. Ho avuto la fortuna di palleggiare e di fare alcuni trick con l’ex attaccante del Chievo, il quale si è rivelato veramente simpatico e divertente. Il massimo registrato dagli avversari è stato 329 e quindi i 500 (+10) palleggi mi hanno consentito di vincere la gara“.

“Prima di procedere all’assegnazione dei riconoscimenti – prosegue Leo – Sofia Oranges ha intervistato le 3 leggende presenti, chiedendo loro alcune curiosità riguardo le rispettive carriere e delle opinioni circa il panorama calcistico europeo. Infine c’è stata la premiazione dei primi 3: ho ricevuto una maglietta di TvPlay ed ho fatto una foto celebrativa con la maglia del Frosinone targata ‘Cur in campo’. Da tifoso giallazzurro è stata una doppia gioia. Una delle emozioni più belle ed inaspettate è stata quella di incontrare Candela quando mi trovavo nei pressi del bar del centro sportivo e stavo chiedendo delle informazioni circa l’evento appena arrivato a Morena. Inaspettatamente ho visto Vincent uscire dal ristoro e sono riuscito a fare una foto e a scambiare 2 parole con il mito francese. Sapevo che in un modo o nell’altro lo avrei incontrato all’evento, ma nel momento in cui ciò che immagini diventa realtà, beh, sembra di vivere un sogno. Ringrazio Paolo Parrillo, Francesca Romana Liberti e tutto il resto dello staff di Cur in Campo per l’opportunità e per la passione e la determinazione con la quale hanno organizzato questo evento fondamentale per la beneficenza, sperando di riempire tutti i settori disponibili dello stadio. Un ringraziamento speciale anche a Sofia Oranges, Gianmarco Cimini (con il quale ho scherzato molto durante la manifestazione e che mi ha trasmesso ancora più entusiasmo per dare il meglio di me nella challenge) e a tutti i componenti di TvPlay.

La serata Cur in campo

“Il 31 maggio si è svolto l’evento di Cur in campo al Benito Stirpe di Frosinone, presentato da Sofia Oranges – prosegue Ludovici -. Si sono affrontate la squadra gialla di Colantuono, Amelia, Candela, Di Biagio e Totti contro la formazione in maglia blu di Serse Cosmi, Sorrentino, Totti, Candela e Di Biagio. I restanti partecipanti sono stati coloro i quali si sono aggiudicati un posto tramite l’asta di beneficenza. Prima della gara ho realizzato il sogno di incontrare Totti. Un’emozione unica…tremavo nelle 24 ore precedenti per l’ansia e ho continuato a farlo dopo giorni ripensando a quel momento. Totti, oltre ad essere una leggenda che ha scritto la storia del calcio, si è mostrato una persona veramente simpatica ed è impossibile non ammirare ciò che ha fatto, a prescindere dal tifo. Sono stati dei minuti veramente intensi e tra i più belli della mia vita. Ho scherzato e ho scambiato 2 parole con i campioni in gara: con Sorrentino ho fatto battute sul rigore che ha parato a Cr7 e ad Amelia ho chiesto cosa ha provato nel vincere un mondiale. A fine primo tempo sono stato chiamato in campo da Luca Tolentino di Numeri da Circo per sfidare Amelia in “uno contro uno”. Sfortunatamente ho calciato di poco fuori, ma battermi con un ex campione del mondo è stata un’esperienza unica e di certo mi allenerò per fare meglio la prossima volta. La gara è stata vinta dalla squadra gialla per 6-5, trascinata dal bomber Moscardelli e il ricavato è stato devoluto in beneficenza alla Onlus “Il Tetto Casal Fattoria”. E dopo la realizzazione di questo ‘piccolo desiderio’, da tutta la redazione un augurio speciale a questo giovane ma potente talento della nostra terra affinché possa raggiungere tanti altri ambiziosi traguardi facendo volteggiare quel pallone tanto amato con le sue sorprendenti acrobazie!

- Pubblicità -
Cristina Lucarelli
Cristina Lucarelli
Cristina Lucarelli, giornalista sportiva con una passione per musica, cinema, teatro ed arti. Ha collaborato per diversi anni con il quotidiano Ciociaria Oggi, sia per l'edizione cartacea che per il web nonché con il magazine di arti sceniche scenecontemporanee.it. Ha lavorato anche come speaker prima per Nuova Rete e poi per Radio Day. Ha altresì curato gli uffici stampa della Argos Volley in serie A1 e A2 e del Sora Calcio.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Volley F – Nuova schiacciatrice in casa Assitec Sant’Elia: arriva Caterina Miecchi

Serie B2 - Prende sempre più forma il roster guidato da coach Gino Russo per la stagione 2024/25, che aggiunge un altro tassello

Motori – In Austria doppia affermazione di Alonzi per il TRT

Nella gara della scorsa domenica a Julbach, il pilota Willy Alonzi si è imposto 3° in classe 6 (750cc) e 1° in classe 9A (1000cc)

Eccellenza – Nuova conferma tra le fila dell’Anagni: anche Mancini resta in biancorosso

Eccellenza - Il centrocampista era arrivato a dicembre dello scorso anno e la dirigenza ha deciso di rinnovargli la fiducia

Frosinone, aumentano le pretendenti per Mazzitelli: un altro club di A vuole il capitano

Serie B - Dopo aver portato in Veneto Di Francesco, il neopromosso Venezia sembrerebbe aver concentrato l'interesse anche sul centrocampista

Motori – Pontone di nuovo in pista per tentare l’assalto alla Supersport 600 NG

Il pilota: "Ho lavorato molto sulla mia preparazione fisica in questo periodo e, dopo 3 gare di MotoE, non vedo l'ora di entrare in pista"

Serie D – Il Sora conferma Pecoraro: il figlio d’arte resta in bianconero

Il giovane difensore è pronto a ritagliarsi uno spazio maggiore in questa stagione dopo il primo approccio con il calcio dei grandi
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -