Il Bacio delle Madonne di Castrocielo e Colle San Magno: torna l’appuntamento con la tradizione

All’alba del lunedì di Pasquetta, due cortei in processione si snoderanno da Castrocielo e Colle San Magno per incontrarsi sul monte Asprano

Il Bacio delle Madonne di Castrocielo e Colle San Magno, si rinnova l’appuntamento con la tradizione. All’alba del lunedì di Pasquetta, due cortei in processione si snoderanno da Castrocielo e Colle San Magno, per incontrarsi sul monte Asprano, dove si trova la Chiesa Madre di Santa Maria in Cielo. Al cospetto l’una dell’altra le due statue vengono inchinate rinnovando così l’armonia tra le due comunità che in passato hanno avuto qualche attrito. Oggi, e ormai da anni, la cerimonia si svolge in totale armonia tra le due fazioni.

Il Bacio delle Madonne

Alle prime luci dell’alba da Castrocielo parte una processione con la statua della Madonna, diretta verso la chiesetta. E’ tradizione che la processione debba partire sempre prima da Castrocielo. In passato infatti sembra che ci fossero state rivalità tra le due fazioni per contendersi il diritto di precedenza nella celebrazione delle sacre funzioni nella Chiesa Madre che è sul monte. Da tempo però, tutto si svolge in armonia. Il corteo rinnova antiche usanze come quella della statua della Vergine che, portata a spalla e accompagnata dalla banda musicale, viene deposta due volte durante il percorso su apposite basi quadrangolari dette in dialetto “posature“. A due terzi del percorso il portatore dello stendardo compie il rito del saluto al Santuario della Madonna di Monte Leucio, colle avamposto della catena degli Aurunci che delimita a sud la Valle del Liri. La processione di Castrocielo entra nella Chiesa Madre e, dopo le sacre funzioni, la folla passa dal rito sacro a quello profano della “colazione” a base di ciambelloni, detti dialettalmente “pigne”, ciambelle, uova sode, salami, vino, consumati in allegria.

Nel frattempo, anche da Colle San Magno, è già partita un’analoga processione con la statua della Vergine che arriva dal versante opposto a quello salente da Castrocielo. I due cortei s’incontrano appena al di sotto della chiesetta; qui le statue vengono inclinate e avvicinate. E’ in questo momento che si assiste al bacio delle Madonne. Compiuta tale cerimonia, festeggiata con fuochi di artificio, mentre un corteo si snoda verso il basso, l’altro continua nella ormai breve ascesa, verso la chiesa. Così da secoli, i cittadini di Castrocielo e Colle S. Magno, ricordano la comune origine dei loro paesi, a testimonianza di una ritrovata armonia fra le due comunità che in passato hanno avuto motivo di attrito e di contrasto.

Cenni storici

All’inizio del 1300 fu eretta sulla cima del monte Asprano, vicino al castello, la chiesa di S. Maria Assunta in Cielo, che assicurava il servizio liturgico sia alla comunità di Colle San Magno sia a quella di Palazzolo, sorta sull’altro versante del monte. Proprio questa singolare caratteristica di una chiesa in comune tra due paesi (non a caso l’Arciprete risiedeva per sei mesi a Palazzolo e per gli altri sei mesi a Colle San Magno), restata in vigore fino al 1850, ha originato una particolare cerimonia liturgica che le due comunità festeggiano ogni Lunedì in Albis (Pasquetta). Infatti, solo nel 1850 furono costituite due parrocchie separate con due parroci. Questa comunanza di vita civile e religiosa durata per secoli, resta ancor oggi testimoniata nella tradizionale e caratteristica processione del Lunedì di Pasqua.

All’epoca in cui il Comune di Castrocielo si trasferì dall’alto del Monte Asprano, verso la attuale ubicazione del centro storico, si trasportarono nel nuovo nucleo urbano le reliquie già conservate nella Chiesa Madre di S.Maria Assunta in Cielo. Ciò avvenne nell’anno 1601, come ricorda una lapide posta al sommo del reliquiario esistente nella sacrestia della Chiesa Parrocchiale. Da allora, ogni lunedì di Pasqua, si torna processionalmente alla antica chiesa matrice nella quale si riportavano le antiche reliquie, prima che venissero asportate da mani profane nel corso delle invasioni verificatesi durante l’ultimo conflitto bellico ( 1940-45). Fonte ciociariaturismo.it

Informazioni • Ciociariaturismo

Telefono: (+39) 0775.211417
Email: redazione@ciociariaturismo.it
Sito Web: www.ciociariaturismo.it

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Isola del Liri – La città diventa un set cinematografico, al via le riprese de “Il silenzio del Padre”

Le riprese vedranno coinvolti, sia nel cast che nella troupe, cittadini del territorio. Giuliano Giacomelli tra i produttori

“I due cialtroni”, Martufello e Simeoli a teatro con la commedia di Pingitore: l’appuntamento

La prima nazionale dello spettacolo si terrà il prossimo 20 Aprile a Fiuggi, nella bellissima location del teatro comunale

“Barber National League”, a Fiuggi torna la terza edizione della kermesse

Appuntamento il 21 e 22 aprile, presso l’hotel Fiuggi Terme, con l'evento organizzato da Simone Mangiapelo e Emanuele Prota

“Card. Ennio Filonardi 1466-1549“, nasce l’associazione culturale per la promozione del territorio

Valorizzare il territorio attraverso l’importante figura storica che unisce i comuni di Boville Ernica, Ferentino, Anagni e Veroli

Post Tenebras Lux, oltre il cinema e la realtà: il controverso film di Reygadas tra simbolismo e diavoli

Reygadas spinge il piede sull’acceleratore tra virtuosismi registici e manipolazione massacrante del visivo

Campionato mondiale della pizza, lo chef ciociaro Ricciardi sul podio: l’orgoglio della sua città

Lo chef fiuggino ha conquistato il terzo posto nella sfida mondiale della pizza alla pala. I complimenti dell'amministrazione comunale
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -