Frosinone città cardio-protetta: il progetto

Il candidato Belli: "La morte cardiaca improvvisa è una delle maggiori cause di mortalità fra giovani e adulti. Ecco il perché del progetto"

Frosinone città cardio-protetta: il progetto – “Perché i defibrillatori in citta? La morte cardiaca improvvisa è una delle maggiori cause di mortalità fra giovani e adulti. Se non si è in grado di intervenire in pochi minuti (5/6 al massimo) con un massaggio cardiaco e una scarica elettrica la morte sopraggiunge. L’unico modo per poter intervenire in un tempo così limitato, è quello di avere sul territorio una forte dotazione di defibrillatori da diffondere su suolo pubblico”. Lo sostiene Stefano Belli, candidato al consiglio comunale per la lista “FROSINONE CAPOLUOGO”, nonché già sindaco di Patrica per tre legislature.

“La presenza di defibrillatori semiautomatici DAE adeguatamente segnalati servono per salvaguardare i cittadini e offrire loro una possibilità in più di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco. L’obiettivo è anche formare attraverso corsi BLS-D (Basic Life Support-Defibrillation) i cittadini che si rendono volontari. Diffondere nella popolazione la cultura del primo soccorso in situazioni di emergenza – prosegue Belli – è cosa importantissima e rende una citta all’avanguardia. Inoltre mantenere in perfetto stato di funzionamento i defibrillatori nel tempo, attraverso un adeguato programma di assistenza e manutenzione DAE è fondamentale. Tutto ciò rende una città sicura a livello sanitario.

Il progetto – conclude Belli – si rivolge principalmente alle Amministrazioni Comunali ma anche ad Associazioni di Volontariato o chiunque voglia contribuire a rendere la sua città più sicura, per far si che la vivibilità tra la gente sia notevolmente protetta. Penso che il nuovo sindaco dovrà tenere in considerazione questa iniziativa. Belli conclude dicendo: “Nessuno meglio del Dott. Riccardo Mastrangeli potrà organizzare questo progetto”-

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l’intento di offrire al territorio “Una voce oltre la notizia”. Nasce dall’esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti…

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Aree di crisi complessa, Battisti presenta un’interrogazione e Maura la bacchetta

La consigliera regionale: "Avviare subito le pratiche”. Maura: “Certa sinistra predica bene e razzola male”

Solidarietà alle forze dell’ordine, la dura presa di posizione di FdI contro il dilagante clima d’odio

Massimo Ruspandini, Daniele Maura e Paolo Pulciani hanno incontrato il Vicario del Questore per testimoniare la loro vicinanza

Elezioni Comunali – Franco Moscone si ricandida a sindaco di Casalvieri

“Le motivazioni di questa scelta sono tante. In quest’ultima consiliatura, abbiamo messo in campo molte iniziative”, spiega Moscone

Carceri, Regimenti: “Puntare sul reinserimento sociale dei detenuti per abbattere la recidiva”

L'assessore regionale: "Diversi gli ambiti sui quali stiamo lavorando e sui quali ci confronteremo con il Garante per i diritti dei detenuti"

Consorzio industriale, il neo commissario Trequattrini subito al lavoro: il commento nel giorno della nomina

Questa mattina la nomina ufficiale. Finisce l’era De Angelis e per il Consorzio Industriale inizia una nuova fase: c’è tanto da lavorare

Hospice a domicilio, cure palliative e Pronto Soccorso: la Savo illustra l’accordo tra Asl e sindacati

Siglata dalle Organizzazioni sindacali della Medicina Generale della provincia un'intesa con la ASL: ecco cosa cambierà
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -