Sora – Automobilista semina il panico su viale San Domenico, la follia in un video: “Papà ho paura”

Sora - L'utilitaria ha rischiato più volte di schiantarsi contro gli altri veicoli in transito, sfiorato anche l'investimento di un uomo

Il filmato è stato registrato nella serata di ieri da una dash-cam all’interno di un’auto in cui viaggiava una famiglia. Davanti alla vettura circolava, su via San Domenico, in direzione Sora, un’utilitaria rossa che, per tutto il percorso, ha seminato il panico tra gli utenti della strada. Uno dei bambini nell’abitacolo del mezzo da cui è stato documentato l’episodio, nonostante l’inconsapevolezza della tenera età, ad un certo punto, con voce tremolante, pronuncia “papà ho troppa paura”.

Una reazione spontanea di terrore rispetto alla condotta dell’auto che li precedeva: questa infatti “zigzagava” sulla strada in maniera pericolosissima, invadendo totalmente la corsia opposta, anche quando di fronte sopraggiungevano altri veicoli, costretti a fermarsi per evitare lo schianto. Qualcuno lampeggiava, altri mantenevano i fari alti, altri ancora suonavano il clacson…ma niente, il conducente continuava ad andare da una parte all’altra creando un rischio evidente per tutti.

Forse con il cellulare in mano, che ormai è una consuetudine, oppure con la percezione alterata a seguito dell’assunzione di alcool o sostanze psicotrope, chiunque fosse alla guida del veicolo ha davvero generato il panico. All’altezza della struttura che ospita il Liceo Scientifico, l’utilitaria per un soffio non ha investito un uomo che si trovava a bordo carreggiata e, vedendosi l’auto che lo puntava dall’altra corsia, si sarà spaventato per cui ha attraversato di corsa la strada per portarsi sul lato opposto, evitando così di essere travolto. Il filmato fa rabbrividire, la condotta del guidatore è agghiacciante se si pensa che si è scampata più di una tragedia, l’espressione preoccupata del bambino è sconvolgente perché ci mette davanti ad una triste evidenza: siamo inermi rispetto a questi “assassini” scellerati, incoscienti, privi di buonsenso e rispetto per gli altri, nessuno può tutelarci. Dopo aver evitato l’investimento dell’uomo, esclusivamente grazie alla scaltrezza di quest’ultimo, il conducente incosciente ha accostato poco più in là, forse avrà avuto un attimo di lucidità. La circostanza è stata segnalata ai Carabinieri ma al momento non è dato sapere se l’automobilista sia stato rintracciato e identificato.

- Pubblicità -
Sara Pacitto
Sara Pacitto
Sara Pacitto, giornalista pubblicista, da 8 anni collabora con diversi quotidiani digitali, tra le più prestigiose testate giornalistiche della provincia, corrispondente per la cronaca locale, politica, attualità, salute, approfondimenti. Ha curato le Pubbliche Relazioni per alcuni importanti eventi come anche è stata Responsabile della Comunicazione per conferenze e convegni ed in occasione di Campagne Elettorali.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Accende il gas e viene investita da un ritorno di fiamma, donna gravemente ustionata ed elitrasportata

Piedimonte S. Germano - Il dramma poco prima delle 7 di questa mattina in un'abitazione di via Capo di Lago

Droga, telefoni e armi in carcere con i droni: latitante in fuga dopo l’operazione “Volo criminale”. Arrestato

L'uomo era latitante dallo scorso marzo quando scattò la maxi operazione che ha coinvolto anche il penitenziario di Frosinone

Si ribalta con l’auto e finisce in un dirupo, ferito un 20enne: notte di paura per il giovane

Lenola - Coinvolto un 20enne di Vallecorsa, con l'auto che dopo essersi ribaltata è finita nel dirupo. Trasportato all'ospedale di Fondi

“L’amore ci ha tenuto in vita”, la storia di Luciano ed Antonella un anno dopo l’incidente

Broccostella - Ad un anno dal tragico incidente, Luciano ed Antonella ricordano quel triste giorno e le difficoltà dei mesi a seguire

Ubriaco molesta i clienti di un chiosco e semina il panico: ‘daspo Willy’ per un extracomunitario

Cervaro - Il 23enne era già noto alle forze dell’ordine per un episodio analogo avvenuto nel 2022 ad Aquino

Traffico illecito di rifiuti, l’imprenditore Marcello Perfili tra i “dominus occulti”: tutti i nomi

L'indagine partita dall'incendio alla Mecoris: 9 arresti, 4 società e 2.500.000 euro di profitto sequestrati
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -