Processo Mollicone: “Serena non è morta in caserma”, in aula il consulente dei Mottola

Arce - Carmelo Lavorino fornisce una versione diversa da quella dell'accusa. Il 22 febbraio il confronto con i Ris

“Serena Mollicone, era alta 1,55. Il segno sulla porta della stazione dei carabinieri è a una distanza da terra di 1,54. Non può essere stata la porta a determinarne la morte”. Così ha spiegato il criminologo Carmelo Lavorino, consulente della difesa della famiglia Mottola, ascoltato in aula nell’ambito del processo, davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Roma, per l’omicidio della ragazza di Arce avvenuto nel 2001.

Il professor Lavorino ha aggiunto che “c’è una disparità evidente tra l’altezza di Serena e la frattura nella porta. La dottoressa Cattaneo del Labanof di Milano dice che la frattura sulla porta è all’altezza di 1,54 da terra e che ciò coincide con l’altezza approssimativa di Serena che sarebbe stata sbattuta contro la porta. Noi diciamo che non è possibile, che non può essere vero che una ragazza come Serena alta 1.55, anche se spinta, possa aver procurato una frattura, rimanendo peraltro ferita sull’arcata sopraccigliare che è più in basso, nella porta a un’altezza di 1,54”.

Il consulente, che compone il pool della difesa dei tre membri della famiglia Mottola finiti sotto processo con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere – parliamo dell’ex comandante della caserma dei carabinieri di Arce, il maresciallo Franco Mottola, della moglie Anna Maria e del figlio Marco – tornerà dinanzi alla Corte il prossimo 22 febbraio quando verrà messo a confronto con i carabinieri del Ris che hanno svolto gli accertamenti tecnico-scientifici nella caserma di Arce.

- Pubblicità -
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti
Angela Nicoletti, giornalista professionista iscritta all’albo dal 1998 si occupa di cronaca e giudiziaria sia in provincia di Frosinone che a livello nazionale. Ha collaborato e collabora con le prestigiose testate: Il Mattino di Napoli e Il Tempo. Dal 2001 è la referente per il basso Lazio dell’agenzia giornalistica AGI. Le sue inchieste giornalistiche sono sfociate anche in delicate indagini della magistratura. Nel 2018 è stata insignita del premio letterario e giornalistico dedicato a Piersanti Mattarella con un reportage sui beni confiscati alla criminalità organizzata

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Infermiera aggredita allo Spaziani: sindacati sulle barricate, “sanitari lasciati soli in trincea”

Frosinone - Cuozzo e Proia tornano ad intervenire dopo l'ennesima aggressione in ospedale: "Il tempo delle attese è finito"

Strade al buio tra Sora ed Isola del Liri, pericoli e disagi per gli automobilisti: occorre intervenire

Situazione pericolosa su via Romana Selva, dall’uscita della superstrada è buio pesto da giorni. Non va meglio su via Napoli

Ristorante trovato in pessime condizioni igienico-sanitarie dai Nas: attività sospesa e maxi multa

Cassino - I Nas hanno riscontrato la grave situazione nel laboratorio per la lavorazione degli alimenti ed è scattato il provvedimento

Alatri – Ladri in azione in un’abitazione, torna l’incubo furti: allerta massima tra i residenti

I malviventi sono entrati in azione dopo le 18 forzando una finestra con un cacciavite, poi la fuga nei campi

Giovane infermiera morta, la lettera della sorella: “Cercate Loredana in un raggio di sole. Lei vivrà sempre dentro di noi”

Cassino - La struggente lettera di ringraziamento della famiglia Rotaru ai colleghi e agli amici dell'infermiera scomparsa

Cuoca cassinate protagonista su Rai 1: la signora Patrizia porta a casa 10mila euro

San Vittore del Lazio - Protagonista della puntata Patrizia Evangelista, cuoca presso la caserma dei carabinieri di Cassino
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -