Irregolarità in una sala slot, revocata la licenza alla titolare: ecco cosa è stato scoperto

Alatri - Il titolare della licenza era una donna del posto che, a dispetto delle rigide prescrizioni normative, gestiva l’attività in modo irregolare

Alatri – Il Questore della Provincia di Frosinone, dopo i necessari accertamenti svolti dal personale della Divisione Amministrativa della Questura, ha revocato una licenza per l’esercizio di raccolta del gioco lecito mediante apparecchi da divertimento e da intrattenimento, più noti come Slot Machine.

Il titolare della licenza era una donna del posto che, a dispetto delle rigide prescrizioni che la normativa impone ai titolari di questo genere di locali, gestiva l’attività in modo irregolare, come constatato dagli uomini della Questura. Sono state riscontrate delle anomalie, connesse alle modalità di gestione operate dalla titolare; in particolare si è accertato che l’accesso degli avventori avveniva attraverso un sistema di apertura della porta d’ingresso effettuato da remoto, mediante un videocitofono presente all’esterno del locale. Dopo aver consentito l’accesso alla sala, veniva omesso qualsiasi successivo controllo durante la permanenza degli avventori.

Il personale della Divisione Polizia Amministrativa della Questura ha provveduto ad effettuare un mirato controllo, nel corso del quale è emerso che l’accesso al locale veniva consentito dopo una semplice chiamata al videocitofono, a cui seguiva l’apertura da remoto della porta d’ingresso del locale, al cui interno non vi era né il titolare né il preposto autorizzato in licenza.

Inoltre le vetrate che davano verso l’esterno erano state coperte con pellicole oscuranti, tanto da impedire la vista verso l’interno del locale, ostacolando così non solo la possibilità di verificare dall’esterno la regolarità dello svolgimento dell’attività, ma anche di poter rilevare eventuali situazioni pericolose in atto all’interno dell’esercizio, con evidente compromissione della tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. Dalle contestazioni che hanno portato alla revoca della licenza è emerso pure che nel locale erano stati posizionati 7 apparecchi slot machine mentre erano assenti gli apparecchi videolottery, per i quali invece era stata rilasciata licenza.

L’attuale provvedimento si inserisce nel solco delle direttive impartite dal Ministero dell’Interno, per combattere a 360 gradi l’illegalità nei locali ricettivi aperti al pubblico, nell’ottica della serena e pacifica convivenza sociale, basata sul rispetto delle regole.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Regione – Omicidio alla stazione, 41enne accoltellato e lasciato in una pozza di sangue davanti ai passanti

Roma - Il delitto è avvenuto presso la stazione Termini. A far scattare l’allarme sono stati gli astanti. Inutili i soccorsi

Sora – Incidente sul Lungoliri, coinvolta auto della polizia: autista ferito

Sora - Sul posto medici e paramedici del 118 nonché gli agenti della Polizia Locale per i rilievi e la gestione del traffico

Sora – Dotati di arma e manette i nuovi agenti della Polizia Locale: sicurezza al primo posto

Le "nuove leve" della Polizia Locale, in carico al Comando dallo scorso dicembre, sono state equipaggiate di pistola, manette, divisa

Addio a Gianmarco Ceccani, domani i funerali del giovane: una comunità unita nel dolore

Alatri - Le esequie saranno celebrate nella giornata di domani, alle ore 16, presso la chiesa Maria Santissima Regina a Tecchiena

Frode fiscale ed auto-riciclaggio internazionale, nove arresti e maxi sequestri

Eseguiti sequestri di beni per circa 3 milioni di euro, pari all’importo transitato strumentalmente sui conti delle società “perno”

Maltrattava e picchiava l’ex moglie, stalker nei guai: la fine ad un inferno di violenza

Cervaro - Ad un 50enne di Cassino è stato applicato il braccialetto elettronico. L’uomo non potrà avvicinarsi alla ex
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -