Lavoro, presentata bozza di Convenzione quadro per l’integrazione delle persone con disabilità

Integrazione nel mercato del lavoro delle persone con disabilità e con particolari difficoltà di inserimento: l'annuncio di Maselli e Schiboni

È stata presentata nella sala Tevere della Regione Lazio, la bozza di Convenzione quadro per l’integrazione nel mercato del lavoro delle persone con disabilità e con particolari difficoltà di inserimento. All’incontro hanno preso parte la direttrice della direzione regionale istruzione, formazione e politiche per l’occupazione, Elisabetta Longo, e della direzione inclusione sociale, Ornella Guglielmino, i rappresentanti delle sigle datoriali, le associazioni dei lavoratori, le Associazioni di Rappresentanza delle Cooperative Sociali e dei Consorzi, nonché il responsabile del Sild di Roma, Fabrizio Paramucchi.

«Dopo otto anni dall’ultima convenzione si è scelto, con coraggio, di rimuovere gli ostacoli che hanno impedito la diffusione di questo strumento sul territorio regionale. L’obiettivo è compiere un ulteriore passo avanti per le politiche mirate a dare risposte alle persone più fragili all’insegna di quella che, per questa Regione, è la parola d’ordine: inclusione». Lo dichiara l’assessore regionale al Lavoro, alla Scuola, alla Formazione, Ricerca e Merito, Giuseppe Schiboni. «La partecipazione, il confronto e la condivisione sono l’asse su cui lo schema di convenzione quadro è stata costruita in attuazione di quanto previsto dal decreto legislativo 276 del 2003. Le aziende, con questo strumento, oltre a ottemperare alla legge hanno, infatti, l’opportunità di sviluppare azioni di responsabilità sociale d’impresa nei confronti del proprio territorio. Da parte loro le persone con disabilità possono trovare un ambiente di lavoro che possa realmente supportarle nel loro percorso, valorizzandone le abilità in linea con la vision “la persona giusta al posto giusto”. È stata avviata una fase nuova che ha quale obiettivo primario quello di dare stabilità al mondo del lavoro, creare occasioni di ricollocazione mirata a persone disabili fuoriusciti dal mondo del lavoro da lungo tempo. Il rinnovo della convenzione quadro si inserisce in una rinnovata programmazione regionale che pone al centro le esigenze dei disabili e di chi è più lontano dal mercato del lavoro. La legge sembra un paradosso, da sola non basta. Per questo intendiamo rendere fattivo l’inserimento lavorativo di queste persone facilitando la collaborazione fra i diversi attori locali (pubblici e privati), aumentando la flessibilità degli strumenti esistenti, superando la frammentazione degli interventi, tenendo conto che il problema del lavoro per queste persone, e per noi che rappresentiamo le istituzioni, è, e deve essere un tema centrale che può concretizzarsi solo nell’integrazione di tutti i soggetti del territorio» ha concluso l’assessore Schiboni.

«La turbolenza e la competitività del mercato del lavoro, non solo in termini di offerta di impiego ma anche di una continua evoluzione delle professioni, rende sempre fragile il rapporto tra disabilità e lavoro, e richiede continua innovazione sul piano culturale, formativo e metodologico, per fronteggiare il rischio sempre presente dell’insorgenza di nuovi processi di esclusione» ha sottolineato l’assessore al Sociale Massimiliano Maselli. «Una delle principali novità dello schema di convenzione che sarà approvato a breve dalla Giunta regionale rispetto al testo del 2016, è che l’ambito di applicazione della convenzione 2024 si riferisce alle Persone con disabilità iscritte negli elenchi del collocamento mirato che presentino almeno una delle seguenti caratteristiche: 1. disabilità psichiche e/o intellettive; 2. invalidità civile superiore al 79%; 3. condizione di fragilità e/o vulnerabilità segnalata dai servizi socio/sanitari che comporti particolare difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo oppure oggettive condizioni di svantaggio occupazionale correlate all’età, al reinserimento lavorativo ovvero alla disoccupazione da lunga durata, previa stipula di un percorso individualizzato» ha concluso l’assessore al Sociale Massimiliano Maselli.

«Questa nuova formulazione estende di fatto la platea di possibili destinatari delle convenzioni di affidamento che potranno avere una durata che va dai 12 ai 48 mesi – aggiunge Schiboni – la modifica sostanziale allo schema di convenzione trilaterale proposta, parte dai termini di durata della convenzione stessa. Si è lavorato, recependo anche alcune delle osservazioni pervenute, sulla possibilità di ampliamento dei termini di validità, e su eventuali possibilità di rinnovo per raggiungere due obiettivi primari. Il primo: dare continuità lavorativa alle persone disabili con particolari caratteristiche e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo ordinario utilizzando appieno le opportunità offerte dalla cooperazione sociale. Il secondo: la possibilità di mantenere alle proprie dipendenze le persone con disabilità cui è comunque assicurato un impiego duraturo e stabile consente alle cooperative di dare ai propri servizi continuità e al loro futuro imprenditoriale una maggiore concretezza economica. Insieme – conclude l’assessore Schiboni – renderemo le barriere un trampolino, gli ostacoli una opportunità, il benessere delle persone che la dignità del lavoro genera, il pilastro della stabilità».

Al termine dell’incontro sono stati dati ulteriori dieci giorni per fornire eventuali nuove osservazioni dopo di che si procederà a portare lo schema di convenzione all’esame della Giunta regionale.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Difensore civico, Maura presenta una proposta di legge regionale

Il consigliere regionale: "Rimodulare e rinnovare in funzione delle esigenze della collettività la figura del difensore civico"

Comune di Frosinone, Cirillo diventa dirigente di Fi e avverte: “Azzeramento o vado in minoranza”

La "ricognizione" di maggioranza incontra la richiesta di azzeramento deleghe e veto a nuovi ingressi dall'opposizione da parte di Cirillo

Regione Lazio, al via il bando energia per le Pmi: 40 milioni per efficientamento e rinnovabili

“Efficienza Energetica e Rinnovabili per le Imprese”, il contributo è a fondo perduto. Ieri la presentazione ufficiale

Cassino, Salera ufficializza la sua giunta-bis. Ma spuntano una ‘staffetta’ e un riassetto di gruppi

Stamane conferenza stampa di presentazione per il Salera bis. Ma i retroscena parlano di qualche assetto che verrà definito nei prossimi mesi

Ceprano – Il sindaco Colucci vara la giunta, tutti i componenti della nuova squadra e le deleghe

Il ruolo di vicesindaco assegnato a Giovanni D’Orazio. Il prossimo 28 giugno il primo consiglio comunale dell'era Colucci

Emergenza suicidi in Ciociaria, il segretario Pd Tallini sollecita un tavolo di confronto

Marco Tallini, Segretario circolo PD Frosinone, interviene sull'emergenza suicidi in provincia di Frosinone: nove morti in 40 giorni
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -