Chirurgia ortopedica navigata, primo intervento a Cassino

Al Santa Scolastica un intervento chirurgico di Impianto Artroprotesi Inversa di Spalla con l’utilizzo della “Navigazione"

Innovazione e importante passo in avanti nell’approccio alla chirurgia ortopedica presso l’Ospedale “Santa Scolastica” di Cassino dove è stato eseguito un intervento chirurgico di Impianto Artroprotesi Inversa di Spalla con l’utilizzo della “Navigazione”.

La particolare tecnica d’intervento
L’intervento di protesi navigata di spalla si avvale di un sistema di impianto ad elevata tecnologia con un sistema GPS che guida e orienta il chirurgo nella scelta e nel posizionamento della protesi. Si tratta di un sistema che funziona tramite sensori, supportato dalla simulazione virtuale 3D fin dalla fase preoperatoria (pianificazione) di raccolta dei dati anatomici con gli esami diagnostici (TAC). In pratica, prima dell’intervento il chirurgo può vedere in una simulazione il risultato finale dell’intervento suggerito dal sistema operativo.

Durante l’intervento, il chirurgo vede proiettato su uno schermo i dati 3D della spalla del paziente, oltre ad avere una localizzazione precisa degli strumenti e dei dispositivi che sta utilizzando per impiantare la protesi. La chirurgia computer navigata permette di impiantare la protesi di spalla con un livello di precisione elevatissimo, riducendo così al minimo i rischi di errori e quindi complicanze post operatorie quali per esempio la lussazione della protesi o la mobilizzazione precoce della stessa.

La paziente
Tale intervento è stato eseguito su una paziente di 79 anni del Cassinate, che a causa di una “Lesione Massiva della Cuffia dei rotatori” ed a causa di ripetuti traumi aveva lussazioni recidivanti della stessa articolazione. Dopo aver eseguito altre operazioni con scarsi risultati si è rivolta al Santa Scolastica.

L’intervento, eseguito dal Direttore di Ortopedia e Traumatologia Dott. Pietro Dalla Vedova coadiuvato dal Dott. Giantony Di Giorgio, con l’assistenza del Primario Anestesista Dott.ssa Emanuela Callegaro ed il suo aiuto dott. Elio Calcagni e con l’equipe di Sala Operatoria coadiuvata dalla CPSi Giuseppina Mentella, è durata circa 1 ora ed è perfettamente riuscito.

Il primo intervento a Cassino: parla di dottor Dalla Vedova

“Questa metodica ci permette di avere numerosi vantaggi nel trattamento di questa patologia e di altre. Ad esempio, aumento di precisione nel posizionamento della protesi, aumento qualità di vita nel post-operatorio breve, aumento longevità della protesi (10-15 anni), miglioramento mobilità post-operatoria, miglioramento possibilità di riprendere a fare sport, purché senza esagerare. Dopo il primo trapianto di osso da cadavere, continua il processo di evoluzione dell’Ortopedia della Asl di Frosinone”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Due tentativi di suicidio in poche ore, una ragazzina e un uomo in ospedale: l’emergenza che politica e istituzioni continuano ad ignorare

A Settefrati una ragazzina di 15 anni ha cercato di togliersi la vita. Stesso tentativo messo in atto da un uomo a Ceccano

Rinite allergica: sintomi, cause e possibili complicanze di un disturbo molto diffuso

Se ne può soffrire in alcuni mesi, nel caso di allergeni stagionali, oppure tutto l'anno nel caso di allergeni non legati alla stagione

Funerali Giovanna Porretta, domani l’addio alla giovane mamma trovata senza vita in casa

Il dramma nell'abitazione di Pescosolido dove la donna viveva. Shock nell'intero comprensorio sorano da quando la notizia si è diffusa

Incidente mortale sul lavoro, la vittima è Vincenzo De Lorenzis

Ceprano - L'uomo, classe 1966, non è sopravvissuto alle profonde ferite alla testa causate dalla caduta di una trave di ferro

Si accascia e muore mentre lavora in un noto stabilimento, stroncato da un malore

Anagni - Inutile ogni tentativo di salvare l'uomo, classe '67 di Colleferro, che stava eseguendo alcuni interventi nello stabilimento

Semina il caos al Pronto Soccorso, minaccia di togliersi la vita e si lancia dalla finestra

Frosinone - I carabinieri lo hanno arrestato dopo che lo stesso, nel dimenarsi, ha anche spaccato il finestrino dell'auto di servizio
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -