Oggi è la giornata mondiale della salute: il monito

Il tema scelto per l'edizione 2022 della ricorrenza è "Il nostro pianeta, la nostra salute". L'Oms lancia un appello urgente

Si celebra oggi, 7 aprile 2022, la Gionata mondiale della Salute. La data coincide con il giorno in cui si commemora il 74esimo anniversario dell’avvio dell’attività dell’Organizzazione mondiale della sanità, l’agenzia delle Nazioni Unite.

Il tema scelto per l’edizione 2022 della ricorrenza è “Il nostro pianeta, la nostra salute” (“Our Planet, Our Health). L’Oms ha, infatti, lanciato un appello urgente a tutti i leader mondiali e ai cittadini affinché venga intrapresa quanto prima un’azione comune “per preservare e proteggere la salute” prendendosi cura del pianeta.

Giornata mondiale della salute: il monito dell’Oms

“Nel mezzo di una pandemia, con un pianeta inquinato, con malattie in aumento come cancro, asma, malattie cardiache nella Giornata mondiale della salute 2022, – sottolinea l’Oms -ci concentreremo sull’attenzione globale sulle azioni urgenti necessarie per mantenere gli esseri umani e il pianeta in salute e promuovere un movimento per creare società incentrato sul benessere”. L’Organizzazione mondiale della sanità stima che oltre 13 milioni di decessi in tutto il mondo ogni anno siano dovuti a cause ambientali evitabili, inclusa la crisi climatica, definita come “la più grande minaccia sanitaria per l’umanità”.

Un appello che punta a ricordare – se ancora ce ne fosse bisogno – quanto influisca negativamente sulla salute globale il disastro climatico e ambientale che la Terra sta subendo da troppo tempo e del quale l’uomo continua a essere il maggior responsabile. In pratica, sintetizza l’OMS, la crisi climatica è anche una crisi sanitaria.

Oms: la scommessa per il 2022

“Il 2022 si preannuncia come un anno molto impegnativo. I casi di CoVID-19 continuano ad aumentare, alimentati dalle nuove varianti e dalla persistente disuguaglianza del vaccino, oltre che dai conflitti in corso e da quelli nuovi. Tutto questo ha un grave impatto sui sistemi sanitari del mondo, in particolare nei Paesi che affrontano crisi umanitarie. Per la prima volta nella storia dell’OMS, stiamo lanciando un unico appello – conclude l’Oms- che include esigenze sanitarie di emergenza e umanitarie per ogni Paese dell’OMS nel 2022”.

L’obiettivo è chiaro e non basterà parlarne solo in occasione della Giornata mondiale della salute. E’ necessario creare oggi, e per le generazioni future, una società incentrata sul benessere: l’attenzione globale deve puntare a promuovere azioni necessarie per mantenere sana la Terra e coloro che la abitano.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Un camper da trasformare in ambulatorio pediatrico, il sogno sempre più vicino a divenire realtà

Frosinone - In 110 hanno partecipato alla cena solidale per raccogliere fondi a sostegno del progetto di "Teniamoci per mano Onlus"

Long Covid, molti pazienti manifestano disturbi dell’equilibrio: colpa della neuroinfiammazione

Le speranze di cura da uno studio internazionale. Numerosi i pazienti che continuano a manifestare sintomi dopo anni

Telelavoro con vista mare? Il nuovo trend della workation. Sempre più aziende con la settimana corta

D'estate è sempre più comune lavorare nella modalità smart da località di mare. Ma come fare per concentrarsi ed essere efficienti?

Acqua potabile, conforme in quasi il 100% delle case: ma un italiano su tre non si fida

Lo afferma il primo rapporto elaborato dal Centro Nazionale per la Sicurezza delle Acque dell’Istituto Superiore di Sanità

“È vero che durante l’allattamento non posso rimanere incinta?”: i falsi miti da sfatare

La Asl risponde ad un interrogativo ancora molto comune: l'allattamento non è considerato un metodo sicuro di contraccezione

Pofi – “Banca delle Visite”, siglata l’intesa: passo avanti per la salute e la prevenzione

Un'iniziativa che sostiene il diritto alla salute per tutti e promuove la cultura della prevenzione per le fasce più fragili
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -