Il ‘giallo’ del cartellino giallo a Qatar 2022: cosa ha minacciato davvero la Fifa ai Mondiali?

Secondo la stampa internazionale l'Inghilterra temeva che ai giocatori potesse essere impedito di scendere in campo

Il giallo del cartellino giallo. Cosa ha minacciato davvero la Fifa ai Mondiali di calcio di Qatar 2022? Possibile – comincia a chiedersi la stampa internazionale – che federazioni importanti come quelle di Inghilterra, Galles, Germania, Belgio, Svizzera, Paesi Bassi, e Danimarca, si facciano spaventare dalla minaccia di una semplice ammonizione inflitta al proprio capitano e per questo continuino a rispettare il diktat della Fifa che vieta la fascia arcobaleno al Mondiale in Qatar? E se non fosse solo quello lo spauracchio? A fare le domande è per esempio la tedesca Süddeutsche Zeitung, cui risponde indirettamente oggi un pezzo del Guardian: le Nazionali (non) ribelli temono di esporre i propri giocatori a una “responsabilità illimitata”, e a vere e proprie squalifiche. Secondo il giornale inglese l’Inghilterra temeva addirittura che gli fosse essere impedito di scendere in campo.

IN GERMANIA ACCUSANO: “RICATTO ESTREMO”

La Federazione tedesca ha descritto il comportamento della Fifa come un “ricatto estremo” e varie fonti indicano che non ci fosse chiarezza sul fatto che i capitani potessero essere semplicemente ammoniti. E nel caso di squalifica non era chiaro nemmeno se l’eventuale sospensione sarebbe stata limitata a una partita. Nessuno dei Paesi era disposto a mettere i propri giocatori in quella posizione.
Tra l’altro, aggiungono difendendosi gli inglesi, non è nemmeno vero che Kane facendosi ammonire per la fascia avrebbe creato un momento iconico. Perché il cartellino giallo sarebbe stato mostrato negli spogliatoi, disinnescando ogni potenziale simbolismo. La FA inglese sta cercando di capire se sarà legalmente possibile contestare la minaccia di sanzioni sportive da parte della Fifa.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Iran, bruciò foto Khomeini: donna incinta condannata a morte

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto una "azione urgente" per contrastare tale decisione

Usa, cane in auto calpesta il fucile: parte un colpo che uccide il padrone

Secondo la ricostruzione riportata dai quotidiani nazionali, il 30enne stava andando a caccia e aveva lasciato l'arma sul sedile posteriore

Usa, entra in un negozio e uccide tre persone a caso a colpi di pistola

Ancora un episodio di sangue a Yakima. Il killer, un giovane di 21 anni, si è poi suicidato nel magazzino dove si era rifugiato

Sangue e terrore a Mogadiscio, Al Shabaab attacca l’ufficio del sindaco: sei morti

Somalia - L'attentato, stando a quanto emerso, è iniziato con un'esplosione a cui ha fatto seguito uno scontro a fuoco

Orrore a Hong Kong: maiale si ribella e uccide un macellaio in un mattatoio

Cina - L’uomo è stato trovato senza vita da un collega. Aveva ancora la mannaia in mano e una tremenda ferita

Los Angeles, apre il fuoco con una mitragliatrice al luna park: almeno 9 morti

Diversi feriti durante i festeggiamenti del Capodanno lunare. La tragica vicenda ha avuto inizio alle 22 ora locale (le 7 italiane)