Oggi è la giornata del fiocchetto lilla: ecco cos’è

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei disturbi del comportamento alimentare, il 15 marzo 2012 è stata istituita la Giornata del Fiocchetto Lilla

Sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei disturbi del comportamento alimentare. Con questo obiettivo dieci anni fa, il 15 marzo 2012, è stata istituita la Giornata del Fiocchetto Lilla. Promossa per la prima volta dall’Associazione “Mi Nutro di Vita”, dal 2018 è riconosciuta istituzionalmente come Giornata nazionale contro i Disturbi dell’Alimentazione dalla Presidenza dei Ministri. Il simbolo del Fiocchetto Lilla ha origine in America e rappresenta da più di 30 anni la lotta contro i Disturbi del Comportamento Alimentare.

Solo in Italia i disturbi del comportamento alimentare riguardano almeno 3 milioni di persone, soprattutto adolescenti. Secondo i dati raccolti dal Centro per i disturbi del comportamento alimentare dell’ospedale San Raffaele di Milano, sono soprattutto le ragazze tra i 15 e i 25 anni a soffrire di forme spesso combinate di anoressia e bulimia, mentre mentre il binge eating disorder (BED, disturbo da alimentazione incontrollata) risulta più diffuso tra i 35 e i 50 anni, tanto nei maschi quanto nelle femmine.

La pandemia, i lockdown, l’isolamento hanno determinato il peggioramento di una situazione già complessa. Le richieste di aiuto negli ultimi due anni sono notevolmente aumentate, per questo è necessario capire quando e come intervenire. Il Fiocchetto Lilla si propone, dunque, come un simbolo di speranza perché i DCA meritano attenzione, rispetto e cura da parte delle persone, della società e del sistema sanitario in generale.

Per questo motivo occorre accrescere la consapevolezza, a livello individuale ed istituzionale, bisogna scoraggiare il distacco e il disinteresse così da evitare l’indifferenza di fronte a problematiche di questo tipo e favorire, al contrario, la crescita di una cultura fondata sull’ascolto. Bisogna inoltre creare una rete di supporto e di cura rivolta a chi ne è direttamente colpito ed alla sua famiglia, così da contrastare il disagio relazionale, il senso di abbandono e l’omertà che spesso caratterizzano queste problematiche.

In tutta Italia negli ultimi anni si sono moltiplicati i centri specializzati. Il sostegno al paziente così come alla famiglia è fondamentale per chi soffre di disturbi alimentari. Lavorare con la famiglia, coinvolgere i familiari nella battaglia contro la malattia diventa decisivo e assume un’importanza decisiva per l’esito del trattamento, così come spiegano ormai da anni gli esperti.

E’ però necessario agire nel modo giusto e con le giuste competenze per evitare di peggiorare situazioni già complesse. Con l’obiettivo di offrire un elenco di centri e professionisti specializzati, la Società Italiana di Riabilitazione Interdisciplinare Disturbi Alimentari e del Peso ha pubblicato un elenco con tutti i riferimenti utili nelle singole regioni che è possibile consultare online.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Appartamento a fuoco in pieno centro, paura per un noto imprenditore

Cassino - Il rogo in via Toti, in pieno centro. Sul posto stanno operando i Vigili del Fuoco, il personale Ares 118 ed i Carabinieri

Omicidio Alatri, in due si presentano in caserma: “Sappiamo che ci cercate”

Due persone si sono presentate in serata nella caserma dei carabinieri di Alatri. In corso un lungo interrogatorio

Alatri- Thomas Bricca, gli amici: “Vogliamo giustizia” – In esclusiva le video testimonianze

Le toccanti testimonianze degli amici del giovane freddato in un agguato a colpi di pistola. Dolore e rabbia

Polpette avvelenate, torna l’allarme: cane salvato in extremis

Broccostella - La segnalazione corre sui social. Una signora è incappata nei bocconi e mette in guardia i residenti

Terapia innovativa contro una patologia rara: il trattamento al Santa Scolastica di Cassino

Trattato un paziente affetto da emoglobinuria parossistica notturna. La terapia era stata utilizzata, nel Lazio, solo al Policlinico Gemelli

Alatri, omicidio Thomas Bricca: quattro i sospettati. Si temono altri spargimenti di sangue

Il cerchio si stringe intorno a quattro soggetti: mandante, tramite ed esecutori. Trapelano nuove indiscrezioni