Ricoverato in ospedale per un delicato intervento, il grazie di un paziente ai sanitari

L'uomo, agente della Penitenziaria in pensione, è rimasto in ospedale per 18 giorni. Dopo le sue dimissioni ha voluto scrivere una lettera

Frosinone – Agente della Polizia Penitenziaria in pensione viene ricoverato presso il reparto di chirurgia dell’ospedale Spaziani e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. L’uomo, G.N., è rimasto in degenza per 18 giorni prima di tornare a casa. Dopo le sue dimissioni, con una lettera indirizzata alla Asl, ha voluto ringraziare tutto il personale del reparto e della struttura per come è stato assistito. “Hanno sempre avuto un sorriso per me”, scrive.

La lettera di ringraziamento

“Sono un paziente in pensione della Polizia Penitenziaria, scrivo per informare quanto segue. In genere si dice che in ospedale non funziona nulla, che il paziente viene abbandonato e lasciato senza assistenza. Tutto questo lo voglio smentire in quanto io sono rimasto in degenza 18 giorni per un intervento chirurgico di emicolectomia sinistra per neoplasia del sigma nel reparto chirurgia dell’ospedale Spaziani di Frosinone. Per il trattamento ricevuto mi sento in dovere di fare una nota di merito al reparto, ai medici, infermieri, portantini e gli addetti alle pulizie che hanno svolto con professionalità il loro lavoro e soprattutto hanno sempre avuto un sorriso per me, che molte volte supera la medicina. Pertanto ringrazio questo magnifico reparto. G. N.”

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

“Cerco un uovo amico”, la Polizia di Stato sostiene la ricerca contro il neuroblastoma

Il neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia durante il periodo prescolare. Il sostegno alla ricerca sui tumori solidi pediatrici

Emicrania, prima causa di disabilità al mondo tra i giovani: è possibile prevedere un attacco?

Emicrania prima causa di disabilità al mondo nella fascia giovane della popolazione: influisce in maniera negativa sulle attività quotidiane

Sclerosi multipla, gardenie e ortensie in piazza a sostegno della ricerca: “Bentornata Gardensia”

Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 marzo, numerosi saranno i volontari presenti nelle più importanti piazze della Ciociaria

Arresto cardiaco, defibrillatore extravascolare salva la vita ad un uomo: primo intervento nel Lazio

L'intervento al Policlinico Umberto I di Roma. Il primo paziente a beneficiare di questo avanzamento tecnologico è stato Gianluigi, 65 anni

Sanità, rinnovato l’accordo per i medici di Pronto Soccorso. Obiettivo: migliorare l’assistenza nel Lazio

I sindacati riconoscono la crescita professionale e il miglioramento del livello di assistenza. La soddisfazione degli esponenti politici

Epilessia, quando può essere il primo sintomo di un tumore cerebrale? Cosa sappiamo

Quando l'epilessia è il primo sintomo di un tumore cerebrale: nel 3,6 per cento dei casi convive con il cancro
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -