Guerra in Ucraina: 900 civili giustiziati intorno a Kiev

I corpi sono stati abbandonati nelle strade o hanno ricevuto sepolture sommarie. Il volto più crudo della guerra

Sarebbero stati quasi tutti giustiziati a colpi di pistola i 900 civili trovati nella regione che circonda Kiev. Lo riferisce l’Associated Press che cita la polizia locale, riportata dal Guardian. “La presenza di ferite d’arma da fuoco indica che molti sono stati semplicemente giustiziati”, hanno detto gli ufficiali di polizia. Andriy Nebytov, il capo della polizia regionale di Kiev, ha spiegato che i corpi sono stati abbandonati nelle strade o hanno ricevuto sepolture sommarie. Secondo la polizia il 95% è morto per ferite d’arma da fuoco.

Il volto più crudo della guerra in Ucraina passa per le vittime. Civili uccisi, giustiziati, torturati. E intanto continuano i bombardamenti. Le sirene antiaeree continuano a risuonare nelle città dell’Ucraina. Da Dnipropetrovsk e Kryvyi Rih, da Zaporizhzhia a Cherkasy, passano per Donetsk, Odessa, Kharkiv, Poltava e Mykolaiv.

E poi Kiev, Leopoli, Mariupol. Città martoriate, simbolo di una guerra che non risparmia niente e nessuno.

Guerra, il videomessaggio di Zelensky

Il presidente ucraino Zelensky è tornato a parlare in un videomessaggio. Torna a chiedere armi e parla di un ritorno alla vita normale in alcune città del Paese. “Se qualcuno dice: ‘un anno o anni’, io rispondo: ‘puoi rendere la guerra molto più breve’. Più e prima avremo tutte le armi che abbiamo richiesto, più forte sarà la nostra posizione e prima arriverà la pace. Quanto più e quanto prima avremo il sostegno finanziario che abbiamo richiesto, tanto prima ci sarà la pace. Prima il mondo democratico riconoscerà che l’embargo petrolifero contro la Russia e il blocco completo del suo settore bancario sono passi necessari verso la pace, prima la guerra finirà. L’obiettivo principale è accelerare il ritorno alla pace”. – Queste le parole di Zelensky.

Continua il ripristino della vita normale nelle aree e nei distretti in cui sono stati espulsi gli occupanti – prosegue il presidente ucraino -. La mole di lavoro è davvero enorme: 918 insediamenti di diversa scala, ma ugualmente importanti per noi, per l’Ucraina, sono già stati liberati. Eseguiamo lo sminamento. Ripristiniamo la fornitura di luce, acqua e gas. Ripristiniamo il lavoro di polizia, posta, autorità statale e locale. Le sedi umanitarie hanno iniziato a lavorare sul territorio di 338 insediamenti liberati. Stiamo riprendendo la fornitura di cure mediche regolari e di emergenza e il lavoro delle istituzioni educative, dove è possibile. In totale, ad oggi le truppe russe hanno distrutto o danneggiato 1.018 istituti educativi in tutto il nostro Paese. È iniziato il restauro di strade e ferrovie. In particolare, da domani verrà ripristinato il collegamento ferroviario con Chernihiv e Nizhyn. I treni circolano già tra le città della regione di Sumy”.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Usa, pestato a scuola perché non si sentiva né maschio né femmina: 16enne muore il giorno dopo

Oklahoma - Il giovane era da tempo vittima di bullismo. Ancora è comunque da chiarire se ci sia un effettivo legame tra la rissa e il decesso

Usa, lite in un ristorante finisce in sparatoria: una donna morta e 5 feriti

Indianapolis - Secondo le autorità, i feriti sono attualmente in condizioni critiche, e lottano per la sopravvivenza

Spagna, neonato morto nell’armadio: il padre scopre che la figlia aveva partorito di nascosto

Valencia - La 22enne attualmente si trova sotto indagine da parte della polizia che la sospetta di omicidio

Orrore in Inghilterra, tre fratellini trovati morti in casa: arrestata la madre

Bristol - I piccoli avevano 10 mesi, 3 anni e 7 anni. La madre, ferita, è stata trasportata in ospedale dove è sotto custodia

India, scavalca il recinto dello zoo per farsi un selfie con un leone: 38enne muore sbranato

India - L’uomo potrebbe essere stato sotto effetto di alcol ma si sta indagando anche su presunti disagi mentali

Spagna, in carcere per aver ucciso i suoi 3 fratelli: ammazza anche il compagno di cella

L'uomo aveva confessato il triplice omicidio a sprangate dei fratelli settantenni, debitori nei suoi confronti di almeno 60mila euro
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -