Frosinone – Raffica di multe e auto rimosse dal carro attrezzi: automobilisti infuriati

Decine di auto multate ed alcune rimosse. Per insegnanti, studenti e lavoratori della zona l'amara sorpresa

Frosinone – Caos nella mattinata nella zona alta del capoluogo. Una brutta sorpresa per decine di automobilisti che, secondo quanto segnalato alla nostra redazione, avevano lasciato le loro auto in sosta lungo viale Mazzini. I veicoli sono stati multati e, in alcuni casi, rimossi dal carro attrezzi.

Una circostanza che ha fatto infuriare insegnanti, studenti e lavoratori che avevano parcheggiato come ogni mattina nei pressi di scuole e uffici poiché – secondo quanto dicono – “Nessun cartello di divieto di sosta era visibile”. Ma facciamo un passo indietro, Acea doveva eseguire dei lavori nella zona, dalle 8.30 alle 18.00. Il Comune aveva per questo predisposto apposita ordinanza nei giorni scorsi.

Nella mattinata, quando gli operai di Acea sono arrivati sul posto ed hanno trovato le auto, impossibilitati ad iniziare i lavori, hanno allertato la Polizia Municipale. I vigili urbani, giunti sul posto, hanno a quel punto multato le auto ed è stato chiesto l’intervento del carro attrezzi per rimuovere quelle in sosta nell’area vietata.

Qualcuno, accortosi della presenza di Polizia Locale e carro attrezzi, sarebbe sceso in strada per protestare. Secondo quanto lamentato dagli automobilisti, i due cartelli posizionati per indicare il divieto di sosta non erano ben visibili.

“Io ho parcheggiato la mia mini car come sempre prima di andare a scuola – dice uno studente – ma il cartello non si vedeva, era posizionato più avanti e sulla ringhiera che delimita il marciapiedi che è bassa. Per questo, con le altre auto parcheggiate davanti al cartello stesso, era impossibile vederlo. La stessa cosa è accaduta ad altri miei compagni di scuola ma anche ai professori”.

Il cartello posizionato sulla ringhiera che – come lamentato dagli automobilisti – era posto troppo in basso per poter essere visto

Insomma, la Polizia Municipale ha fatto il suo dovere. Se il cartello c’era, le auto andavano rimosse. Ma non sarebbe stato meglio collocarlo in una posizione ben visibile anche dalla strada, evitando così tutti i disagi che si sono registrati nella mattinata? Un automobilista indisciplinato è credibile ma che a decine non rispettino un divieto rischiando quello che è accaduto sembra alquanto improbabile.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Caso Ruberti, l’indagine prosegue: ascoltate altre due persone

Gli inquirenti hanno sentito un uomo e una donna. Intanto Fratelli d'Italia accusa Zingaretti di latitanza su tale vicenda

Le grinfie dell’usura sul settore agricolo ciociaro: giro d’affari da 2 milioni di euro

Dal caporalato al lavoro nero, dall’usura alla presenza delle organizzazioni criminali. Fenomeni ancora presenti nel settore agricolo

‘Appalti truccati’ per la campagna elettorale, indagato anche l’ex sindaco Cippitelli: tutti i nomi

A finire nei guai per turbativa d'asta e finanziamento illecito ai partiti, oltre all'ex sindaco di Broccostella, altri 7 indagati

Lutto nel mondo del calcio: è morto Giampiero Ventrone. Anche Isola del Liri piange il ‘Marine’

Fu uno dei protagonisti degli straordinari successi del calcio isolano dal 1986 al 1989. Poi le luci della ribalta con la Vecchia Signora

‘Appalti truccati’ e fondi pubblici per pagare la campagna elettorale: in otto nei guai

Concluse le indagini preliminari nei confronti di un ex amministratore locale di Broccostella, di 4 funzionari pubblici, e di 3 imprenditori

Finisce con l’auto in una buca e danneggia la ruota, lo sfogo di un cittadino

Sora- L'uomo non è riuscito ad evitare una delle innumerevoli buche sulla Tangenziale: "Ora chi ripagherà il danno?"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -