Guerra in Ucraina, corridoi umanitari a Mariupol

Zelensky "Almeno 5.000 persone sono state uccise nella città 'martire' e sono in corso trattative per la rimozione dei corpi dalle strade"

Sette corridoi umanitari, incluso un nuovo tentativo per evacuare Mariupol, sono previsti per oggi in Ucraina. Lo ha riferito il vice primo ministro dell’Ucraina Iryna Vereshchuk, come riporta il Guardian. Il corridoio di Mariupol prevede sia il trasporto privato sia autobus, ha detto Vereshchuk. A Mariupol la situazione resta tra le più drammatiche.

Secondo Zelensky “Almeno 5.000 persone sono state uccise nella città “martire” e sono in corso trattative per la rimozione dei corpi dalle strade. Si stima – ha aggiunto – che “circa 170.000 persone stiano ancora lì ad affrontare la carenza di cibo, acqua e elettricità: la Croce Rossa ha affermato che una squadra diretta in città per un’evacuazione ha dovuto tornare indietro venerdì in quanto le condizioni hanno reso impossibile procedere, un altro tentativo verrà effettuato sabato. Oltre 3.700 persone sono state ‘salvate’ dall’assedio di Mariupol – ha detto ancora Zelensky – un convoglio di 42 bus, scortato dalla Croce Rossa, ha condotto i civili fino alla città di Zaporizhzhia”.

Ogni notte le bombe continuano a cadere sull’Ucraina. Le sirene dell’allarme aereo hanno risuonato la scorsa notte in tutte le principali città ucraine, da Kiev a Odessa. Ma cambia la tattica Russa: “Le forze russe si stanno ritirando rapidamente dalle aree attorno a Kiev e alla città di Chernihiv, nel nord dell’Ucraina”. Lo ha dichiarato il consigliere del presidente ucraino, Mykhaylo Podolyak. “Con la rapida ritirata dei russi da Kiev e dalla regione di Chernihiv, è assolutamente chiaro che la Russia sta dando la priorità a una tattica diversa: ripiegare verso est e sud, mantenere il controllo di vasti territori occupati e entrarvi in maniera potente”, ha aggiunto su Telegram.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ne è sicuro: “Le forze russe si stanno ammassando nel Donbass, verso Kharkiv, e si stanno preparando per attacchi ancora più potenti. Ora si stanno ritirando dal nord dell’Ucraina in un modo lento ma evidente. Chiunque torni in questa zona deve stare molto attento. È ancora impossibile tornare alla vita normale, bisogna aspettare che la nostra terra venga bonificata e finché si sarà certi che non ci saranno nuovi bombardamenti”. 

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

California, sospettato di sette omicidi rischia la pena di morte

Sembra che il sospettato conoscesse le sue vittime, cinque uomini e due donne, di origine asiatica o ispanica, tutti braccianti

Iran, bruciò foto Khomeini: donna incinta condannata a morte

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto una "azione urgente" per contrastare tale decisione

Usa, cane in auto calpesta il fucile: parte un colpo che uccide il padrone

Secondo la ricostruzione riportata dai quotidiani nazionali, il 30enne stava andando a caccia e aveva lasciato l'arma sul sedile posteriore

Usa, entra in un negozio e uccide tre persone a caso a colpi di pistola

Ancora un episodio di sangue a Yakima. Il killer, un giovane di 21 anni, si è poi suicidato nel magazzino dove si era rifugiato

Sangue e terrore a Mogadiscio, Al Shabaab attacca l’ufficio del sindaco: sei morti

Somalia - L'attentato, stando a quanto emerso, è iniziato con un'esplosione a cui ha fatto seguito uno scontro a fuoco

Orrore a Hong Kong: maiale si ribella e uccide un macellaio in un mattatoio

Cina - L’uomo è stato trovato senza vita da un collega. Aveva ancora la mannaia in mano e una tremenda ferita