Primavera – Lecce-Frosinone 2-2: i giallazzurri intascano il primo punto della stagione

Partita ricca di emozioni e gol. Prossimo match per i giallazzurri alla ‘Città dello Sport’ contro il Torino

Lecce – Frosinone 2-2

Reti: 32′ Milazzo (F), 89′ Faticanti (L), 93′ Burnete (L), 97′ Mezsargs (F)

Lecce: Lampinen-Skaug; Munoz, Pascalau, Smajlovic, Kongslev (46′ Addo); McJannet (70′ Vulturar), Faticanti, Agrimi (58′ Johnson); Baxter (46′ Gromek), Burnete, Jemo (77′ Helm). A disposizione: Leone, Casalongue, Zivanovic, Minerva, Adewale, Vescan-Kodor. Allenatore: Coppitelli
Frosinone: Avella; Amerighi (84′ Severino), Pahic, Giunashvili, Paura (84′ Stefanelli); Milazzo, Cisse, Romano R. (70′ Stoyanov); Boccia; Mezsargs, Chichero (55′ Dixon). A disposizione: Romano T., Lagonigro, Evangelisti, Totti, Molignano, Shkambaj, Antoci. Allenatore: Pittiglio 

Arbitro: Abdoulaye Diop della sezione di Treviglio

Ammoniti: Mezsargs (F), Boccia (F), Stoyanov (F), Burnete (L)

Espulsi: Cisse (F)

LECCE – Il Frosinone di mister Gregucci (che sconta la giornata di squalfica, dopo l’espulsione rimediata contro la Fiorentina), trova il primo punto della stagione a Lecce, al termine di un match ricco di gol ed emozioni.

Buona la partenza dei giallazzurri, che si fanno vedere subito avanti con Paura, che calcia da posizione defilata ma non trova la porta. Poco prima del quarto d’ora primo brivido per Avella. Cross di Agrimi, colpo di testa di Jemo e palla incredibilmente alta. Alla mezz’ora passa il Frosinone. Milazzo raccoglie il pallone dal limite dopo la respinta di Pascalau e la piazza all’angolino basso, giallazzurri in vantaggio. Il Lecce sfiora il pareggio con Burnete al 45′, bravo Avella a respingere in due tempi.

Nella ripresa la squadra di Coppitelli prova ad imporre il proprio gioco e crea un pericolo con Faticanti, che calcia al volo, ma il suo tiro termina largo. Fase centrale del secondo tempo che vive di folate, fino ad uno scoppiettante finale. Al minuto numero 89 Burnete riparte in velocità, serve a centro area Faticanti che non sbaglia. Un minuto più tardi e Avella è  costretto agli straordinari su Vulturar. In pieno recupero Stefanelli stende Burnete, è lo stesso attaccante giallorosso ad andare sul dischetto e a battere Avella. Nel finale, quando sembra concretizzarsi la beffa, ecco il pareggio giallazzurro. Cross di Cissè. sponda di Severino e Merzsargs che spinge in rete un pallone importantissimo, che consente alla squadra di Gregucci di raccogliere il primo punto stagionale. Prossimo match per i giallazzurri alla ‘Città dello Sport’ contro il Torino.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Serie D – Colpo del Sora Calcio in attacco: arriva Erwin Tiganj

Il bomber sloveno che, nell’ultima stagione si è diviso tra United Riccione e Derthona, vanta lunghi trascorsi in categoria

Motori – Presentato ufficialmente il Rally di Roma Capitale: Ciociaria protagonista

Oltre 100 iscritti con record di vetture Rally2. Il prologo al Colosseo atteso a livello mondiale, si aggiunge una festa finale a Fiuggi

Serie D – Nuovo innesto per il Sora Calcio: ecco il portiere Francesco Cerroni

L'estremo difensore, classe 2005, proviene da L’Aquila (Serie D) con cui l’anno scorso ha conquistato i playoff per la serie C

Serie D – Un giovane difensore per il Sora Calcio: Samuele Mariniello in bianconero

Serie D - Il classe 2007, proveniente dal Pontedera (Serie C), si è messo in mostra in Eccellenza con il Colleferro

Eccellenza – Il Ferentino dà il benvenuto al difensore Francesco Placidi

Promessa giovanile, con un curriculum che vanta presenze anche nell’Ascoli Calcio e 10 gol nella passata stagione

Pallanuoto – Tempo di bilanci in casa Frosinone, Ceccarelli: “Ci è mancato un pizzico di fortuna”

Un campionato di serie C dominato, poi la finale play off persa e la normale delusione. Ma anche tanto orgoglio, per il percorso fatto
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -