Guerra in Ucraina, passi in avanti sul fronte della diplomazia

Lavrov: "C'è la possibilità di un compromesso". Zelensky: "Ora negoziati più realistici". Ma intanto i bombardamenti continuano

Lavrov: “C’è la possibilità di un compromesso”. Zelensky: “Ora negoziati più realistici”

L’Ucraina è ancora sotto l’assedio dei bombardamenti Russi ma sul fronte della diplomazia qualcosa si muove. Secondo il capo negoziatore russo ai colloqui con l’Ucraina, Vladimir Medinsky, Kiev sarebbe disponibile ad assumere uno status di “neutralità smilitarizzata, stile Austria o Svezia, con un proprio esercito”. – Così scrive Interfax. I negoziati con l’Ucraina non sono facili, ma c’è la possibilità di un compromesso“, secondo quanto afferma anche il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, citato dalla Tass.

Lavrov ribadisce che per la Russia i punti chiave nella trattativa con Kiev sono la sicurezza delle popolazioni russofone nell’est Ucraina e la sua smilitarizzazione. Per il ministro, alcune formulazioni di un accordo con l’Ucraina sono “vicine” a un’intesa, mentre lo status neutrale per Kiev viene “seriamente considerato”.

Zelensky: “Ora negoziati più realistici

I colloqui con la Russia continuano e sembrano ora “più realistici”. Lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo discorso pronunciato a notte fonda, riportato dai media. “Tutte le guerre terminano con un accordo. E mi dicono che le posizioni ai colloqui ora suonano più realistiche e c’è sicuramente spazio per compromessi. Abbiamo comunque bisogno di tempo perché le decisioni da prendere siano nell’interesse dell’Ucraina”.

La guerra e i bombardamenti continuano

Nonostante i passi avanti sul fronte diplomatico, però, la guerra in Ucraina continua. All’alba Mariupol è stata attaccata anche dal mare di Azov. Lo ha riferito Petro Andryushchenko, consigliere del sindaco della cittadina ucraina, precisando che gli attacchi delle navi da guerra vanno ad aggiungersi ai raid aerei: “I primi missili sono stati lanciati da una nave vicino a Bilosaraiska Kosa, verso la città. L’ospedale regionale di Mariupol, inoltre, è sempre occupato dalle forze russe che costringono i medici a curare i loro feriti e usano anche i pazienti come scudo contro i tentativi di riprendere il controllo del nosocomio da parte dei nostri soldati”, ha dichiarato.

Anche Kharkiv è stata attaccata durante la notte, con due morti confermati e due edifici residenziali distrutti. Attaccata anche una scuola, una parte dell’edificio è stata distrutta. 

Non va meglio ad Odessa. Le navi russe presenti nel mar Nero hanno iniziato a bombardare le coste vicino alla città, principale porto del paese. Sono stati sparati razzi e colpi di artiglieria, informa sui social Anton Gerashchenko, Consigliere del Ministro degli Affari Interni dell’Ucraina. E poi, esplosioni si sono sentite nella notte alla periferia di Kiev.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Pakistan, strage in una moschea: kamikaze talebano si fa esplodere e uccide 89 persone

L'azione sarebbe una vendetta per l'uccisione del leader del Ttp Omer Khalid Khorasani, il cui vero nome era Abdul Wali Mohmand

Messico, strage in un bar: commando armato spara all’impazzata. Sette morti e sei feriti

Il massacro è avvenuto a Jerez: le persone decedute, sono cinque uomini e due donne, che stavano mangiando e ascoltando musica

Russia, custode di un villaggio vacanze dà un pugno a un cammello: l’animale lo uccide

Il 51enne è stato morsicato e calpestato. Subito è stato portato in ospedale ma per lui non c’è stato nulla da fare

California, sospettato di sette omicidi rischia la pena di morte

Sembra che il sospettato conoscesse le sue vittime, cinque uomini e due donne, di origine asiatica o ispanica, tutti braccianti

Iran, bruciò foto Khomeini: donna incinta condannata a morte

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto una "azione urgente" per contrastare tale decisione

Usa, cane in auto calpesta il fucile: parte un colpo che uccide il padrone

Secondo la ricostruzione riportata dai quotidiani nazionali, il 30enne stava andando a caccia e aveva lasciato l'arma sul sedile posteriore