Roccasecca – Un “Vettore della Memoria”, l’installazione presso la chiesa di San Vito

Si tratta della segnaletica evocativa della “Memoria”, ideata dall'architetto americano Daniel Libeskind e installata in tutta Europa

E’ stato installato presso la chiesa di San Vito a Roccasecca un “Vettore della memoria”. Si tratta della segnaletica evocativa della “Memoria”, ideata dal prestigioso architetto americano Daniel Libeskind e installata in tutta Europa perché parte dei sentieri della Liberazione (Liberation Route Europe), come monumento transfrontaliero di libertà, armonia e pace. La chiesa di San Vito è stato il luogo dove si è svolta la battaglia per la liberazione di Roccasecca tra il 24 e 25 maggio del 1944.

Erano presenti l’avvocato Roberto Molle, presidente dell’associazione “Battaglia di Cassino”, il presidente dell’associazione “Cassino Città per la Pace” Nino Rossi e per il Comune di Roccasecca il vicesindaco e assessore alla cultura Valentina Chianta, il presidente del consiglio comunale Giuseppina Iannotta e il consigliere Fabio Tanzilli.

“Abbiamo accolto con gioia tanto gli amici Roberto Molle e Nino Rossi quanto l’iniziativa – ha sottolineato il vicesindaco Valentina Chianta – che consente, peraltro, alla Chiesa di San Vito di essere geolocalizzata su un percorso europeo così importante, soprattutto a ottant’anni dai drammatici eventi bellici che hanno cambiato l’Europa e il mondo intero. Abbiamo condiviso l’installazione del vector perché siamo convinti che solo la tutela e la cura della memoria possano realmente contribuire alla costruzione di un futuro di pace e libertà”.

“E siccome anche i luoghi hanno il loro peso nella cura della Memoria e dell’ identità culturale – ha concluso Chianta – abbiamo aderito ancor più convintamente quando abbiamo saputo che il vector sarebbe stato installato proprio a San Vito, luogo simbolo della nostra città. Un ringraziamento ai presidenti Nino Rossi e Roberto Molle per averci inserito in questo prestigioso circuito”.

Ha aggiunto il sindaco Giuseppe Sacco: “Ci apprestiamo a ricordare gli ottant’anni dalla fine della guerra in un momento storico nel quale purtroppo viviamo troppi conflitti, per cui è ancor più urgente fare memoria di cosa significano i conflitti e quali sofferenze provocano alle popolazioni. Grazie all’associazione Cassino Città per la Pace e grazie all’associazione Battaglia di Cassino per questa loro costante azione a difesa della memoria e del territorio”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Il “Premio Pino e Amilcare Mattei” per fermare la violenza sulle donne: proclamati i vincitori

A premiare i vincitori della settima edizione è stata la Vice Presidente della Regione Lazio Roberta Angelilli

“RacconTiamo Città di Fiuggi”, al via le iscrizioni per la V edizione del concorso letterario

Il tema del concorso letterario è l'interpretazione delle tematiche di Calvino. Invio elaborati entro il 16 giugno

Arpino – Cristina Iafrate al “Gran Ballo delle Debuttanti”: un sogno che si realizza

Arpino - Cristina ha avverato il desiderio che aveva espresso in occasione del suo 18esimo compleanno. "I sogni si possono realizzare"

Una panchina che affaccia su Cascata Grande: l’opera di Mastro Caparra tra arte e beneficenza

L'installazione commissionata da Marco Sardellitti servirà anche per raccogliere fondi da dare in beneficenza. Presto un contest social

“I morti non parlano – La guerra infinita in Colombia”, mercoledì la presentazione del libro di Famà

Ceccano - Il 29 Maggio alle ore 19.30, presso il caffè letterario Sinestesia, la presentazione del libro di Flavia Famà

Libri di Primavera, Serena Bortone presenta il suo “A te vicino così dolce”: l’appuntamento

Lunedì 27 maggio, alle ore 18.30, presso la sala teatro comunale di corso Umberto I, incontro con l'autrice e cittadina onoraria di Arce
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -