Carta stampata in crisi anche in Ciociaria…Ma a qualcuno fa ancora gola

Da una parte giochi di potere e interessi economici, politici e di "poltrone". Dall'altra decine di lavoratori a rischio

Si accentua ulteriormente la crisi, ormai storica, dei media stampati, a cominciare dai quotidiani venduti in edicola – che nel 2007 erano letti dal 67 per cento degli italiani, scesi al 25,4 per cento nel 2022, secondo i dati del Censis -. Nell’era del digitale il mondo del “cartaceo” vive un vero e proprio declino con un destino che appare ormai, purtroppo, tristemente segnato, con buona pace degli eterni nostalgici. Le edicole chiudono, le vendite continuano a crollare vertiginosamente. Una crisi, quella della carta stampata, che, ovviamente, riguarda anche la provincia di Frosinone, nonostante il contributo all’editoria fornito dallo Stato. Chiaro è che anche questo settore offre lavoro a diverse figure, non solo ai giornalisti e le piccole realtà locali, in tutta Italia, sono ormai con l’acqua alla gola con il rischio di dover mandare a casa centinaia di lavoratori.

In questo scenario c’è però ancora chi tenta di salvare il salvabile. Almeno uno spiraglio di luce per chi ogni giorno lavora nel dubbio che quello successivo sarà licenziato. È trapelata in questi giorni la notizia che un gruppo di imprenditori avrebbe manifestato il suo interesse ad acquisire uno storico gruppo editoriale operante nelle province di Frosinone e Latina che da tempo non versa in ottime acque, con un’importante situazione debitoria alle spalle. A capo della cordata un noto imprenditore già in passato vicino alla testata giornalistica, con un’esperienza dai risvolti non proprio rosei. Sembrerebbe che la manifestazione giaccia nell’e-mail di Cgil, Stampa Romana e dei diretti interessati senza risposta alcuna da ormai quasi 20 giorni.

I ben informati rivelano che in ballo ci sarebbe anche una “controproposta”, avanzata dalla stessa cordata d’imprenditori, per rilevare – qualora dal gruppo editoriale non arrivassero risposte – un’alta testata storica del Cassinate che ha però da qualche tempo cessato la sua attività. Sullo sfondo, come sempre, giochi di potere, intrecci economici e politici di chi, anche in questo settore come in molti altri, continua a fare i suoi interessi sulla pelle di lavoratori e famiglie.

- Pubblicità -
Simone Di Giulio
Simone Di Giulio
Direttore Responsabile Simone Di Giulio inizia a scrivere nel 2003 e nel 2006 entra nell’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti. Vanta diverse esperienze come redattore e corrispondente in alcuni quotidiani della provincia di Latina, come “Il Territorio” e “Il Tempo”. È stato direttore della rivista “Utopia Magazine”, del quotidiano online “Mondoreale” e caporedattore de “I Lepini”. Ha collaborato con alcune riviste e con enti pubblici ed ha partecipato come docente a corsi sulla comunicazione.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Frosinone – Rapina in un bar, extracomunitario fugge con il bottino: braccato sulla Monti Lepini

L'uomo ha aggredito barista e clienti, poi si è dato alla fuga. Arrestato grazie al tempestivo intervento delle Volanti

Furto e rapina, 26enne viola le prescrizioni e finisce in carcere

Il condannato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Cassino per proseguire l’espiazione della pena fino al 2027

Incidenti, accordo tra Polizia Stradale e Inail: al via protocollo d’intesa con Poste Italiane

La Stradale al lavoro per favorire la cultura della prevenzione. Obiettivo: ridurre gli incidenti su strada durante gli spostamenti di lavoro

Incidente sull’A1, la vita di Eleonora Certelli spezzata a soli 21 anni: tornava da una festa di laurea a Cassino

Atleta di talento, la giovane aveva partecipato alla seduta di laurea in scienze motorie della fidanzata dal fratello. Poi lo schianto

“Frosinone Alta”, stop a incuria e degrado: intensificati i controlli della polizia locale

Le violazioni all'ordinanza saranno punite con una sanzione amministrativa da un minimo di 500 a un massimo di 5.000 euro

Addio al grande calciatore Pino Santonico, domani i funerali della bandiera biancorossa

Isola del Liri - L'ultimo saluto si terrà domani, giovedì 18 aprile, nella Chiesa parrocchiale di S. Lorenzo Martire alle ore 9.30
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -