Gerusalemme, esplodono due ordigni alle fermate dei bus: un 16enne morto e 30 feriti

Il sospetto è che siano stati utilizzati ordigni piedi di chiodi, secondo quanto riportato da The Times of Israel

Gerusalemme, una persona è morta e altre 30 sono rimaste ferite in seguito a due esplosioni avvenute in due diverse fermate di autobus. La vittima è uno studente canadese di 16 anni. Le forze di polizia israeliana, che parlano di possibili attacchi palestinesi, hanno avviato indagini che non escludono la pista del terrorismo, come riportano i media nazionali. I feriti, di cui uno in grave condizioni, sono stati trasportati presso il servizio di emergenza Magen David Adom.

Entrambe le deflagrazioni sono comunque avvenute nell’ora di punta. Il sospetto è che siano stati utilizzati ordigni piedi di chiodi, secondo quanto riportato da The Times of Israel. Stando alla ricostruzione degli agenti, tali marchingegni sono stati lanciati in sacchi e fatti esplodere a distanza.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Siria, il leader Isis Abu Hassan al Hashimi si è fatto saltare in aria

L'uomo si è si è fatto esplodere assieme a una delle sue due guardie del corpo nella cittadina di Jassem, al confine con la Giordania

Kiev, bombardato un ospedale: muore un adolescente

L'esercito russo ha bombardato ieri mattina l'ospedale di Belopolye. Nell'attacco è rimasto ucciso un giovane

Usa, poliziotto adesca una minorenne on line: la rapisce e uccide i suoi familiari

Il 28ennee è stato però rintracciato, nella sua folle fuga, dai colleghi ed è deceduto in seguito ad uno scontro a fuoco

Terrore a Mogadiscio: 8 morti nell’attentato jihadista ad un hotel

Il gruppo islamico estremista Al Shabaab ha di nuovo preso di mira un hotel della capitale somala con un assalto durato 21 ore

Bruxelles, guerriglia urbana dopo la vittoria del Marocco sul Belgio

Alcune decine di giovani tifosi del Marocco hanno distrutto l'arredo urbano e appiccato il fuoco ad auto, scooter e monopattini elettrici

Iraq, l’appello dei giovani: “Sostenete la nostra rivolta, dal 2019 non si è mai spenta”

Sahar Salam denuncia che tre anni fa il mondo ignorò le proteste contro il governo, accusato di corruzione e malagestione
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -