Calcio, Frosinone batte Cremonese 2-1

A fine gara le parole del tecnico giallazzurro Fabio Grosso, raggiante al triplice fischio finale. L'incoraggiamento alla sua squadra

Luna Park Frosinone: mette alle spalle la sconfitta di 4 giorni fa con la Cenerentola Pordenone e batte la capolista Cremonese al termine di 95’ bellissimi e intensi. Al triplice fischio finale l’abbraccio con la Nord che urla “Vi vogliamo così”. Uno sprone per le prossime 4 gare.

Partita decisa nei primi 45’, quando i giallazzurri ribaltano la Cremonese nel giro di 20’ e vanno al riposo sul meritato vantaggio 2-1. Vantaggio della Cremonese al 17’ con Bonaiuto ma il Frosinone non si perde d’animo e prima sfiora il pareggio con uno scatenato Zerbin e subito dopo conquista un rigore che Canotto realizza. La squadra di Pecchia… pecca di presunzione e i canarini a 8’ da 45’ colpiscono con una classica ‘veloce’ del basket: imbucata a centrocampo di Rohden per Canotto, Carnesecchi respinge di piede e Zerbin insacca la sua ottava rete stagionale.

Uniche pecche del primo tempo dei giallazzurri, oltre al gol subìto, le ammonizioni di Gatti e quella pesante di Ricci che lo mette fuori causa per la gara di Terni il 18 aprile. Nella ripresa la gara è più bella del primo tempo, Cremonese a testa bassa (traversa di Gaetano) ma i giallazzurri non lesinano di pungere andando a sfiorare il 3-1. Con questi 3 punti Ciano & soci si attestano al settimo posto in attesa delle altre gare.

A fine gara le parole del tecnico giallazzurro Fabio Grosso, raggiante al triplice fischio finale. Eloquente il suo gesto di esultanza nei confronti dei suoi ragazzi e lo scatto dentro il rettangolo di gioco.

Torniamo da Pordenone con 0 punti, contro la corazzata del campionato tre punti ed una prestazione di grande sofferenza. Secondo lei abbiamo sbagliato qualcosa nelle ripartenze, se vogliamo cercare il pelo nell’uovo?
“Facciamo anche i complimenti all’avversario, di grandissimo livello. Ma faccio prima ancora i complimenti ai miei ragazzi perché oggi non bastava solo una grande partita ma una supergara e noi siamo stati in grado di farla. Servivano grande cuore e generosità ed anche a tratti delle buone giocate. Se vogliamo cercare il pelo nell’uovo lo troveremo sempre ma per provare a migliorare. Però oggi i ragazzi vanno elogiati tutti. Noi da dentro sappiamo le difficoltà che abbiamo e non è facile. Tirare fuori una partita del genere non è scontato. A fine gara ai ragazzi ho detto che meritavano l’applauso dello stadio e sono stati bravissimi a fare il giro. Siamo andati in svantaggio con un pizzo di fortuna e bravura l’abbiamo ripresa subito e siamo rimasti dentro la gara dal primo all’ultimo minuto. Anche noi abbiamo avuto le nostre occasioni e usciamo dal campo con una vittoria meritata”.

E’ finita col coro “vi vogliamo così”. Anche da ex giocatore, cosa può dirci di questa chimica che si innesta nel momento del bisogno?
“L’ho detto dopo la gara di Pordenone, sono orgoglioso di questo gruppo. Un gruppo che si è costruito con tantissimi nuovi. Oggi in panchina la somma dei giocatori faceva una manciata di presenze in serie B. E se ad un gruppo di questo genere ad un certo punto del campionato porti via degli interpreti che sono stati importanti al raggiungimento di certe posizioni, non è facile tenere non tanto nella gara ma nella successione delle gare. Fermo restando che quella partita di Pordenone l’ho vista, ne abbiamo parlato ma rimango orgoglioso del lavoro di questi ragazzi. Di quello che fanno in gara e in allenamento. Per me stiamo facendo un grandissimo campionato. Se saremo bravi a restare dentro, con recupero degli altri interpreti, avremo qualche carta in più per provare a divertirci fino alla fine”.

E’ chiaro che c’è un Frosinone in casa, con 33 punti e un Frosinone fuori casa con 21. Come se lo spiega? E poi, in ottica Terni, si può recuperare qualcuno?
“Per quanto riguarda gli infortunati, penso che Charpentier, Garritano e Zampano mi auguro di averli presto. Gli ultimi due speravo di averli già a disposizione, poi il rientro è slittato per qualche incomprensione. Novakovich mi auguro che possa recuperare le energie, è stato 5 giorni a casa. E’ stato a casa anche Brighenti, poi ha recuperato per Lecce e a Pordenone era distrutto al 70’ ma gli ho chiesto di restare in campo. Mi auguro di ritrovare i nostri ragazzi, meritiamo di giocarci le carte come abbiamo fatto sempre fermo restando che abbiamo tanti ragazzi giovani e con qualità ma quando concedi troppi giocatori che ti hanno permesso di fare certe cose, non è facile fare sempre le prestazioni. In casa si sentono i nostri tifosi, questa è una squadra che tira fuori il meglio quando ha l’acqua alla gola. Col Pordenone era molto importante ma quando noi riusciamo a mettere in campo le nostre caratteristiche, facciamo le partite piene. Quando non ci riusciamo non c’è ancora l’esperienza per farlo”.

Come mai ha atteso tanto per fare i cambi? E c’è una gerarchia precisa sui rigori?
“Non ho mai deciso chi tira i rigori. Se vedo confusione prendo le redini in mano, chiaro. Sui cambi, ho risposto prima: in panchina avevamo diversi ragazzi, le situazioni vanno lette”.

Quando ha tremato quando Gatti ha atterrato Ciofani? A Terni mancherà anche Ricci. E ci sono tanti diffidati.
“E così vi ridico la formazione prima. Comunque io so quello che i ragazzi mi danno, so quanto ci vogliono mettere in questo campionato e quanto ci stanno mettendo”. – Da Ufficio Stampa Frosinone Calcio

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

Articoli correlati
leggi altro

Coppa Italia Promozione, Ceccano – Guarcino 2-1: i rossoblù ai sedicesimi

Una vittoria che la squadra, lo staff e la società dedicano a Gianmarco Cestra, da poche ore diventato papà del piccolo Mattia

Eccellenza, il Sora Calcio piega l’Atletico Torrenova: 1-0

Vittoria sofferta, ma meritata, del Sora che al 'Tomei' ha giocato sotto la pioggia battente. Decisiva la rete di Corsetti

Nuovo Basket Alatri, si lavora per la serie D: arrivano Alessandrini e D’Alatri

La società continua a lavorare per farsi trovare pronta ad affrontare il prossimo campionato di serie D di pallacanestro

Motori, il giovane Palleschi della ‘Franco Mancini’ ci prova a Cremona

Il pilota sarà in gara, sulla pista di Cremona, dove si disputerà l’atto finale del Trofeo BdB, riservato alle moto bicilindriche

Arce Calcio, dalla Spagna arriva l’attaccante Othmane Lafrikh

Classe '99, di origini marocchine, proveniente direttamente dalla Terza Divisione Spagnola (equivalente della nostra serie C)

Frosinone Calcio, settore giovanile: il programma del weekend

Frosinone Calcio Giovanili, ripartono tutti i campionati nazionali, tutte le compagini canarine avranno impegni lontano dalle mura amiche
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -