Primavera – Il Frosinone cade nel finale: battuto 0-1 dalla Fiorentina

Quando la gara sembra ormai scivolare sullo 0-0, ecco che i viola approfittano di un rimpallo in area di rigore che favorisce Spaggiari

Frosinone – Fiorentina 0-1

Reti: 86’ Spaggiari (F)

Frosinone: Avella; Kamensek, Severino, Paura, Giunashvili; Romano (77′ Amerighi), Boccia, Cisse (84′ Antoci); Dixon (50′ Voncina), Mezsargs (77′ Stefanelli), Milazzo. A disposizione: Lagonigro, Totti, Molignano, Rocci, Shkambaj, Aromatico, Fiorito, Allenatore: Gregucci.

Fiorentina: Tognetti; Biagetti (59′ Maggini), Sadotti, Romani; Vigiani (59′ Spaggiari), Vitolo, Gudelevicius  (46′ Harder), Denes; Caprini (82′ Braschi), Guidobaldi (59′ Sene), Rubino. A disposizione: Leonardelli, Scudieri, Elia, Fortini, Mignani, Padilla Mendoza. Allenatore: Galloppa.

Arbitro:  Andrea Zanotti della sezione di Rimini.

Ammoniti: Romani (FI), Harder (FI).

Note: 0’p.t. | 4′ s.t.

FERENTINO – Sconfitta nel finale per la Primavera di Angelo Gregucci, i giallazzurri nonostante le tante occasioni create cadono nel finale.

Partenza aggressiva del Frosinone, dopo 4′ la prima occasione capita sui piedi di Dixon, salva Tognetti. Pochi minuti più tardi è Cissè a provarci dal limite, blocca ancora l’estremo difensore della Fiorentina. La risposta viola sta nello spunto di Rubino, che scarta tutti e poi lascia partire un tiro debole che Avella controlla senza problemi. Al 14′ ancora Frosinone pericoloso, sempre con Dixon, che calcia di prima intenzione, blocca il portiere. Al 40′ è Milazzo a fallire l’occasionassima da due passi. Ottima discesa di Merzsargs, che trova Boccia, quest’ultimo serve a centro area proprio Milazzo, che a botta sicura manda alto. Nel finale di primo tempo brivido per i ragazzi di Gregucci, Rubino da calcio di punizione colpisce la traversa.

Il secondo tempo si apre con la girata di Guidobaldi su cui salva Avella. Al 53′ che occasione per il Frosinone, sulla sinistra scappa ancora bene Merzsargs, mette dentro per Vocina, che però al momento del tiro viene anticipato. Forcing giallazzurro, ancora Boccia, fa tutto da solo, calcia a giro, blocca Tognetti. Frosinone e Fiorentina si studiano in questo secondo tempo, con i viola più intraprendenti in fase offensiva. Quando la gara sembra ormai scivolare sullo 0-0, ecco che i viola approfittano di un rimpallo in area di rigore che favorisce Spaggiari, su cui Avella non può nulla. Termina con la vittoria di misura della Fiorentina, per i giallazzurri c’è l’occasione di riscatto in casa del Lecce.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Serie D – Colpo del Sora Calcio in attacco: arriva Erwin Tiganj

Il bomber sloveno che, nell’ultima stagione si è diviso tra United Riccione e Derthona, vanta lunghi trascorsi in categoria

Motori – Presentato ufficialmente il Rally di Roma Capitale: Ciociaria protagonista

Oltre 100 iscritti con record di vetture Rally2. Il prologo al Colosseo atteso a livello mondiale, si aggiunge una festa finale a Fiuggi

Serie D – Nuovo innesto per il Sora Calcio: ecco il portiere Francesco Cerroni

L'estremo difensore, classe 2005, proviene da L’Aquila (Serie D) con cui l’anno scorso ha conquistato i playoff per la serie C

Serie D – Un giovane difensore per il Sora Calcio: Samuele Mariniello in bianconero

Serie D - Il classe 2007, proveniente dal Pontedera (Serie C), si è messo in mostra in Eccellenza con il Colleferro

Eccellenza – Il Ferentino dà il benvenuto al difensore Francesco Placidi

Promessa giovanile, con un curriculum che vanta presenze anche nell’Ascoli Calcio e 10 gol nella passata stagione

Pallanuoto – Tempo di bilanci in casa Frosinone, Ceccarelli: “Ci è mancato un pizzico di fortuna”

Un campionato di serie C dominato, poi la finale play off persa e la normale delusione. Ma anche tanto orgoglio, per il percorso fatto
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -