Guerra, Kiev: “A Makariv trovati 133 corpi di persone torturate”

I massacri, le torture, i civili uccisi. I soccorritori hanno trovato corpi di persone torturate e uccise a Makariv, nella regione di Kiev

Makariv come Bucha. E’ il volto più crudo della guerra. I massacri, le torture, i civili uccisi. I soccorritori hanno trovato corpi di persone torturate e uccise a Makariv, nella regione di Kiev. Lo ha scritto in un tweet il ministero della Difesa ucraino definendo il ritrovamento “un nuovo, mostruoso crimine di guerra”.

A Makariv, città liberata da pochi giorni, i soccorritori stanno cercando anche le vittime dei bombardamenti russi rimaste sotto le macerie.

“A Makariv, dove il bilancio è salito a 133 morti, ci sono state diverse torture, con cadaveri rinvenuti con le mani legate, e almeno due casi di donne stuprate e poi uccise: una di queste è stata sgozzata. Abbiamo trovato i corpi”,  riferisce il sindaco di Makariv, Vadano Tokar, all’inviato dell’ANSA a Makariv.

Le immagini sono le stesse. Crude. Corpi legati, torturati e giustiziati. Donne stuprate e poi uccise. A Makariv come a Bucha dove si aggrava il bilancio delle vittime civili. “Secondo le autorità cittadine, risultano al momento complessivamente 360 civili uccisi, compresi almeno 10 bambini“, scrive la commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino Lyudmyla Denisova su Telegram.

Il presidente ucraino Zelensky nel suo ultimo video ha detto: “Come il massacro di Bucha, come tanti altri crimini di guerra russi, l’attacco a Kramatorsk deve essere inserito tra le accuse che saranno portate in tribunale, cosa che dovrà accadere. Tutti gli sforzi del mondo dovranno essere diretti a ricostruire ogni minuto – sottolinea -. Chi ha fatto cosa, chi ha dato gli ordini, da dove sono arrivati i razzi, chi li ha portati, chi ha dato l’ordine e come l’attacco è stato organizzato. La responsabilità è inevitabile”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Siria, epidemia di colera: 39 vittime e 600 contagi nel Paese già martoriato dalla guerra

Il focolaio delle infezioni si trova nel nord del territorio, nelle zone tra la metropoli settentrionale di Aleppo e il fiume Eufrate

Iran, 17enne muore nelle proteste per Mahsa Amini: le forze sicurezza “rubano” il corpo

Il cadavere è stato ritrovato, dieci giorni dopo, in un obitorio di un centro di detenzione della capitale, con il naso e il cranio fratturato

Ecuador, scoppia la rivolta in carcere: morti almeno 15 detenuti

Nelle perquisizioni dopo gli scontri, la Polizia ha trovato diversi tipi di armi da fuoco, inclusi fucili, oltre a coltelli e proiettili

Shock in Russia, rapper si suicida per non andare in guerra: l’annuncio in un video

Il 27enne ha pubblicato su Telegram un video in cui annunciava la tragedia: "Se stai guardando questo video non sono più vivo"

L’uragano Ian devasta la Florida, almeno 42 morti

"Ci vorranno mesi, anni per ricostruire in Florida quello che l'uragano ha distrutto". Lo ha detto il presidente americano Joe Biden

Kabul, attentato suicida in una scuola: 32 morti e oltre 40 feriti

L'aggressore ha sparato alla guardia dell'istituto, poi ha preso d'assalto l'aula e fatto detonare la sua cintura esplosiva tra gli studenti
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -