Guerra in Ucraina, raid su Kiev: due i morti

Bombe anche su ospedale e scuole a Lugansk, sarebbero quattro le vittime. I rappresentanti di Russia e Ucraina, al ventesimo giorno di guerra, si incontreranno di nuovo per cercare di trovare un accordo che possa mettere fine al conflitto

Bombe anche su ospedale e scuole a Lugansk, sarebbero quattro le vittime. I rappresentanti di Russia e Ucraina, al ventesimo giorno di guerra, si incontreranno di nuovo per cercare di trovare un accordo che possa mettere fine al conflitto

L’ennesima notte di bombardamenti apre il ventesimo giorno di guerra in Ucraina. I rappresentanti di Russia e Ucraina si incontreranno ancora (in videoconferenza) per cercare di trovare un accordo che possa mettere fine al conflitto. Ma intanto si continua a combattere. Almeno due persone sarebbero morte dopo che un edificio residenziale di Kiev è stato colpito in un attacco. Lo riferisce il servizio di emergenza ucraino.

Almeno tre le esplosioni avvenute all’alba in una zona residenziale della capitale ucraina. Ad essere colpito è stato un palazzo di dieci piani: molti gli appartamenti in fiamme. Anche a Kharkiv sono state segnalate esplosioni in città.

Nella città ucraina di Rubezhnoye, nella regione del Lugansk, i bombardamenti Russi hanno colpito e distrutto un collegio per non vedenti, un ospedale cittadino, tre scuole e altre strutture militari. Sarebbero almeno 4 le vittime. Lo riferisce il Kiev Indipendent citando Serhiy Haidai, capo dell’amministrazione militare regionale del Lugansk su Telegram.

Oggi è atteso un nuovo incontro tra le delegazioni. I rappresentanti di Kiev continuano a rinnovare la richiesta di un immediato ‘cessate il fuoco’ e del ritiro delle truppe russe dal loro territorio. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è tornato a parlare in un discorso diffuso online nelle scorse ore: “In 19 giorni l’esercito russo ha avuto più soldati morti che nelle due sanguinose guerre in Cecenia”. Poi si è rivolto in russo ai militari russi: “Vi offro una scelta: a nome del popolo ucraino, vi diamo la possibilità di vivere. Se vi arrendete alle nostre forze militari, vi tratteremo come devono essere trattati gli esseri umani: con dignità. Il modo in cui non siete stati trattati dal vostro esercito. E il modo in cui il vostro esercito non tratta la nostra gente. Scegliete”.

“Sono grato a quei russi – ha aggiunto Zelensky – che non smettono di cercare di divulgare la verità, che stanno lottando contro la disinformazione e raccontano fatti reali ai loro amici e alle loro famiglie. Personalmente sono grato a quella donna che è andata nello studio di Channel One con un cartello contro la guerra”.  

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Vico nel Lazio – Il nuovo comandante della stazione carabinieri è il maresciallo Serino

Accolto con grande fiducia, Serino Raffaele sarà di sicuro un punto di riferimento della popolazione locale

Arpino – Violenza di genere, un corale “no” alla sopraffazione: il ruolo della scuola per i giovani

Gli studenti dell'IIS Tulliano di Arpino, sezione Liceo Scientifico, hanno partecipato ad un incontro dal forte valore simbolico e formativo

Cassino, riapre il viadotto di San Michele: conclusi i lavori di messa in sicurezza

Gli interventi hanno richiesto l'installazione di 85 pali a una profondità di trenta metri per bloccare la frana

Incidente in A1, mezzo pesante si ribalta e perde balle di paglia: due feriti e traffico in tilt

L’incidente tra Ferentino e Frosinone. I feriti trasportati in ospedale, rilievi al vaglio degli agenti della Polizia Stradale

Premio Emanuele Morganti, svelato il tema della terza edizione: “la rabbia”

Alatri- Ieri mattina la conferenza di presentazione del bando: dopo la "solitudine" e la "paura", spazio al tema della "rabbia"

Furto in tabaccheria nella notte, ladri immortalati dalle telecamere

Castelliri - Le telecamere di videosorveglianza hanno immortalato i malviventi che per il colpo hanno utilizzato un furgoncino
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -