Processo Mollicone, la porta della caserma come arma del delitto? Scontro tra perizie oggi in aula

Udienza cruciale quella di oggi a Roma dove a deporre saranno i periti della Procura e quelli della difesa

Uno scontro tra perizie quello che si profila oggi presso l’aula della Corte d’assise d’appello di Roma nell’ambito del secondo processo per la morte di serena Mollicone, la diciottenne di Arce trovata senza vita nel giugno del 2001 in località Fonte Cupa a Fontana Liri.

A deporre dinanzi al procuratore generale saranno i periti della procura e quelli della difesa. Chiamata a riferire di quanto emerso nel corso dell’autopsia svolta presso l’Abanof di Milano è stata la professoressa Cristina Cattaneo, tanatologa di fama mondiale che colloca l’aggressione di Serena Mollicone all’interno dell’alloggio di servizio della caserma dei carabinieri di Arce. La diciottenne avrebbe sbattuto con violenza la testa contro la porta del bagno.

Tanti gli elementi che, secondo la relazione della dottoressa Cattaneo, attesterebbero la presenza di Serena Mollicone nell’alloggio a trattativa privata utilizzato dalla famiglia Mottola. Di parere contrario è il professor Giorgio Bolino, medico legale incaricato dagli imputati: il professor Bolino sostiene che Serena Mollicone sia stata uccisa in altro luogo e con un’altra metodologia.

A finire sotto processo sono stati tre componenti della famiglia Mottola: Franco, l’ex comandante della caserma dei carabinieri Arce, la moglie Annamaria e il figlio Marco. A finire sotto processo anche l’ex vice comandante della caserma dei carabinieri di Arce, il luogotenente Vincenzo Quatrale e l’appuntato Francesco Suprano. Mentre i tre Mottola sono accusati di omicidio volontario e occultamento di cadavere, Quadrale deve rispondere di concorso esterno in omicidio, mentre Suprano del reato di favoreggiamento. Nel processo in corte d’Assise a Cassino tutti e cinque gli imputati sono stati assolti per insufficienza di prove.

- Pubblicità -
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti, giornalista professionista iscritta all’albo dal 1998 si occupa di cronaca e giudiziaria sia in provincia di Frosinone che a livello nazionale. Ha collaborato e collabora con le prestigiose testate: Il Mattino di Napoli e Il Tempo. Dal 2001 è la referente per il basso Lazio dell’agenzia giornalistica AGI. Le sue inchieste giornalistiche sono sfociate anche in delicate indagini della magistratura. Nel 2018 è stata insignita del premio letterario e giornalistico dedicato a Piersanti Mattarella con un reportage sui beni confiscati alla criminalità organizzata

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Attenzione ai videogiochi di trading online: dietro si nascondono perdite e corsi a pagamento

Per allettare i 'giocatori', viene fatta balenare loro l'opportunità di condividere parte degli eventuali profitti realizzati

Perde il controllo dell’auto e vola da un ponte, soccorsi sul posto

L’incidente al confine tra Villa Santo Stefano e Amaseno. I Vigili del Fuoco sono intervenuti per recuperare l’auto

Processo Mollicone, la famiglia di Serena condannata a pagare le spese legali: l’appello alle istituzioni

L’amica di famiglia Bianca Maria Ferrante ha scritto un’accorata epistola alle istituzioni ricostruendo l’aspetto umano della vicenda

Bruciano i monti della Ciociaria, due roghi in poche ore: canadair e Vigili del Fuoco al lavoro

Si cerca di contenere il fronte del fuoco a Pastena e Fumone. La mano criminale dell’uomo torna a distruggere l’ecosistema

Sora – Furto nel parcheggio del cimitero, sfondato il vetro di un’auto per rubare una borsa

A denunciare l’accaduto la vittima che lancia un appello per chiedere aiuto nella speranza di ritrovare i suoi oggetti personali

Incidente alla rotatoria, si scontrano un furgone e un’auto: due giovani finiscono in ospedale

Sora - Il furgone ha urtato il veicolo che attraversava la rotatoria: nel violento impatto sono rimasti feriti due giovani
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -