Cura dell’ictus: la Asl attiva i percorsi anche nei presidi di Sora, Alatri e Cassino

Tutti i pazienti che giungono presso i PS di Sora, Cassino e Alatri avranno uniformità di cura, riducendo il rischio di morte e disabilità

“L’ictus va curato a Cassino, Sora e Alatri come a Frosinone. Secondo questo principio abbiamo deciso di attivare la cura dell’Ictus anche nei presidi di Sora Alatri e Cassino, avviando un percorso di formazione sul campo con la metodologia della simulazione in situ. In questo modo è possibile riprodurre in modo simulato tutte le azioni che vengono compiute del momento in cui il paziente con soste ictus arriva in Pronto Soccorso fino al trattamento con la trombosi endovenosa. – Proseguono dall’Asl

La formazione così fatta consente non soltanto di applicare i protocolli di diagnosi e cura del paziente con ictus riconosciuti al livello nazionale e internazionale e di qualificare il personale coinvolto nell’applicazione degli stessi. Condente inoltre di rendere ottimale l’organizzazione e l’effettivo percorso che il paziente deve compiere in tutte le fasi assistenziali. Il trattamento è effettuato con l’ausilio della medicina in collegamento con l’UTN dell’ospedale Spaziani di Frosinone. In questo modo tutti i pazienti che giungono presso i PS di Sora, Cassino e Alatri avranno uniformità di cura, riducendo il rischio di morte e disabilità. I primi incontri hanno suscitato grande interesse ed entusiasmo tra gli operatori coinvolti. Lavoriamo per una eccellente normalità”.

Il Pronto Soccorso di Alatri

“Finiti i lavori, adesso si utilizza il nuovo PS di Alatri, più grande e dotato di una camera calda e spazi più accoglienti. La migliore inaugurazione possibile è quella di iniziare a usare la struttura pensata dalla Regione Lazio durante il periodo della pandemia, per fare fronte alle nuove esigenze apprese nel periodo più difficile per affrontare il futuro con più sicurezza”. – Lo annuncia la Direzione generale dell’Asl di Frosinone.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

“Cerco un uovo amico”, la Polizia di Stato sostiene la ricerca contro il neuroblastoma

Il neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia durante il periodo prescolare. Il sostegno alla ricerca sui tumori solidi pediatrici

Emicrania, prima causa di disabilità al mondo tra i giovani: è possibile prevedere un attacco?

Emicrania prima causa di disabilità al mondo nella fascia giovane della popolazione: influisce in maniera negativa sulle attività quotidiane

Sclerosi multipla, gardenie e ortensie in piazza a sostegno della ricerca: “Bentornata Gardensia”

Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 marzo, numerosi saranno i volontari presenti nelle più importanti piazze della Ciociaria

Arresto cardiaco, defibrillatore extravascolare salva la vita ad un uomo: primo intervento nel Lazio

L'intervento al Policlinico Umberto I di Roma. Il primo paziente a beneficiare di questo avanzamento tecnologico è stato Gianluigi, 65 anni

Sanità, rinnovato l’accordo per i medici di Pronto Soccorso. Obiettivo: migliorare l’assistenza nel Lazio

I sindacati riconoscono la crescita professionale e il miglioramento del livello di assistenza. La soddisfazione degli esponenti politici

Epilessia, quando può essere il primo sintomo di un tumore cerebrale? Cosa sappiamo

Quando l'epilessia è il primo sintomo di un tumore cerebrale: nel 3,6 per cento dei casi convive con il cancro
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -