Hiv: parte sperimentazione su vaccino a mRNA di Moderna

Lo studio di fase 1 coinvolgerà circa 100 adulti Hiv-negativi, di età compresa tra 18 e 55 anni. Prima dose al primo paziente

Partita la sperimentazione del vaccino mRNA sviluppato da Moderna contro l’Hiv. Ad annunciarlo è la stessa azienda che spiega come il primo paziente arruolato per lo studio clinico abbia già ricevuto la prima dose.

Lo studio di fase 1 coinvolgerà circa 100 adulti Hiv-negativi, di età compresa tra 18 e 55 anni. L’ipotesi è che i vaccini mRNA possano essere ben tollerati e in grado di indurre la produzione di anticorpi neutralizzanti l’Hiv.

Il coordinatore del trial Larry Corey ha detto: “È gratificante vedere come l’esperienza con l’mRNA come piattaforma fondamentale per sviluppare il vaccino contro Covid-19 possa ora essere ora utilizzata per realizzare un vaccino contro l’HIV. Siamo ottimisti sul fatto che questo studio aprirà la strada ad approcci duraturi per l’utilizzo dell’mRNA nel campo dell’Hiv”.

Moderna sta lavorando anche a un secondo prodotto per prevenire l’Hiv nell’ambito della International AIDS Vaccine Initiative.
   

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Un camper da trasformare in ambulatorio pediatrico, il sogno sempre più vicino a divenire realtà

Frosinone - In 110 hanno partecipato alla cena solidale per raccogliere fondi a sostegno del progetto di "Teniamoci per mano Onlus"

Long Covid, molti pazienti manifestano disturbi dell’equilibrio: colpa della neuroinfiammazione

Le speranze di cura da uno studio internazionale. Numerosi i pazienti che continuano a manifestare sintomi dopo anni

Acqua potabile, conforme in quasi il 100% delle case: ma un italiano su tre non si fida

Lo afferma il primo rapporto elaborato dal Centro Nazionale per la Sicurezza delle Acque dell’Istituto Superiore di Sanità

“È vero che durante l’allattamento non posso rimanere incinta?”: i falsi miti da sfatare

La Asl risponde ad un interrogativo ancora molto comune: l'allattamento non è considerato un metodo sicuro di contraccezione

Pofi – “Banca delle Visite”, siglata l’intesa: passo avanti per la salute e la prevenzione

Un'iniziativa che sostiene il diritto alla salute per tutti e promuove la cultura della prevenzione per le fasce più fragili

Cambiamenti climatici, gli effetti degli eventi estremi sulla salute non possono essere ignorati

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) è in prima linea nelle azioni di ricerca e mitigazione dei rischi associati ai cambiamenti climatici
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -