Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, sette eventi nel capoluogo: il programma

Numerosi gli appuntamenti in vista del 25 novembre. Alla città sarà anche donata una panchina rossa, simbolo della lotta al triste fenomeno

Sette eventi per tenere alta l’attenzione e sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza di genere. Alla presenza del Sindaco di Frosinone, Riccardo Mastrangeli, è stato presentato il calendario di appuntamenti realizzato da diverse associazioni, con il supporto del Comune, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che, nel capoluogo, si articolerà in più appuntamenti di più giorni che saranno declinati in mostre, presentazioni, incontri, eventi.

“Anche la nostra comunità ha vissuto, qualche tempo fa, un evento drammatico. L’eco dolorosa della morte di Romina continua a risuonare in tutti noi, scuotendo le coscienze e ricordandoci che il germe maligno della violenza, purtroppo, può attecchire anche vicino a noi – ha dichiarato il Sindaco Mastrangeli – Le iniziative che presentiamo oggi vogliono costituire uno sprone affinché la violenza sia debellata, per sempre, dalla nostra civiltà. Sette gli eventi previsti: nessuna Città italiana organizza tanti eventi in un giorno solo che diventano, tutti insieme, un solo ed unico messaggio corale contro la violenza sulle donne”.

Hanno illustrato le iniziative Nadia Accetti (Associazione Donna Donna onlus), che ha allestito, all’interno di Palazzo Munari, la mostra fotografica “Il corpo della donna è vita. Solo rose rosse”; Patrizia Saccoccia, organizzatrice con Event Planner di ImpronteX, alla villa comunale fino al 30 novembre; Annarita Alviani, di Convivium Perenne, che ha ideato “…Solo me stessa”, con associazione FrosinoneAlta, che il 25 novembre coinvolgerà il centro storico con una mostra collettiva itinerante e incontri per le scuole con la Polizia di Stato e Telefono Rosa; Alessandra Atorino, presidente della Consulta provinciale di Confagricoltura Frosinone, che ha illustrato le finalità delle “Clementine antiviolenza”; Alessandra Romano ed Enrico Capuano, rispettivamente segretario generale aggiunto Cisl e segretario generale Cisl, che inaugureranno una panchina rossa alla villa comunale; Valentina Sementilli, Ombretta Ceccarelli e Alfio Borghese, che hanno promosso l’iniziativa In Vetrina: Stop al femminicidio, con il coinvolgimento degli esercenti del capoluogo; Sonia Sirizzotti, avvocato, esperta di violenza di genere, che ha presentato la campagna di sensibilizzazione sociale Posto occupato. L’assessore ai servizi sociali Fabio Tagliaferri, inoltre, ha presentato il progetto “A spasso per la città… Alla scoperta della toponomastica femminile”, predisposto in collaborazione con i due organismi che gestiscono i centri antiviolenza ubicati sul territorio dell’Ente e precisamente l’associazione Auser e la cooperativa Diaconia.

“A spasso per la città… Alla scoperta della toponomastica femminile” – ha dichiarato l’assessore Tagliaferri –  prevede attività di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere, recupero del valore storico femminile attraverso ricerca, raccolta e catalogazione di carte antiche e toponomastica del nostro territorio, al fine di recuperare il valore storico delle donne attraverso l’intitolazione di luoghi pubblici. L’amministrazione, infatti, intitolerà un istituto scolastico a una donna vittima della violenza di genere e, nello stesso istituto, sarà realizzato un murale sul tema”.

Hanno preso parte alla conferenza anche gli assessori Rossella Testa e Simona Geralico (che, in chiusura, ha letto una toccante poesia di Alda Merini). Per quanto riguarda la mostra “Il corpo della donna è vita – solo rose rosse”( nell’ambito della quale, dopo la conferenza, è stata posizionata anche la panchina rossa in corso della Repubblica), le opere fotografiche saranno in esposizione dal 22 al 28 novembre presso Palazzo Munari, mentre il 22 e il 28 novembre, sempre presso palazzo Munari, sono previsti incontri con le scuole e divulgazione di materiale informativo.

Impronte X è stato inaugurato domenica 20 alla Villa Comunale, con la presentazione del libro di Carlo Levi “1944 Silvana Levi”, con Claudio Procaccia (Comunità Ebraica di Roma) e lo storico Francesco Antonucci, il contributo musicale di Fabio Caputo e Virginia Campomizzi e il duet “Vittime del silenzio”, coreografia di Iolanda Rocchi di ASD Formazione Danza. Ieri anche il vernissage della collettiva “Sguardi di donna nell’arte” a cura di Alfio Borghese, che sarà visitabile fino al 30 novembre. “…Solo me stessa” si terrà il 25 novembre coinvolgendo centro storico, palazzo comunale, piazzale Vittorio Veneto, in partnership con Polizia di Stato e Telefono Rosa. Si disvelerà così un percorso artistico di sensibilizzazione nelle vie del centro storico, grazie alla presenza di più artisti, come da progetto di Umberto Cufrini, prevedendo inoltre l’incontro con gli studenti degli istituti di istruzione superiore (dalle 11, a Palazzo Munari) e un intermezzo musicale del Conservatorio “Refice” (ensemble Violare). In programma anche il corso di autodifesa con Luca Magliocchetti (10-12 e 15-17) in piazzale Vittorio Veneto.

Si terrà il 25 alle 15 presso l’aula consiliare la conferenza di presentazione della Consulta Provinciale di Confagricoltura Donna Frosinone per il Service Annuale “Clementine Antiviolenza”, in vista della vendita di beneficenza in piazza don Carlo Cervini di sabato 26 novembre per sostenere il centro antiviolenza Mai più ferite della coop Diaconia di Frosinone. Il 25 novembre alle ore 13.30, alla Villa Comunale, la CISL di Frosinone donerà una panchina rossa al Comune, con una breve cerimonia, alla presenza del Sindaco Mastrangeli e di una delegazione CISL.

InVetrina: stop al Femminicidio è l’evento organizzato da Ombretta Ceccarelli, Alfio Borghese e Virginio Panici, in collaborazione con il Comune di Frosinone tramite l’assessorato al commercio di Valentina Sementilli. All’iniziativa hanno aderito 40 attività commerciali della città, che allestiranno le loro vetrine con slogan, libri, manichini, cartelloni per lanciare un messaggio contro la violenza. La commissione valuterà gli allestimenti degli esercizi che hanno aderito al concorso. Il 25 novembre si terrà la premiazione.

“Posto occupato” è la campagna di sensibilizzazione sociale con un posto lasciato “vuoto”, come quello durante la conferenza stampa del Comune, per riempire le coscienze di consapevolezza: la violenza sulle donne è un problema culturale ed una responsabilità sociale, che riguarda tutti.

Il Comune di Frosinone ha inoltre aderito alla campagna “I Comuni della provincia di Frosinone dicono No alla violenza sulle donne!” promossa dalla Consulta delle elette della Provincia, esponendo un drappo rosa sulla facciata di Palazzo Munari.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

L’albero di Natale più grande del mondo illuminerà la Ciociaria: l’8 dicembre l’accensione

San Vittore del Lazio - Già guinnes dei primati nel 2002, l'imponente albero luminoso torna dopo tanti anni su monte Sammucro

Massimo Ranieri torna a far sognare i fans: l’atteso appuntamento al Nestor

Sabato 3 dicembre, difatti, il poliedrico artista si esibirà nel teatro del capoluogo con "Tutti i sogni ancora in volo"

“Via Benedicti, il brand dell’umanità”: sabato l’appuntamento sulla rotta di San Benedetto

Sabato 3 dicembre, alle ore 18, presso la suggestiva cornice della sala consiliare di Monte San Giovanni Campano, sarà ospitata l'iniziativa

Cinema gratis per i giovani: tornano i “cinedì” di Lazio Youth Card

Leodori: "Martedì e mercoledì al cinema gratis con Lazio Youth Card". Sciarretta: "Avvicinare i giovani del Lazio al mondo della cultura"

“Ceccano 2030: capitale della bellezza”, verso la città del futuro

Partito un percorso di cambiamento all'insegna del benessere collettivo, della valorizzazione della cultura e non solo

‘Apprendisti ciceroni’, centinaia di studenti coinvolti nel progetto

Cassino - L'iniziativa ha visto tanti ragazzi delle scuole secondarie superiori raccontare le bellezze del territorio ai più piccoli
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -