Colfelice, Saf: ok all’impianto fotovoltaico

Iter concluso per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico alla Saf. Conclusione dei lavori entro 5 mesi dall'apertura del cantiere

Iter concluso per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico alla SAF. I lavori sono stati aggiudicati per un importo di circa 1.100.000,00 euro al netto dell’iva e degli oneri di spesa. Si prevede la conclusione dei lavori entro 5 mesi dalla data di apertura del cantiere.

Il progetto prevede l’implementazione di un generatore fotovoltaico composto da 2.980 moduli installati sul tetto del capannone a falda per una superficie totale di 5.099 mq.

La potenza di picco stimata è pari a 998,3kWp per una produzione di 1.286.823 kWh annui. Così facendo si riduce l’uso di energia prodotta da fonti convenzionali. Con conseguenze positive sull’impatto ambientale (riduzione emissioni CO2). E un abbattimento dei costi sulla bolletta energetica dello stabilimento di Colfelice di circa il 30%.

Secondo la comunità scientifica per produrre un chilowattora elettrico vengono bruciati mediamente l’equivalente di 2,56 kWh sotto forma di combustibili fossili e di conseguenza emessi nell’aria circa 0,53 kg di anidride carbonica. Si può dire quindi che ogni kWh prodotto dal sistema fotovoltaico SAF evita l’emissione di 0,53 kg di anidride carbonica, per un totale di circa 682.016,19 kg annui.

Considerata la mission aziendale, SAF ha intrapreso una procedura di istruttoria per l’accesso agli incentivi del D.M. 4.7.2019 nel sistema G.S.E. S.p.A. (Gestore dei Servizi Energetici). Con provvedimento conclusivo lo scorso 27 settembre l’impianto di Colfelice è rientrato in graduatoria risultante idoneo all’erogazione degli incentivi per l’efficientamento energetico.

All’impegno di percorrere nuove strade, Lucio Migliorelli unisce una straordinaria capacità di guardare al futuro in ottica circolare. Un altro tassello per la società pubblica della provincia di Frosinone.

Saf, ok all’impianto fotovoltaico: il commento di Migliorelli

Lo stesso Migliorelli, anche a nome dei consiglieri Marco Di Torrice e Daniela Mancinelli afferma che “Quello messo a terra è sicuramente un investimento economico importante, che allo stesso tempo permette di aumentare il valore dell’impianto, offrendo un’immagine “green” dell’azienda con capacità e tecnologie altamente innovative. Calmierare gli effetti dell’impennata dei costi energetici e dotare SAF di un impianto del genere significa produrre energia verde e pulita ai fini di autoconsumo. Questa è una risposta sostenibile anche a livello economico oltre che ambientale che andrà ad impattare in maniera positiva sui costi di gestione del sito industriale”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

Articoli correlati
leggi altro

La dottoressa va in pensione, centinaia di anziani senza medico di base: esplode il caso

Dallo scorso luglio, 700 mutuati non hanno il medico di base. Non sanno da chi farsi visitare ma neppure da chi farsi prescrivere i farmaci

Due auto si scontrano, una si ribalta: paura per i conducenti

È accaduto nel pomeriggio di ieri ad Anagni. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Polizia Locale sul posto

Regione Lazio, per l’Anac operato corretto sulla vicenda delle mascherine

La risposta della Regione Lazio alla richiesta di chiarimenti della Corte dei Conti sulla vicenda delle mascherine anti Covid

FLASH – A fuoco la canna fumaria dell’Osteria Volsci: fiamme e paura sulla Monti Lepini

Momenti di panico tra i presenti. Il fumo denso ha completamente invaso il locale. Sul posto i vigili del fuoco

Maltempo, allerta anche per domani: piogge e temporali dal primo mattino

Dalle prime ore di domani, lunedì 26 settembre e per le successive 12-18 ore si prevedono sul Lazio condizioni meteo avverse

Rischio inquinamento dell’acquedotto, scatta l’ordinanza del sindaco

Vicalvi - Il sindaco Mario Ferrara ha emesso un'apposita ordinanza per vietare l'uso alimentare dopo le analisi dell'Arpa
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -