Eccellenze alimentari, Federlazio e Camera di Commercio insieme per lo sviluppo del settore

I dati raccolti dall'indagine evidenziano che vi sono ancora molti margini di miglioramento per le aziende di Frosinone e Latina

La Federlazio, con il contributo della Camera di Commercio Frosinone Latina, ha realizzato lo studio ‘Ricostruire la filiera agroalimentare interprovinciale. Nuove strategie di internazionalizzazione per il sistema integrato Frosinone Latina’.

L’iniziativa

Dopo aver raccolto una serie di dati statistici da diverse fonti istituzionali, è stato somministrato ad un campione rappresentativo di aziende dell’area sud della regione Lazio un questionario con lo scopo di verificare se e in quale misura sia possibile individuare nuove strategie di internazionalizzazione per rafforzare la competitività delle imprese del territorio sui mercati esteri. L’indagine presentata da Stefano Rossi, esperto di diritto e commercio internazionale, ha visto la partecipazione di Nino Polito, Presidente Federlazio di Frosinone, Marco Picca, Presidente Federlazio di Latina e di Pietro Viscusi, segretario generale della Camera di Commercio Frosinone Latina. Ha coordinato l’incontro Massimiliano Iannucci, direttore Federlazio di Frosinone.

Secondo quanto emerso dall’indagine, le aziende della filiera agroalimentare mostrano una buona propensione all’export – confermata anche dai dati rilevati da Sace e dall’Istat (Osservatorio) – ma un livello di internazionalizzazione inferiore rispetto alla media delle PMI europee. Lo studio si riferisce principalmente agli andamenti degli anni 2021-2022 e alle previsioni condotte dai principali istituiti di statistica per i prossimi anni. Il report ha evidenziato come le sfide geopolitiche rappresentino una minaccia per l’economia globale, in particolare la recente pandemia e la guerra tra Russia e Ucraina. Inoltre l’inflazione è una delle principali variabili macroeconomiche influenzate dal conflitto militare, che ha raggiunto i livelli più alti degli ultimi decenni. Ciò influisce negativamente sull’economia globale, poiché le imprese dovranno sostenere costi di produzione più elevati, le famiglie avranno un reddito reale ridotto e le banche centrali saranno costrette ad adottare politiche monetarie restrittive..


Ma nonostante le difficoltà legate alla pandemia, le esportazioni italiane sono aumentate nel 2022 sia per beni che per servizi, grazie alla resilienza delle imprese. La crescita dell’export è stata guidata soprattutto dalle vendite di beni di consumo non durevoli e di beni intermedi, ma anche i beni di investimento, i beni di consumo e i beni alimentari hanno registrato una crescita positiva. Lo studio di Federlazio ha evidenziato come il settore agroalimentare italiano abbia ottenuto un risultato positivo nel 2021, con un aumento delle esportazioni del 11,8%. Il vino e i formaggi sono stati i prodotti più esportati. Nonostante le difficoltà, il settore agroalimentare italiano ha raggiunto un record assoluto di 60,7 miliardi di euro di esportazioni nel 2022. La Germania è il principale mercato di sbocco per l’export. Il settore biologico è in crescita, con un aumento del 16% nelle esportazioni di prodotti nel 2022. I mercati più promettenti per l’export bio italiano sono la Germania, i Paesi del Nord Europa e gli Stati Uniti per il cibo, mentre per il vino sono il Canada e il Regno Unito. Le aziende del settore alimentare biologico prevedono di aumentare il fatturato legato all’export. Gli ostacoli principali all’espansione dei prodotti bio all’estero sono i costi di promozione internazionale, le normative locali e la concorrenza di prezzo delle imprese locali.

La situazione nel Lazio


Il rapporto si è poi soffermato sull’importanza dell’industria agroalimentare del Lazio per l’economia e la cultura della regione e dell’Italia intera. L’industria è caratterizzata da un costante processo di innovazione e modernizzazione, con l’adozione di tecnologie avanzate per migliorare la qualità dei prodotti e la sostenibilità ambientale. È composta da diverse attività lungo l’intera filiera produttiva e ha alcune caratteristiche distintive come la presenza di PMI, l’importanza delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche protette.
Quanto ai dati relativi all’export agroalimentare del Lazio, si è evidenziato la sua crescita costante negli ultimi anni e l’importanza del settore per l’economia regionale. Nel 2022 sono stati esportati ‘alimenti e bevande per 1,08 mld di euro con, una crescita del 7,55% riguardo al 2021. Il Lazio è la quarta regione del Paese per volumi di export, con un incremento medio annuo del 4% negli ultimi cinque anni.

La provincia di Roma rappresenta il motore dell’export agroalimentare del Lazio, con il 65% delle esportazioni, seguita dalla provincia di Latina. I principali prodotti esportati sono quelli a base di cereali, ortofrutta, olio d’oliva, vino e prodotti lattiero-caseari. L’Unione Europea rappresenta il principale mercato di sbocco per i prodotti agroalimentari del Lazio, seguita dagli Stati Uniti e dall’Asia. La promozione dei prodotti tipici e di qualità del Lazio offre nuove prospettive per la crescita e la diversificazione delle imprese del settore.


Negli ultimi anni, la provincia di Frosinone ha mostrato un trend positivo nell’export agroalimentare, grazie alla valorizzazione dei prodotti tipici locali che hanno conquistato i consumatori in Europa e oltre. Nel 2022, l’export ha raggiunto quota 160,6 ml di euro, con una crescita del 16,9% rispetto al 2021. Tra i prodotti di punta del territorio, spiccano il Pecorino di Picinisco DOP, il Conciato di San Vittore, la Marzolina, i prodotti della filiera bufalina della Valle dell’Amaseno: mozzarelle, ricotte affumicate e la carne bufalina, il caciocavallo e la scamorza appassita di Supino, il Gran Cacio di Morolo. I principali mercati di destinazione delle esportazioni agroalimentari di Frosinone sono l’Unione Europea, gli Stati Uniti, il Canada e l’Asia. In particolare, Germania, Regno Unito, Francia e Paesi Bassi rappresentano i principali importatori europei dei prodotti del frusinate.

La provincia di Latina ha visto, invece, una diminuzione dell’export, sceso a 274,7 ml di euro, con un -10,23% rispetto al 2021, dopo una crescita costante negli ultimi cinque anni. I principali mercati di destinazione delle esportazioni di Latina sono l’Unione Europea, gli Stati Uniti, il Canada e l’Asia, con un forte interesse per prodotti come l’olio d’oliva, i formaggi e i vini. L’agricoltura e la trasformazione agroalimentare rappresentano settori di grande importanza per l’economia locale. I prodotti più apprezzati sui mercati esteri sono l’ortofrutta, i prodotti ittici e quelli lattiero-caseari, come la mozzarella di bufala e la ricotta di pecora.

La propensione all’export


Dopo aver esaminato i dati macro-economici del Lazio e, più specificatamente, delle province di Frosinone e Latina, Federlazio ha focalizzato la propria indagine sulla propensione all’export delle aziende dell’intera filiera agroalimentare interprovinciale. Riguardo alla strategia aziendale, le imprese più grandi prestano maggiore attenzione alla strategia di posizionamento sul mercato domestico e sviluppano approcci specifici per i mercati esteri. Tuttavia, le aziende più piccole, spesso a conduzione familiare, non dedicano abbastanza risorse alla pianificazione strategica, a causa di una limitata conoscenza dell’internazionalizzazione e delle differenze tra strategie per il mercato interno ed estero. Il posizionamento sui mercati internazionali richiede un adattamento della strategia di marketing e vendita e una profonda comprensione delle norme locali e della concorrenza globale.

Tuttavia, la maggior parte delle aziende intervistate (circa il 90%) ha dichiarato di non avere concorrenti diretti sui mercati esteri o di non essere a conoscenza di essi, evidenziando una criticità nell’analisi della concorrenza. Le aziende più piccole e a conduzione familiare tendono a dedicare meno risorse all’innovazione, mentre le imprese più grandi e strutturate investono di più in ricerca e sviluppo. L’indagine ha rilevato tre categorie di innovazione: alta (16%), media (52%) e bassa (31%). Nonostante il contesto economico difficile, le aziende più innovative hanno registrato una crescita superiore rispetto alle altre, con un aumento del fatturato del 29% nell’ultimo triennio, che si riduce al 15% per le imprese a media innovazione e al 5% per quelle a bassa innovazione.

Secondo i dati raccolti, le aziende più innovative tendono anche a collaborare con altre imprese attraverso reti, dimostrando che l’innovazione non riguarda solo la tecnologia, ma l’intera organizzazione aziendale (aspetto questo estremamente importante per l’espansione sui mercati esteri). Il 15,3% delle imprese ad alto contenuto innovativo fanno parte di reti, mentre solo il 7,4% e il 6,2% lo fanno per quelle a media e bassa innovazione.
Dall’analisi delle competenze professionali relative al commercio con l’estero, emerge che le imprese intervistate hanno in media da 3 a 5 risorse addette all’export/internazionalizzazione. Le competenze del personale sono buone, ma con margini di miglioramento nella gestione delle trattative interculturali e nel lavoro con società di servizio estere. Circa il 70% delle aziende non dispone di un sistema sofisticato per raccogliere informazioni sui mercati esteri, mentre i 2/3 delle aziende intervistate hanno esperienza nel definire i contenuti per un piano di comunicazione all’estero.

In conclusione, dalla valutazione della “Export Readiness” delle aziende dell’agroalimentare di Frosinone e Latina, emerge che le imprese locali presentano una certa propensione all’export. Tuttavia, i dati raccolti evidenziano anche che vi sono ancora molti margini di miglioramento per le aziende in termini di attività fondamentali per l’export, come le analisi di mercato, l’analisi della concorrenza e la pianificazione strategica.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Estate, sale la passione per la lettura: 10 libri da portare in vacanza

Un romanzo, un giallo, una storia d’amore o una biografia? Qualsiasi siano i vostri gusti ecco 10 libri consigliati

Vacanze, estate da bollino rosso per i voli: come tutelarsi in caso di ritardi e cancellazioni

A fine giugno gli aerei hanno accumulato 1,9 milioni di minuti di ritardo, con un incremento del 153% rispetto allo stesso periodo del 2023

L’imprenditoria giovanile riparte dal ‘made in Italy’: la spinta del gelato artigianale

Tra i gusti dell'estate 2024: pesche al vino, amaretto e mandarino, fiano con lime e pinoli e crema con la curcuma

Frosinone – Trasporto scolastico di alunni diversamente abili, domande fino al 31 luglio

L’avviso regionale, diffuso mediante l’assessorato all’istruzione coordinato da Valentina Sementilli, è disponibile sul sito del Comune

‘Sentinelle del mare’, Confcommercio Lazio Sud presenta il progetto

Il Presidente Giovanni Acampora ha commentato: “Il mare ha bisogno di noi, prima di qualunque riflessione economica”

Telelavoro con vista mare? Il nuovo trend della workation. Sempre più aziende con la settimana corta

D'estate è sempre più comune lavorare nella modalità smart da località di mare. Ma come fare per concentrarsi ed essere efficienti?
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -