Grano ucraino bloccato, rischio crisi alimentare nel mondo

Circa 22 milioni di tonnellate di grano sono bloccate nei silos dell’Ucraina senza poter raggiungere i mercati internazionali

Circa 22 milioni di tonnellate di grano sono bloccate nei silos dell’Ucraina senza poter raggiungere i mercati internazionali: lo ha riferito il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, durante un incontro sul tema della sicurezza alimentare organizzato a New York dalle Nazioni Unite.
“Questo cibo potrebbe aiutare subito le persone bisognose se semplicemente potesse uscire dal Paese” ha detto il dirigente, di fronte al segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

Secondo stime delle Nazioni Unite, nel mondo sono 36 gli Stati che dipendono dall’Ucraina e dalla Russia per oltre la metà delle loro importazioni di grano. Nella lista figurano alcuni dei Paesi più svantaggiati, come Repubblica democratica del Congo, Libano, Somalia, Siria e Yemen.

L’ONU AL LAVORO PER FAR RIPARTIRE LE ESPORTAZIONI

Durante l’incontro, Guterres ha detto di avere avviato “contatti intensi” con Russia, Ucraina, Turchia, Stati Uniti e Unione Europea con l’obiettivo di favorire una ripresa dell’export di grano dall’Europa orientale. Dopo l’offensiva ordinata da Mosca il 24 febbraio, mesi di conflitto armato hanno provocato aumenti dei prezzi di cereali, olii da cucina, fertilizzanti e benzina a livello internazionale.

Secondo Guterres, la guerra “minaccia di spingere decine di milioni di persone in una condizione di insicurezza alimentare con malnutrizione, fame di massa e carestie, aggravando una crisi che rischia di durare anni”.

Nel corso dell’incontro il segretario generale ha detto di aver chiesto a Mosca di garantire “l’esportazione in sicurezza del grano stoccato nei porti dell’Ucraina” e “l’accesso ai mercati internazionali senza restrizioni” per il cibo e i fertilizzanti russi. Secondo l’Onu, insieme Ucraina e Russia valgono circa un terzo delle forniture mondiali di grano. – Fonte Agenzia DIRE www.dire.it

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Siria, epidemia di colera: 39 vittime e 600 contagi nel Paese già martoriato dalla guerra

Il focolaio delle infezioni si trova nel nord del territorio, nelle zone tra la metropoli settentrionale di Aleppo e il fiume Eufrate

Iran, 17enne muore nelle proteste per Mahsa Amini: le forze sicurezza “rubano” il corpo

Il cadavere è stato ritrovato, dieci giorni dopo, in un obitorio di un centro di detenzione della capitale, con il naso e il cranio fratturato

Ecuador, scoppia la rivolta in carcere: morti almeno 15 detenuti

Nelle perquisizioni dopo gli scontri, la Polizia ha trovato diversi tipi di armi da fuoco, inclusi fucili, oltre a coltelli e proiettili

Shock in Russia, rapper si suicida per non andare in guerra: l’annuncio in un video

Il 27enne ha pubblicato su Telegram un video in cui annunciava la tragedia: "Se stai guardando questo video non sono più vivo"

L’uragano Ian devasta la Florida, almeno 42 morti

"Ci vorranno mesi, anni per ricostruire in Florida quello che l'uragano ha distrutto". Lo ha detto il presidente americano Joe Biden

Kabul, attentato suicida in una scuola: 32 morti e oltre 40 feriti

L'aggressore ha sparato alla guardia dell'istituto, poi ha preso d'assalto l'aula e fatto detonare la sua cintura esplosiva tra gli studenti
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -