Sanità, carenza cronica di personale nella Asl ciociara: l’appello del sindacato Cisl Fp

L'intervento del Segretario Generale della Cisl Fp Frosinone, Cuozzo e del Responsabile Sanità Pubblica Cisl Fp Frosinone, Gaetani

Effettuare una ricognizione del personale procedendo al conseguente reclutamento che possa, finalmente, risolvere la cronica carenza di personale. La Cisl Funzione Pubblica di Frosinone interviene in merito alla situazione che si sta vivendo nell’Azienda sanitaria della Ciociaria. Dopo l’annuncio delle nuove assunzioni da parte della Regione Lazio, l’organizzazione sindacale accende i riflettori su croniche carenze di personale che renderanno molto complicati i turni di lavoro nei prossimi mesi, soprattutto in vista delle imminenti ferie estive.

«Ad oggi si vive una situazione con una ridotta dotazione organica che creerà non pochi problemi soprattutto in questo periodo con l’approssimarsi delle ferie estive – affermano il Segretario Generale della Cisl Fp Frosinone Antonio Cuozzo e il Responsabile Sanità Pubblica Cisl Fp Frosinone Vincenzo Gaetani – Una situazione cronica che porta i dipendenti a cumulare un cospicuo numero di ferie residue, spesso degli anni precedenti, monte ore ed orario tecnico. È per questo motivo che la Cisl Fp da tempo sensibilizzava gli uffici preposti, battendosi al rispetto della sicurezza e della salute delle lavoratrici e lavoratori, con anche la finalità di un miglior servizio reso all’utenza, chiedendo il rispetto dell’applicazione degli indici Agenas di dotazione organica in base al fabbisogno, tenendo conto dell’indicatore Ica (Indicatori di Complessità Assistenziale) di ogni Unità Operativa Aziendale, sia Territoriale che di Presidio Ospedaliero. I suggerimenti nei vari tavoli sindacali, sono stati più volte illustrati al direttore sanitario aziendale, proponendo, in attesa che si concretizzi il prossimo piano di assunzioni promesso dalla Regione Lazio, di effettuare con urgenza una ricognizione del personale per profilo, all’interno dei servizi o altro, rispettando ovviamente le eventuali prescrizioni del medico competente, al fine di reclutare personale che da anni, ingiustificatamente si trova ad espletare mansioni fuori profilo o addirittura fuori ruolo, in mancato rispetto del proprio inquadramento giuridico».

Proprio per questo motivo il Segretario Cuozzo e il Responsabile Gaetani invitano il «Direttore Sanitario Aziendale ad una urgente verifica, in quanto altro personale strutturato già in forza permetterebbe di fronteggiare le emergenze, e di consentire ai preposti coordinatori di garantire il rispetto dei regolamenti sull’orario di lavoro e conseguente riposo psico-fisico a tutte le lavoratrici e lavoratori che ogni giorno si trovano in prima linea a fronteggiare sotto organico i livelli essenziali di assistenza, in mancato rispetto dei carichi di lavoro individuali. Occorre sottolineare, tuttavia, che una prima risposta l’Azienda l’ha offerta con deliberazione a breve dell’attivazione dell’Istituto delle ore in prestazioni aggiuntive, come avviene ogni anno, ma essendo un Istituto con adesione su base volontaria, con i requisiti regolamentati a livello regionale, “molto restrittivi” per chi ha specialmente limitazioni, e considerato l’imminente periodo di ferie estive, l’adesione alla copertura delle varie esigenze potrebbe non avere così tanto riscontro come disponibilità da parte dei lavoratori, già in sofferenza psico-fisica, derivante dai turni compresi nel debito orario mensile.

Da aggiungersi alla carenza di personale – prosegue la nota del sindacato – che nei reparti di degenza vi è personale in corso di imminente congedo a riposo e beneficiari della Legge 104/92, situazioni che si vanno cumulando, non permettendo il rispetto di quanto regolamentato, in accordo tra parte datoriale ed organizzazioni sindacali. Quindi l’unica soluzione temporanea è che ognuno svolga il proprio profilo, senza se e senza ma, in modo da garantire un’equa ripartizione dei carichi di lavoro individuali, considerato che ogni risorsa umana non utilizzata per profilo di appartenenza per i contribuenti corrisponde ad una spesa pubblica di circa 150 ore mensili. Nel caso di una mancata capillare ricognizione del personale in servizio, infatti, l’alternativa unica è ricorrere alle prestazioni aggiuntive con aggravio della spesa pubblica».

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Energia elettrica, fine tutela nel caos: come orientarsi in questa fase tra dubbi e incertezze

In questa fase si assiste ad un accentuarsi del teleselling selvaggio. Lo denuncia l’associazione degli utility manager Assium

Solstizio d’estate e yoga, un binomio perfetto per ritrovare se stessi

Cassino - L'originale e rilassante iniziativa in programma per venerdì 21 giugno dalle 17 alle 20 presso i campi dell'Università alla Folcara

‘Memorial Doriana Scittarelli’, il ricordo della brillante ricercatrice a due anni dalla scomparsa

Sant'Apollinare - Prende il via sabato 22 giugno l'evento dedicato alla ricercatrice morta tragicamente in provincia di Mantova

Caldo senza precedenti, in arrivo l’anticiclone Minosse: sarà un’estate torrida. Rischi e consigli

I consigli per affrontare i prossimi giorni in cui sono previste temperature record. Torna il mantra: "Non uscite nelle ore più calde"

Precariato in Ciociaria, tre contratti di lavoro su quattro sono atipici: futuro a tinte fosche

Dilaga la precarizzazione: lo dicono i dati del dossier della Uil del Lazio e dell’Istituto di ricerca Eures

Regione Lazio, al via il bando energia per le Pmi: 40 milioni per efficientamento e rinnovabili

“Efficienza Energetica e Rinnovabili per le Imprese”, il contributo è a fondo perduto. Ieri la presentazione ufficiale
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -