Vitiligine non segmentale con coinvolgimento del viso, autorizzato nuovo farmaco rivoluzionario

Ruxolitinib crema è il primo e unico trattamento approvato nell’Unione Europea ad offrire supporto per la ripigmentazione

Incyte ha annunciato che la Commissione Europea (CE) ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio per ruxolitinib crema 15 mg/g per il trattamento della vitiligine non segmentale con coinvolgimento del viso in adulti e adolescenti a partire dai 12 anni di età. Ruxolitinib crema è il primo e unico trattamento approvato nell’Unione Europea (UE) a offrire supporto per la ripigmentazione in pazienti idonei con vitiligine non segmentale, una malattia autoimmune cronica caratterizzata da depigmentazione della pelle e ridotta qualità della vita. La decisione della CE fa seguito al parere positivo ricevuto all’inizio di quest’anno dal Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia europea per i medicinali ed è applicabile a tutti i 27 Stati membri dell’Unione Europea, all’Islanda, alla Norvegia e al Liechtenstein.

“L’approvazione di ruxolitinib crema da parte della Commissione Europea rappresenta un progresso significativo per le persone che vivono con vitiligine non segmentale con coinvolgimento facciale che, fino ad ora, non avevano alcun trattamento medico approvato per indurre la ripigmentazione- ha dichiarato Hervé Hoppenot, CEO di Incyte- Questa approvazione non sarebbe stata possibile senza il supporto dei pazienti affetti da vitiligine e della comunità medica e senza gli sforzi dei nostri team di ricerca e sviluppo. Ora lavoreremo nei singoli Paesi europei per portare questa tanto attesa terapia ai pazienti idonei che cercano di trattare la propria vitiligine”.

La decisione della commissione europea: gli studi su Ruxolitinib

La decisione della Commissione Europea si basa sui dati di due studi clinici registrativi di fase 3 (TRuE-V1 [NCT04052425] e TRuE-V2 [NCT04057573]), che hanno valutato l’efficacia e la sicurezza di ruxolitinib crema rispetto al veicolo (crema non medicata) in più di 600 persone con vitiligine non segmentale, di età pari o superiore a 12 anni. I risultati del programma TRuE-V hanno dimostrato che il trattamento con ruxolitinib crema ha determinato miglioramenti significativi nella ripigmentazione facciale e di tutto il corpo rispetto al veicolo, come dimostrato dal numero di pazienti che hanno raggiunto gli endpoint dell’indice di punteggio dell’area della vitiligine facciale e corporea totale (Facial and Total body Vitiligo Area Scoring Index – F-VASI and T-VASI) alla settimana 24 rispetto al veicolo e in un’estensione in aperto alla settimana 521. I risultati alla settimana 24, coerenti in entrambi gli studi, hanno mostrato che il 29,8% e il 30,9% dei pazienti trattati con ruxolitinib crema ha ottenuto un miglioramento di almeno il 75% rispetto al basale nell’indice di punteggio dell’area della vitiligine facciale (F-VASI75), l’endpoint primario, rispetto al 7,4% e 11,4% dei pazienti trattati con il veicolo rispettivamente in TRuE-V1 e TRuE-V2. Alla settimana 52, dei pazienti trattati con ruxolitinib crema ha raggiunto la risposta F-VASI75 circa un paziente su due. Inoltre, alla settimana 24, oltre il 15% dei pazienti trattati con ruxolitinib crema ha ottenuto un miglioramento =90% rispetto al basale nel punteggio F-VASI (F-VASI90) rispetto a circa il 2% dei pazienti trattati con veicolo. Alla settimana 52, dei pazienti trattati con ruxolitinib crema ha raggiunto una risposta F-VASI90 circa un paziente su 3. Non ci sono stati eventi avversi gravi correlati al trattamento con ruxolitinib crema e la reazione avversa più comune è stata acne nella sede di applicazione. I dati degli studi registrativi di fase 3 a sostegno della decisione della Commissione Europea sono stati anche pubblicati su The New England Journal of Medicine.

“L’approvazione di ruxolitinib crema è una buona notizia per i dermatologi e i pazienti idonei in Europa che spesso affrontano difficoltà nella gestione della vitiligine- ha affermato il Prof. Dr. Markus Böhm, Dipartimento di Dermatologia, Università di Münster, Germania- TRuE-V è il primo programma di studi clinici su larga scala per la vitiligine e i suoi risultati dimostrano chiaramente i miglioramenti clinicamente significativi nella ripigmentazione facciale e corporea totale osservati con ruxolitinib crema e il suo potenziale per ottimizzare ulteriormente la cura e gli esiti nei pazienti”.

Cos’è la vitiligine

La vitiligine è una malattia autoimmune cronica caratterizzata da depigmentazione della pelle che si traduce in una perdita a chiazze del colore della pelle in seguito alla progressiva distruzione delle cellule produttrici di pigmento, note come melanociti. Si ritiene che l’iperattività della via di segnale JAK guidi l’infiammazione coinvolta nella patogenesi e nella progressione della vitiligine. Nell’Unione Europea, nei Paesi del SEE e nel Regno Unito si stima che la prevalenza della vitiligine diagnosticata sia di circa 1,5 milioni di pazienti, di cui circa 8 su 10 soffrono di vitiligine non segmentale, e un sottogruppo di questi presenta un coinvolgimento del viso e richiede un trattamento. La vitiligine può verificarsi a qualsiasi età, anche se molti pazienti con vitiligine manifestano i primi sintomi prima dei 30 anni. “La vitiligine è una malattia autoimmune cronica che ha un impatto su molti aspetti della vita di una persona- ha dichiarato Jean-Marie Meurant, Vicepresidente del Comitato Internazionale delle Organizzazioni dei Pazienti affetti da Vitiligine (VIPOC)- L’arrivo di nuove opzioni terapeutiche è importante per la nostra comunità, perché offre alle persone affette da vitiligine ciò che speravano da tempo: la possibilità di scegliere di trattare la propria patologia”. – Fonte Agenzia DIRE www.dire.it

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Caldo e gambe gonfie, i consigli degli esperti contro l’insufficienza venosa e il ruolo dell’ananas

Un problema erroneamente considerato solo estetico che invece necessita di attenzione e cura. L'AFI illustra i rimedi

Salute della donna, open week al Policlinico Tor Vergata: screening di prevenzione gratuiti

Il Policlinico aderisce anche quest’anno all’H-Open Week con l’obiettivo di promuovere l’informazione, la prevenzione e la cura al femminile

Colon irritabile nei piccoli pazienti pediatrici, ecco le prime linee guida italiane

L’obiettivo primario è quello di limitare sia il ricorso indiscriminato ad esami invasivi e inutili sia l’utilizzo di farmaci

Caregiver familiari, nel Lazio c’è la legge: supporto concreto a chi si prende cura dei malati

Sostegno finanziario ai cittadini laziali che si dedicano alla cura di parenti stretti affetti da gravi disabilità

L’estetica oncologica per la salute del malato: focus della Alteri al convegno “Città di Ceccano”

A relazionare Stefania Alteri, pioniera dell’estetica oncologica in provincia di Frosinone. Il convegno venerdì a Palazzo Gramsci

“Run4Hope Italia 2024 Pro AIL”, i carabinieri alla staffetta della solidarietà: sostegno alla ricerca

Lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma. Domenica mattina ad Arce, nell’ambito di tale iniziativa, si è svolta la staffetta solidale
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -